sabato 22 agosto 2009

Day 13: arrivo a Santa Monica

Santa Monica Pier by szeke (busy).

Dopo la notte brava al Tao del Venetian, decidiamo di dedicare maggiore spazio al sonno, anche se poi in prima mattinata veniamo svegliati dalla schiava delle pulizie in suite. Ormai che ci siamo ne approfittiamo per dedicare la mattinata alla città stato dell'albergo, e facciamo un po' di shopping (tra cui la cartolina per il fondo) tra i mille negozi che si aprono sui canali e su Piazza San Marco fedelmente ricostruiti.
Pomeriggio passato noiosamente e sonnolentamente in macchina, per arrivare a Los Angeles e quindi Santa Monica. Piccola sosta a Baker, dove avevo letto su internet che c'è il termometro piu alto del mondo. Mah al di là della grandezza, fa cacare, non so se poi sia vero che è il piu alto del mondo. Comunque essendo una cittadina inutile, al confine tra death valley e mojave desert, quel termometro segna la temperatura più alta mai raggiunta in valle. Come già detto, inutile.
Arriviamo a Santa Monica dopo dribbling strenuanti tra il traffico cittadino. Qui le corsie non si contano, ma c'entra un campo da calcio di traverso in autostrada...
Cena al Pier di Santa Monica in un mexican seafood sull'oceano (tipo il Piccolo Mondo a Follonica) e poi giratina a piedi lì nei dintorni. Fine giornata. Anche domani sveglia presto, per il tour di L.A. e Universal Studios.

1 commento:

  1. "tipo il piccolo mondo a follonica" è il commento più bello finora.

    RispondiElimina