domenica 11 maggio 2014

Roma 0 - Juventus 1

Aò, ce semo fatti fregà n'artra vorta. Mannaggia li pescetti e li mortacci loro. Avemo fatto un campionato strepitoso e gajardo aò, ma stibburini zebrati c'hanno 'nfilzato co' Osvaldo. Anfameeeee. Aòòò me senti? Anfamoneeee. Te posseno ammazzà. Anvedi d'annà affanculo. Sempre i soliti aiutini, so tarmente tanti che fatico anche a divvene. Ce stava er gol de Torosidis no? Era mano involontaria, lo capirebbe pure un pupo. Ed a proposito er pupone, amico nostro, amico de tutta a' curva, il solo e unico capitano de quelli co' controcazzi è da tutelààà. Unne potete dà i carcioni anne caviglie sua, o' capite o no? Aò, er pupo nun se tocca, è il core de a città. E comunque ricordateve che noi c'avemo er coro più bello de tutta quanta la nazione. Ve se voleva però ringrazià aò, pe' avecce portato lo scudo nella capitale, Roma, la città più bella der monno. Stasera lo scudetto è stato qua, anche senza er Giubbileo. Ve salutamo, capolista.

Nessun commento: