martedì 7 giugno 2016

The Mist (2007)




Regia: Frank Darabont
Anno: 2007
Titolo originale: The Mist
Voto: 6/10
Pagina di IMDB (7.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

The Mist è una delle tante trasposizioni cinematografiche basate su romanzi o racconti di Stephen King. Ho letto moltissimo di lui, del Re, ma non la raccolta Scheletri di cui fa parte La Nebbia, il racconto che dà i natali alla pellicola. Lo guardai la prima volta a quel che fu il Fondo, e mi lasciò un bel ricordo soprattutto per il finale. E' infatti (vi avverto che probabilmente ci sarà uno spoiler) la parte migliore, ma non l'unica. Siamo di fronte ad un horror che fa presa, non tanto per i mostri presente, ma per quel senso di ignoranza (inteso in tutti i sensi) che aleggia ovunque, al pari della bruma che avvolge tutto quanto. I protagonisti, come lo spettatore, non sanno bene cosa gli sta capitando e la cortina fumogena, invalicabile, presenta di tanto in tanto i vari pericoli sempre più terrificanti. Gli effetti speciali li ricordavo un po' migliori, non siamo con materiale da serie B, ma neanche da primi posti della classifica: alcune volte si notano gli artefatti di computer grafica, specie per i tentacoli, o quando le bestie devono interagire con i corpi umani. Ma va tutto bene, è passibile, il sangue e le scene crude riescono a tappare questi buchi tecnologici, prendendosi tutta l'attenzione. Altro elemento vincente è la presa che la religione, molto malata, fa sulle persone semplici e deboli, quelle che nel film hanno davvero poca personalità. Odiosa la megera, che si meritava una pallottola in fronte fin da subito. Il pezzo forte è però proprio il finale, che non è lieto. O meglio, la sceneggiatura capovolge l'happy end canonica creando un pastrocchio decisionale che rovina il "vissero alcuni felici e contenti". Grandissima scelta, giusto così. Coraggiosa e senza buonismi di sorta. E ricordatevi di avere sempre fiducia nella potenza bellica americana, anche quando tutto sembra andare a in malora. Finalmente si ha nei film horror un finale come si deve.

Nessun commento: