giovedì 28 luglio 2016

Monte Cristo (2002)



Regia: Kevin Reynolds
Anno: 2002
Titolo originale: The Count Of Monte Cristo
Voto: 6/10
Pagina di IMDB (7.7)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon (film o libro)

Sicuramente gli antenati di noi blogger, quando nel 1844 lessero l’originale Il Conte di Monte Cristo di Alexandre Dumas (padre – mi è sempre piaciuto dirlo: padre! Ed anche mentre parlo, lo dico all’interno della parentesi) iniziarono con “La vendetta è un piatto che va servito freddo”. Avrei voluto farlo pure io, ma mi avrebbe rovinato l’introduzione. Così è molto più accattivante e meno seria e pomposa: serve anche a spiegare che, a parte che per sentito dire, non ne so niente. Nè del libro, nè degli innumerevoli film da esso tratti, che partono addirittura dal 1922. Con un soggetto del genere, è inimmaginabile che qualcuno possa restare indifferente, quindi l’opinione sul film si basa essenzialmente su come la trama viene trasposta e non sulla trama stessa. Troppo facile altrimenti: la sceneggiatura è magistrale di suo. Comunque quello di Reynolds è un lavoro che si segue bene, presumo con qualche rimaneggiamento, e qualche taglio, che però non influiscono sul risultato. Alcune perplessità le ho per la fotografia e le ambientazioni: conosco tutti i luoghi descritti (tra l’altro sono pure stato a Montecristo recentemente) e la ricostruzione sembra troppo artificiosa. Per il resto, il cast è credibile, nel possibile (l’arco temporale è ampio, ma non impossibile da colmare con i soliti attori) e tutte le lezioni filosofiche o morali si riescono a cogliere nonostante la regia non ci si soffermi troppo. Il film è carino ok, non può essere considerato brutto, ma secondo me potevano concentrare qualche minuto in più sull’ingegno vendicativo del protagonista piuttosto che su alcune scene d’azione. Capisco però anche la lunghezza dell’opera e la quantità dei suoi contenuti: non semplici trasporla cinematograficamente ed accontentare tutti.

Nessun commento: