domenica 13 giugno 2010

Jeffery Deaver - Requiem per una pornostar



Autore: Jeffery Deaver
Pagine: 550
Editore: Rizzoli
Voto:   
Pagina di Anobii
 
Trama:

La giovane Rune ha lasciato il negozio di video, fa l’assistente di produzione per un importante studio di documentaristi e vive in una casa galleggiante sullo Hudson. Mentre passa accanto a un cinema a luci rosse, una bomba esplode all’interno della sala. L’attentato viene rivendicato da un gruppo di cristiani fondamentalisti, e Rune decide di realizzare un documentario sull’accaduto. Per questo incontra Shelly Lowe, la protagonista del film proiettato al momento dell’esplosione, che dovrebbe diventare la sua guida nel mondo del porno. Ma anche Shelley viene uccisa da una bomba, sotto gli occhi di Rune, che si convince che la pista degli attentati religiosi sia solo una copertura, e che il vero obiettivo fosse Shelly. Insieme a Sam Healy, un agente della squadra esplosivi, comincia un’indagine che, attraverso una serie di colpi di scena, giungerà a una soluzione sconcertante e imprevedibile.
 
Commento personale:
Romanzo un po' acerbo, uno dei primi Deaver. Forse letto sull'onda del suo successo, altrimenti passato nel dimenticatoio. Si notano alcune imperfezioni, ma anche il suo stile classico con repentini colpi di scena. Il finale poteva sembrare scontato, poco curato e frettoloso, ed invece si è salvato a scapito di qualche macchinazione troppo forte per arrivarci. Il personaggio Rune, purtroppo abbandonato in futuro, è creato appositamente per accalappiare le simpatie dei lettori. L'ambientazione fine anni ottanta è interessante così come il mondo marginale del cinema, che ho già avuto modo di apprezzare con la trilogia di Pellam. Il tema trattato qui, il porno, fa da cornice ad un thriller avvincente, un po' sottotono ed un po' semplicistico, ma la sua lettura fa comunque bene agli amanti del giallo.

Nessun commento: