venerdì 21 dicembre 2012

Cagliari 1 - Juventus 3

Parlerò brevemente della partita, spostandomi poi su cose molto più succulente ed interessanti: le polemiche. Già, primo tempo giocato malino da parte della Juventus che crea davvero poche occasioni, contro le... zero del Cagliari, che però è in vantaggio grazie ad un rigore. Secondo tempo invece a senso unico sebbene siano venute fuori alcune mancanze da parte dei bianconeri. Mancava la cattiveria ed il gioco frizzante ed aggressivo per ribaltare il risultato. Risultato che però è quello che potete controllare nei tabellini: 1 - 3. Partiamo quindi dall'inizio: non abbiamo giocato a Cagliari (in due anni non sono riusciti ad ospitarci nel loro stadio, cialtroni), ma a Parma. Decide la Lega, anche se Cellino (santo, corretto e di sani principi a detta di tutti coloro che lo conoscono da vicino) tira in ballo la dirigenza juventina per farsi un po' di pubblicità. Così parla ai microfoni dei giornalai, tira qualche stoccata sul calcio malato (di cui lui fa parte da solo ventun anni) e cerca di pararsi il culo di fronte ai propri tifosi ed all'Anonima Sequestri. Magari secondo lui è Conte a decidere il campo di gioco. Cambierebbe poco, diciamolo chiaramente: c'è un abisso tra noi e loro, o tra noi e qualunque altra squadra italiana. Secondo spunto per le polemiche: arbitraggio VERgognoso e che favorisce le grandi. Eh sì, anche stasera abbiamo visto proprio questo. Rigore assegnato al Cagliari: tocco di Vidal su non ricordo chi. Nessun sano di mente avrebbe mai fischiato un contatto del genere in area, ed infatti stava andando proprio così. L'arbitro, il più vicino all'azione, non mette mano al fischietto, ma su segnalazione del giudice di porta assegna il penalty. Alla moviola il tocco lo si vede, e non dico che non ci sia stato. Ok si dà rigore, fiscale, ma niente di sconvolgente. Palle mosce ha deciso di arbitrare una partita di calcio con le regole della pallavolo. Bene, basta saperlo. Pochi minuti dopo abbraccio di Astori (già ammonito) su Quagliarella. In una situazione normale, nessuno avrebbe gridato allo scandalo se non fosse stato fischiato. Ma avendo dato quello prima di Vidal altra VERgogna: tutto nella norma. Vabbeh dai capita. E' la volta però di Asamoah che viene spinto (anzi, lanciato via) in area mentre sta colpendo di testa. Espulsione del giocatore del Cagliari e rigore netto. No, macchè, nulla neanche questa volta. Arbitro cornuto. Alla terza invece non può chiudere di nuovo gli occhi: fallo su Giovinco (trattenuta, ma anche tocco con il piede) ed è rigore. Inutile, perchè Vidal lo butta fuori. Espulsione di Astori su altro fallo (ginocchiata da dietro su Giovinco) che gli costa la seconda ammonizione. Non è giusto? Era al trecentesimo fallo, invece di vincere la bambolina ha vinto il cartellino. Poi non c'è stata storia. Juve con 39 reti fatte (7,69% su rigore) e 11 subite (36,36% su rigore) che fa il record di punti in un anno solare (94). Cellino puppa. Ma anche gli altri.

Nessun commento: