lunedì 15 aprile 2013

5 punti per... Cominciare

Ripropongo qui alcune interessanti proposte promesse da Ascolta Piombino che possono far riflettere (e molto) riguardo il futuro della nostra città. Il modo migliore per poterle giudicare è quello di analizzarle nel complesso, valutandole come un sistema a trecentosessanta gradi. Mi piace pubblicare quanto segue perchè ritengo che facciano parte un modello nuovo, lontano da certi schemi fin troppo utilizzati in passato. Sebbene non tutti i punti mi vedano particolarmente a favore, vedo l'impegno per una sorta di cambiamento. Piombino è sempre stata una cittadina fortemente industrializzata, che ha fatto delle fabbriche il suo punto di forza. Mi auspico, da lavoratore del settore, che tutto ciò che abbiamo oggi possa durare per molto altro tempo, perchè è linfa vitale per tutto il territorio. Resto però convinto che prima o poi qualche passo, anche decisivo e controcorrente, possa essere fatto in altre direzioni e non solo a parole. Di solo turismo non si campa, ma rendere la propria città più a misura d'uomo è un vantaggio anche per chi ci abita e renderla viva non può che essere qualcosa a cui tutti dobbiamo mirare. Certo non si risolve nulla con una gettata di cemento qua ed una struttura alberghiera là, ma il piano lanciato da Ascolta Piombino si rivela essere un ottimo punto di partenza per sradicarci dalla palude di crisi ed incertezza che oggi fa stagnare tutta l'economia. Oltre quanto proposto dalla lista civica (che potete leggere sotto) a me piacerebbe una Piombino in cui i collegamenti pedonali fossero curati ed in numero assai maggiore degli attuali, prevedendo passeggiate che incentivano le persone ad abbandonare i mezzi di locomozione a motore. Per questo anche maggiore attenzione al verde ed ai parchi cittadini, ma no solo: decentralizzare i negozi e riportando in vita alcuni quartieri, che sono solo dormitori. Feste, festicciole e magari anche il mercato settimanale, da collocare al di fuori delle solite quattro mura. Un servizio di trasporti pubblici (servono davvero bus così grandi?) che permetta, almeno chi resta in città di avere un'ampia scelta anche in fasce orarie difficili. Piombino non deve essere solo dal Cristallo a Piazza Bovio e Piombino non deve essere solo Lucchini e Magona.



Se proviamo a fare un percorso ideale che parte dagli ex macelli fino a spiaggia lunga, possiamo capire quale sviluppo propone la lista civica Ascolta Piombino. Gli ex macelli hanno la necessità di essere trasformati in un complesso ricettivo che si affaccerebbe sul mare, questo consentirebbe un miglioramento degli accessi, la messa in sicurezza della costa, la creazione di camminatoi di collegamento con le calette limitrofe, tutta la parte sinistra guardando il mare di fruizione “pubblica”, la parte destra potrebbe essere resa fruibile con tavolati, e data in concessione al resort.
Proseguiamo verso il Bernardini, con il potenziamento dell’attuale spiaggia e del suo accesso, con la creazione già in previsione da questa amministrazione, del parcheggio sovrastante con belvedere. Il centro storico assume un’importanza strategica, Palazzo Appiani potrebbe assumere una destinazione alberghiera, che riteniamo possibile solo interessando anche entrambi i complessi adiacenti, Centro Velico, con destinazione balneare, Marina per la piccola nautica, il piazzale d’alaggio a servizio del campo boe estivo ricavato all’interno della scogliera a protezione della falesia e dello stesso piazzale. Questo descritto, diverrebbe un unico sistema produttivo che rilancerebbe l’intero centro storico in termini di decoro urbano, incremento del commercio e qualificazione del suo tessuto sociale. Dal piazzale d’alaggio si potrebbero costruire camminatoi costieri che si collegherebbero al porto di Salivoli. Nelle aree a mare del Convento dei Frati, per capirsi il campino di calcio e la pineta adiacente, dopo esproprio da parte del Comune, si potrebbe ricavare un’ulteriore struttura ricettiva, che dominerebbe quel lato di costa, gli accessi alle spiagge sarebbero ripristinati e le attuali piattaforme dopo un ripristino con tavolati potrebbero essere date in concessione alla struttura. Troviamo l’attuale resort di via Amendola e successivamente quello dell’Esperia. Subito dopo con un pennello partirebbe il raddoppio dell’approdo di Salivoli, dare un senso all’ attuale approdo di Salivoli, che oggi non ha, significa non solo risolvere tutte le problematicità presenti, dagli scarichi del fosso a quello delle alghe, che hanno trasformato quello che resta della spiaggia in una realtà balneare improponibile; ma siamo altresì convinti di avere le soluzioni giuste per risolvere queste criticità, attraverso i vari usi delle nuove banchine: come la realizzazione di una piscina olimpionica d’acqua salata con lastrici solari e strutture ludiche, che possono ritenersi alternativa allo stabilimento balneare e alla balneazione in generale, oppure la delocalizzazione dell'attuale ristorante anch'esso sulle nuove banchine, può risultare migliorativa. Siamo anche convinti che la destinazione residenziale delle attuali cabine balneari possa risultare un’adeguata soluzione.
Un altro urgente intervento deve essere la sistemazione della strada che collega Calamoresca a Spiaggia Lunga con chiosco nell’area attigua e navetta elettrica di collegamento.
Se i cittadini della Val di Cornia avranno la forza di guardare al mare, e le sue potenzialità inespresse e vorranno sostenere questo tipo di variante, principalmente il progetto per l'ampliamento dell'approdo di Salivoli per classificarlo definitivamente “Porto Turistico”, avranno colto l'opportunità per consolidare le falesie che stanno franando, per rilanciare l'economia della città e in particolare il ramo immobiliare, e per rilanciare l'impresa edile ma, principalmente, avranno colto l'occasione per fare del nostro promontorio un polo della nautica più importante d'Italia, posto al centro dell'Arcipelago Toscano.


 Il territorio del Comune di Piombino per la sua morfologia e per la sua posizione geografica rispetto all'Arcipelago Toscano e ai principali siti di interesse nautico, ha sempre rappresentato uno dei territori più vocati per l'insediamento di porti turistici e di tutto ciò che attenesse alla nautica e all'uso del mare. Per questo motivo nell'ultimo ventennio le varie amministrazioni comunali hanno dibattuto non poco su dove e come dare soluzione alle richieste sempre più numerose di porti ed approdi turistici di varie dimensioni, da realizzare sul nostro territorio.
Con l'adozione della strumentazione urbanistica di ultima generazione si è pensato che il dibattito sul dove e sul come fosse concluso, e che l'orientamento dell'amministrazione Anselmi verso l'ambito di Poggio Batteria e quello della Chiusa rappresentassero la soluzione ideale dove realizzare tutta la filiera nautica. Noi al contrario riteniamo che, fermo restando la previsione del porto turistico di elevate dimensioni previsto sotto Poggio Batteria, per il quale non vediamo motivo di opposizione, tutto il resto che è rappresentato dalle esigenze locali più importanti come l'approdo di piccole e medie dimensioni per i residenti, con spazi riservati anche alla flotta peschereccia e al mercato ittico che, insieme alle aree per la cantieristica rappresenterebbero il vero cuore della filiera nautica, non troveranno mai soluzione nelle aree della Chiusa di Pontedoro, che oltre ad essere prive di valide infrastrutture viarie e limitate ai fini di una possibile espansione della cantieristica, sono anche gravate da costosissimi interventi di bonifica.
Nel ritenere quindi che questo tipo di infrastrutture e tutti i mestieri del mare siano la vera vocazione di questo territorio, e che rappresentino anche il futuro economico dell'intero comprensorio, e che sia ormai imprescindibile porre rimedio alla politica pasticciata adottata fino ad oggi dalle varie amministrazioni verso questi temi; in relazione anche alle criticità sopramenzionate, proponiamo la delocalizzazione delle previsioni relative all'ambito della Chiusa di Pontedoro verso siti più idonei e più praticabili, come ad esempio quelle aree poste fra il Fiume Cornia e la Centrale ENEL che, oltre ad essere esterne al perimetro dei Siti di Interesse Nazionale e quindi non gravate dalle bonifiche, rappresentano per la loro morfologia il sito ideale dove sviluppare le suddette previsioni e, in particole, quelle relative alla cantieristica che necessita di vaste aree pianeggianti con accesso al mare.
La realizzazione di quanto sopra siamo certi che rappresenterà uno dei motori principali dello sviluppo economico di questo territorio e, nello stesso tempo, con la realizzazione di buoni approdi per la flotta peschereccia ed il relativo mercato ittico, servirà da volano per l'insediamento dell'industria conserviera del pescato, invertendo l'attuale sistema che, in mancanza di tali attività in loco, punta solo sulla commercializzazione e l'esportazione del prodotto

Nessun commento: