domenica 26 settembre 2010

Player musicale per Ubuntu: Amarok

Dopo averne provati diversi, ho trovato un player musicale per Ubuntu con cui mi trovo bene per la sua completezza: Amarok. E' anche vero che un software dalle innumerevoli funzioni o capacità è inutile, se non addirittura controproducente, se non lo si utilizza nella sua totalità. Può esssere il caso di Amarok, visto che non è leggerissimo, ma integra molte funzionalità "live" ad esempio come l'integrazione con Jamendo e MagnaTune o la ricerca del testo e della cover di un album Per districarsi nella sua configurazione, sebbene non sia niente di trascendentale, consiglio l'utilizzo di questa guida.
Il setting richiede qualche minuto, ma esclusi gusti particolari, la maggior parte delle features sono impostate di default. Una volta inseriti anche i dati del proprio account Lastfm (che uso e mi piace sempre meno) verranno sincronizzate le nostre playlist con il sito musicale. Oltre questo dispone di un bel equalizzatore e consente di usare come database mysql, interagisce con MusicBrainz per etichettare ed avere informazioni sulla propria musica, che può anche essere votata creando scalette in base ai propri gusti.
Unica pecca, il fatto di doversi sbattere un po' per fargli suonare gli mp3. Eh già, perchè l'etica e la moralità degli sviluppatori vuole che il formato standard per il lossy, il formato più utilizzato della rete, non venga riprodotto, per scelte (decisamente discutibili) legate alla libertà del formato. Vista la grande coerenza però che va c'è al mondo d'oggi, è possibile "aggirare" il problema. Copiare sul terminale queste stringhe:

sudo apt-get install libxine1-ffmpeg
 
sudo apt-get install kubuntu-restricted-extras

In modo che gli mp3 vengano riprodotti anche da Amarok. Che sul pianeta Terra non tutti ascoltano ogg, forse poteva venire in mente qualcuno, visto che tutti i servizi integrati supportano tale formato.

Nessun commento: