venerdì 22 aprile 2016

L'Atalante (1934)




Regia: Jean Vigo
Anno: 1934
Titolo originale: L'Atalante
Voto: 4/10
Pagina di IMDB (7.9)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

La Nouvelle Vague: surrealismo, poesia ruvida, vita vera. Una pietra miliare del genere, un tassello fondamentale che anticipa di poco il cinema moderno. Troppo vecchio però per piacermi, troppo vecchio, anche nella confezione in DVD della Ermitage per essere apprezzato, con un restauro in cui si perdono i dettagli dei volti (soprattutto nella parte iniziale) e dove lo "sporco" della pellicola è fin troppo evidente. Secondo ed ultimo lavoro di Jean Vigo che morì addirittura prima che il film fosse completato, ha avuto una storia travagliata subendo anche numerosi tagli che no hanno certo giovato alla sceneggiatura. Un marito burbero, capitano di una chiatta, l'Atalante appunto, che solca i fiumi francesi, la sua sposa che scopre lentamente e per la prima volta il mondo esterno, un bizzarro e sopra le righe lupo di mare, le incomprensioni amorose, la solitudine e la disperazione in un intreccio caotico, in cui la linearità della trama viene spesso lasciata da parte, per sottolineare gli atteggiamenti dei e tra i protagonisti. Ho provato un po' di distaccata pena per la figura della ragazza, ingenua e curiosa, bramosa di vivere un'avventura esterna, alla scoperta della grande città, portatrice suo malgrado di gelosie e turbamenti da parte del più maturo e navigato marito. Degna di nota, per non dimenticarcene, consapevoli che oggi possa valere quasi zero, la sequenza subacquea surrealista tanto quanto quella finale dei due corpi separati che si sovrappongono nell'amore. Da guardare per cultura personale e vantarsene in baita davanti al camino qualora dovesse saltare la corrente e non esserci una wifi disponibile. Il DVD presenta come extra soltanto capitoli di tipo nozionistico:

  • L'Atalante
  • Il racconto
  • La genesi
  • A propos de L'Atalante
  • Lo sapevate che...
  • Hanno detto del film
  • Chi è Jean Vigo
  • I suoi film
  • La parola

Nessun commento: