mercoledì 9 luglio 2014

Hunger Games: La Ragazza Di Fuoco (2013)


Regia: Francis Lawrence
Anno: 2013
Titolo originale: The Hunger Games: Catching Fire
Voto: 5/10
Pagina di IMDB (7.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Questa volta non ci sono cascato, sono rimasto vittima del marketing solo in parte, quindi dopo aver letto il primo libro e visto il primo film , per non perdere tempo, mi sono dato direttamente alla visione della seconda pellicola. Tanto, l'idea me l'ero fatta già abbondantemente un paio di anni fa, quindi inutile insistere. Nonostante sia partito prevenuto, questo sequel, nel complesso mi è sembrato leggermente migliore rispetto all'originale. Il successo per questi film è inevitabile e sono incredibili i passi da gigante fatti dalla Lionsgate, che ci ha martellato con una pubblicità tutta incentrata sugli effetti speciali e sull'azione. Ma, come era ovvio che fosse, non ha neanche tralasciato il lato romantico e sentimentale propinatici dalla Collins. Peccato però che l'attenzione rivolta verso il mondo distopico che ci viene raccontato è ancora una volta ridotta ai minimi termini. Già meglio di nulla però, perchè Ross non ci aveva neanche provato. Eppure, e per questo anche se non ho letto il libro son sicuro dobbiamo incolpare l'autrice, manca la scintilla che avrebbe dovuto incendiare la ragazza di fuoco... C'è aria di rivoluzione, e la pesante presenza della dittatura è ripresa più volte, ma resta sempre e comunque un filmettino d'azione, senza però l'odiosa cineripresa che insegue i personaggi. La trama torna prepotentemente e con forzature di ogni sorta a mostrarci la nostra eroina all'interno dell'arena. Tutto gira intorno a questi combattimenti, qui solo accennati (magari qualcuno può pure restarne deluso), che avvengono in maniera precipitosa. Ero rimasto, ma la memoria può essere lacunosa, che dagli Hunger Games uscisse solo un vincitore per ogni edizione e che ci fosse un distretto più vincente rispetto agli altri... Ok? Ed allora come fanno a trovare personaggi molto giovani, maschio e femmina, da inserire all'interno di questi giochi con regole del tutto arrangiate? Certo, le cose importanti stanno altrove, ma mentre sei lì che lo guardi e pensi a questa rivoluzione che sta per avvenire, qualche domanda te la fai. il tempo lo hai in abbondanza, perchè non mancano le scene noiose. L'utilizzo degli effetti speciali è meno volgare e più mirato, quindi anche qui un passo in avanti. Devo però capire meglio l'utilizzo degli attori maschili: i giovani sono tutti uguali tra loro, fatico a riconoscerne particolarità e differenze. Spesso paiono semplici comparse, salvo poi ritornare. Aspetto la parte conclusiva con ansia ed ardore, visto che il finale sa molto di Matrix Reloaded che introduce Matrix Revolution.

Nessun commento: