martedì 21 luglio 2015

Waterworld (1995)





Regia: Kevin Reynolds
Anno: 1995
Titolo originale: Waterworld
Voto: 7/10
Pagina di IMDB (6.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

A riprova che i gusti possono cambiare nel corso degli anni c'è il fatto che una ventina di anni fa, quando lo vedi, non mi colpì troppo, mentre oggi riesco a riscoprirlo ed apprezzarlo maggiormente. A quei tempi, ma forse anche ora, poteva essere la copia moderna e marina di ciò che era già stato ampiamente introdotto con Mad Max. Molto infatti è preso dai lavori e dal mondo di George Miller : cataclisma mondiale, eroe burbero e solitario (qui Kevin Costner), i cattivi smoker che rappresentano la feccia inquinante, petrolifera e tabagista della razza. Insomma il velato messaggio ecologista è presente nell'aria, con la ricerca spasmodica sia di acqua dolce che di terra su cui coltivare piccole piante da frutto. Fin da subito ci si cala nell'atmosfera, data da un'enorme distesa d'acqua che ha sommerso tutto quanto il mondo. O quasi. Infatti, c'è il miraggio, il mito della terra promessa, che proprio in questo caso è una terra asciutta, un luogo differente da tutto il resto. Il film non mi pare abbia avuto chissà quale successo ai tempi, anzi è forse uno dei più sottovalutati: l'ambientazione è straordinaria, i costumi ed i trucchi sensazionali, eppure difficilmente viene ricordato come un kolossal fantascientifico di rilievo. Ovviamente la scenografia in alcuni punti è debole e fa acqua, eh già è proprio il caso di dirlo, ed in determinate situazioni vengono inseriti dialoghi al limite dell'ironico che potevano essere evitati, ma nel complesso si mischia azione ad avventura, lasciando sospeso anche un alone di mistero che coinvolge lo spettatore. Alla Universal non si sono arresi, e nonostante i milioni di dollari per girare il film hanno voluto dedicare una delle migliori attrazioni degli Studios (a cui ho partecipato tra l'altro) che sottolinea ed evidenzia il grandissimo lavoro degli stunt che hanno permesso scene coinvolgenti e pirotecniche. Da questo punto di vista è infatti un bellissimo film. Però non mi va di giudicarlo solo per gli gli effetti speciali ed i costumi: tutto secondo me si amalgama bene all'interno della trama. Anche gli ingegnosi ritrovati meccanici che permettono ai sopravvissuti di vagare per l'immenso unico oceano, che proiettano la popolazione in un futuro barbarico. Non solo puro intrattenimento quindi. Il bluray, nonostante l'età del film si fa ben vedere ed apprezzare per il comparto audio video, non sensazionale ma conforme a ciò che ci si può aspettare. Non ci sono extra ad esclusione del trailer, un po' pochino.

Nessun commento: