lunedì 15 aprile 2013

Lazio 0 - Juventus 2

Undici punti di vantaggio sulla seconda non sono pochi, a differenza dei sette che bastano (su sei partite da giocare ancora) per vincere matematicamente il Campionato. Io dei conti me ne e me ne faccio bastare uno solo, al singolare: Antonio Conte. Avrà sbagliato qualche formazione anche lui, non c'è dubbio, ma è anche l'uomo che ci porta per il secondo anno consecutivo a prenderci lo Scudetto. Toccata di palle a parte, ormai abbiamo tutto in cassaforte, la superstizione la lascio ai timorosi ed agli sfiduciati, vorrei sapere chi ci ferma. Non basta un nome, ne servono quattro. E se la Lazio è stata archiviata questa sera, direi che ne restano davvero poche. Non importa più avere un gioco brillante, non importa più avere Marchisio per entrambi i tempi, non importa più l'attaccante da trenta reti. Basta al solita grinta e la solita voglia di vincere, quella che ti fa addomesticare i laziali in casa loro e guardare quanto stanno lontane quelle dietro. Grazie a tutti, salutate la capolista.

Nessun commento: