lunedì 3 febbraio 2014

Juventus 3 - Inter 1

Allenamento della domenica sera terminato. La Capolista sovrasta per 3 a 1 gli arrendevoli del sesto posto e si portano così a ventisei lunghezze di distanza. Distanza che è siderale, così come la differenza di forza tra le due squadre. Escluso qualche piccolo peccatuccio, la Juventus fa sempre la partita, tanto che Mazzarri ai microfoni di Sky si accontenta del possesso palla "quasi simile" (53 a 47). L'Inter è una squadra senza anima e senza cuore, non crea niente, si difende in maniera poco organizzata e si comporta da Inter. Anche le ultime vicissitudini del calcio mercato hanno messo il punto esclamativo sulla serietà della società che veramente è allo sbando. Una passeggiata per i bianconeri tramortirli con le reti di due difensori e di un centrocampista. C'è anche lo spazio per il palo di Vucinic (entrato al minuto 86) oggetto del desiderio di qualcuno. Incontenibili sulle fasce, Pirlo faro del centrocampo e altri leoni lì a combattere su quasi ogni palla. Sul tre a zero un po' di riposo per far divertire i bimbi. Dateci un'altra squadra per giocare il superbowl. Salutate la capolista? Sì, salutatela.

Nessun commento: