giovedì 23 novembre 2017

Aggiornamento Nvidia Shield TV: Shield Experience Upgrade 6.2

Secondo aggiornamento in meno di un mese per Nvidia Shield Tv e si arriva così alla versione 6.2 di Shield Experience Upgrade. Talmente veloce il download che ho scordato di verificare la grandezza ed il peso del pacchetto. Siamo ancora però su Android Nougat, ma c'è la possibilità di richiamare Google Assistant mediante l'applicazione Remote Control. Tra le novità nello specifico abbiamo l'inserimento di nuove applicazioni o giochi come Amazon Music, Metal Gear Solid 3 HD, il supporto in 4K per Fifa 18 e Star Wars Battlefront II o il 4K HDR per Destiny 2. Le novità più tecniche invece riguardano:
  • Dalle opzioni sviluppatore è possibile attivare o meno lo standby automatico in base alla porta HDMI
  • Supporto a OpenGL ES 3.2.4.0
  • Risolti problemi riguardanti l'uso di DRM in alcuni video
  • Risolti problemi riguardanti le miniature nella Galleria

martedì 21 novembre 2017

I Sospiri Del Mio Cuore (1995)




Regia: Yoshifumi Kondo
Anno: 1995
Titolo originale: Mimi O Sumaseba (耳をすませば)
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (8.0)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon (steelbook)

Film:
Ero partito assai titubante, la storia è diabetica, romanticismo adolescenziale raccontato con la grazia orientale. Anche troppo per i miei gusti. Proseguendo ci si può affezionare ai personaggi ed alla semplicissima storia a lieto fine, che non ha apici elevati, ma tutto sommato neanche sviolinate troppo accentuate. Si guarda bene, essenzialmente per il disegno ed il realismo delle situazioni (il babbo che accende la sigaretta e tappa il fumo con la mano per non disturbare la mamma) che vengono rappresentate. Sogni, amori e speranze di vita quotidiana, colonna sonora ai limiti dell'imbarazzo soprattutto quando cantata in italiano. Mai imbarazzante come la traduzione dei dialoghi in tardo ottocentesco. Un minimo di flessibilità linguistica abbiatela per favore. Non fosse stato un prodotto dello Studio Ghibli, probabilmente se lo sarebbero cacati in meno, me compreso.


Edizione: steelbook (bluray + DVD)
Collector's Edition dal colore monocromatico sul giallino quasi oro e artwork minimal. All'interno due dischi: DVD e BD. Il secondo è quello che merita maggiore attenzione, impeccabile sia il video che l'audio (traccia italiana in DTS HD MA). Gli extra sono:
  • Le scenografie (5 minuti)
  • Transazioni pittoriche (35 minuti)
  • Trailer promozionali (10 minuti)



Nel Fantastico Mondo Di Oz (1985)

Regia: Walter Murch
Anno: 1985
Titolo originale: Return To Oz
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.7)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film: 
Per quanto musical e per quanto antichissimo "reperto" cinematografico il mio preferito resta Il Mago Di Oz del '39, di cui questo lavoro della Disney è un misto tra un proseguo naturale (non un sequel) ed una sorta di reboot. I romanzi di Frank Baum infatti sono molti e la Disney pur raccogliendo elementi dall'opera di Fleming come le scarpette rosse o l'inserimento di personaggi reali nel mondo fantastico si discosta dal genere (ed anche da se stessa) mettendo sul grande schermo un'avventura tetra, calzante, addirittura con scene forti e non sempre adatte ai giovanissimi. Meglio così, davvero. I fiumi di miele e zucchero filato che spesso contraddistinguono la casa di produzione sono messi da parte per essere più fedele ai libri o comunque seguire un determinato filone fantasy degli anni ottanta. Se lo si guarda si può pensare a La Storia Infinita o Labirynth, in cui ho c'è un messaggio, ma sono godibili anche da ragazzi più grandi. Qui la parte ambientata nel mondo reale, in quel Kansas desolato e triste, in cui le nuove scoperte ed invenzioni legate all'energia elettrica servono per curare i pazienti con disturbi psichici, può essere molto cruda e triste. La seconda, più fantastica ed avventurosa, altrettanto facilmente non lesina situazioni (grazie anche a buonissimi effetti speciali) di pericolo e di tensione. La spensieratezza della bambina e dei personaggi viene meno per far fronte a pericoli più consistenti. Un cult che però non è decollato ed è rimasto all'ombra dell'originale.

Edizione: DVD
Edizione DVD della Disney Family Classics con nessun extra.

domenica 19 novembre 2017

Sampdoria 3 - Juventus 2

Voglio intanto mandare a fanculo il tipo seduto nelle mie vicinanze in treno: passo tutta la giornata evitando di conoscere il risultato, ed appena arrivati a Campiglia ecco che fa "boia deh s'è perso  3-2 al Marassi". Ecco vai in culo. Guardare una partita registrata conoscendo il risultato è devastante, sapendo inoltre che l'hai persa lo è ancora di più. Inoltre durante tutto il primo tempo tornavo indietro con la memoria e speravo di aver capito male, non mi capacitavo di come avessimo potuto prendere tre pappine. Poi l'ho visto e l'ho capito, soprattutto la terza. Siamo alle solite di inizio campionato, disattenzioni ed ogni affondo un pericolo. E record di gol subiti in dirittura di arrivo. Nel complesso, punti a parte, meglio perdere come oggi che vincere come in casa col Benevento. Almeno ci sta che si sveglino davvero.

Altro weekend bolognese

Da non esserci mai stato, a due volte in esattamente nove mesi. Ed eccoci qua, di nuovo con Bologna, città viva, universitaria ed universale, Bologna politica, Bologna artistica, Bologna musicale e culinaria. Dalla stazione, quella stazione, il tragitto per arrivare a Palazzo Albergati è pieno di ogni cosa, che anche se già vista, allevia il passo e riempie l'occhio. La mostra "I rivoluzionari del '900" ha come artisti di riferimento Duchamp, Magritte, Dalí, Ernst ed altri tra dadaisti e surrealisti che hanno contribuito a rompere con il passato e inventato un nuovo modo di mostrare i propri pensieri e le proprie emozioni. Rivoluzionari e fuori dagli schemi, inventori veri e propri. La mostra è presente in anteprima internazionale fino all'11 febbraio 2018, con le sue duecento opere che provengono dall'Israel Museum di Gerusalemme. Non ci sono i lavori più conosciuti al pubblico, ma la collezione è molto completa ed interessante e con l'ausilio dell'audio guida è possibile attraversare un periodo storico tra i più rilevanti per l'arte. La città ospita anche "Bologna fotografata", stupenda mostra di immagini storiche che coprono a 360 gradi personaggi, avvenimenti e situazioni del capoluogo emiliano. C'è tempo pure per continuare a girare per le vie del centro ed entrare alla Salaborsa e all'archiginnasio. Cena e dopo cena di valore aggiunto con Giacomo di Home Movies, oltre che squisito pusher di edizioni rare per la mia collezione, una piacevole compagnia per visitare la città ed arricchire la serata con interessanti aneddoti. L'importante è ricordare che i nomi dei ristoranti possono essere identici, lì come a Latina. Il giorno seguente prosegue con una puntata doverosa al MAMbo, galleria d'arte che ospita anche la collezione Morandi. Instancabile torno verso il centro per salire sulla Torre degli Asinelli, quasi 100 metri in altezza e 498 scalini: una sessione di palestra risparmiata. E dietro consiglio di Funflus, ecco pure la visita al Compianto sul Cristo morto, che dice sia una vera e propria chiusura chicca. Ecco così che con un altro weekend ho acquisito la cittadinanza bolognese.

Foto "I rivoluzionari del '900"
Foto Bologna (18-19/11/2017)

giovedì 16 novembre 2017

La Bambola Assassina (1988)


Regia: Tom Holland
Anno: 1988
Titolo originale: Child's Play
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
C'era già stato Dolls, ma Chucky è senza dubbio tra i film horror con le bambole, quello di maggior successo. E' un tipo di terrore abbastanza innovativo, la paura che si cela nei mostri si sposta di colpo in oggetti quali i giocattoli per bambini, bambole o bambolotti simpatici ed affabili. Una trama semplice che prende spunto dall'esoterismo, ben costruita, sicuramente spoglia inizialmente del lato simil commedia: Chucky è cattivo, vuol fare del male, non si ferma neanche di fronte ad un piccolo di sei anni. Eppure anche lui, nella forma è un piccoletto, dalle fattezze che difficilmente possono incutere timore, ma gli effetti speciali ed il trucco lo rendono pericoloso e degno di rispetto. La Bambola Assassina è un buon compromesso tra l'horror autentico ed il thriller, con una buona fotografia, ed un'ambientazione tipicamente anni ottanta. Un must di altri tempi, che ha sempre il suo perchè.

Edizione: DVD
 Semplice, senza extra, audio italiano ed originale in stereo ed un video leggermente datato, ma senza troppe sbavature.

martedì 14 novembre 2017

Il Codice Da Vinci (2006)




Regia: Ron Howard
Anno: 2006
Titolo originale: The Da Vinci Code
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (6.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon 

Film:
Film riuscitissimo, ovviamente basato sul famoso romanzo omonimo di Dan Brown, che ha suscitato al tempo stesso clamore, interesse e quella sorta di chiacchiericcio rumoroso che fa sempre da megafono pubblicitario ad un prodotto. Ron Howard riesce a sfruttare la trama intrigante già di suo senza mai annoiare lo spettatore. Le teorie e le supposizioni che stanno alla base del romanzo ci cullano in quell'alternanza tra mistero e storia andando a fondere dogmi e racconti religiosi che tutto il pubblico bene o male conosce. Non trovo l'idea sfrontata, ma geniale (e questo è merito del soggetto), e ricostruire i vari avvenimenti è stato un lavoro certosino amministrando ora parti di azione, ora scene più dialogate, ora segmenti di un vero e proprio thriller storico. La cosa più importante è che lo si guardi bene, entrando nel vivo della trama riuscendo a godere di ogni passo citato, proprio come lo si va con i film di pura avventura.

Edizione: 10° Anniversario
Si tratta della prima versione del 10° anniversario, quella con il semplice amaray che contiene due dischi. Onestamente la qualità video non è mi è parsa eccelsa, spesso la colorometria sembra sbiadita più simile ad un DVD che ad un supporto HD. La traccia italiana fa parte delle lingue povere e per noi è concesso soltanto un Dolby Digital 5.1, mentre per l'originale ed un altro paio di lingue abbiamo il formato lossless. Gli extra sono suddivisi (sul secondo potevano scegliere una struttura meno allargata a mio avviso):

Disco 1:

  • Commento del regista
  • Trailer di Inferno
  • Scene dalla versione estesa (35 minuti)
Disco 2:
  • Il primo giorno sul set con Ron Howard (2 minuti)
  • Incontro con Dan Brown (5 minuti)
  • Ritratto di Langdon (7 minuti)
  • Chi è Sophie Neveu? (7 minuti)
  • Insoliti sospetti (18 minuti)
  • Luoghi magici (16 minuti)
  • Primo piano sulla Monna Lisa (7 minuti)
  • Le riprese - Parte I (25 minuti)
  • Le riprese - parte II (12 minuti)
  • I codici (6 minuti)
  • La musica (3 minuti)
  • Dal libro allo schermo (11 minuti)
  • Gli accessori di scena (10 minuti)
  • Il sete del codice (9 minuti)
  • La produzione dei dipinti (6 minuti)
  • Gli effetti visivi (15 minuti)
  • La creazione della colonna sonora (10 minuti)

lunedì 13 novembre 2017

Il Pozzo Maledetto (1950)

Regia: Richard L. Bare
Anno: 1950
Titolo originale: This Side Of The Law
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Come noir è interessante ed intrigante, pur nella sua semplicità. Però come storia è decisamente troppo forzata ed arrangiata. Nonostante si spieghino, all’interno della pellicola, i pochi contatti tra il protagonista e gli altri, la base risulta fragile o addirittura impossibile. Infatti un sosia, o meglio una persona dalla sembianze simili ad un altra, è assurdo che possa calarsi nei panni di un uomo, seppur scomparso da sette anni, ed ingannare il fratello, la moglie e l’amante. Sorvolando questa improbabile situazione, il resto si svolge in maniera coinvolgente ed il ritmo è alto in più occasioni. Non un must senza dubbio, ma un piacevole film d’epoca da guardare rilassati.

Edizione: DVD
Semplicissimo DVD con nessun extra, audio originale e traccia italiana in stereo. Si sentono delle voci in sottofondo, specialmente nelle scene iniziali, come se ci fosse una base di traccia in inglese o un’altra registrazione (radiofonica o televisiva). Non ci sono extra.

domenica 12 novembre 2017

I Racconti Di Terramare (2006)




Regia: Goro Miyazaki
Anno: 2006
Titolo originale: Gedo Senki (ゲド戦記)
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon (steelbook)

Film:
E' carinuccio, ma non all'altezza di altri film marcati Studio Ghibli. Sulla poltrona del regista siede Goro, figlio del maestro Hayao, ma non ho le basi per stabilire quanto, al suo primo lavoro, non sia all'altezza di grandi opere, o quanto i primi quattro romanzi del Ciclo di Earthsea, che traspone, siano complicati e difficilmente trasbordabili cinematograficamente. Il fantasy come risaputo non mi stuzzica molto, ma c'è da dire che la componente qui presente non è pesante o dannosa ai fini della godibilità. Anzi, come storia, abbiamo una buona avventura, interessante in più di una parte. Peccato però la lentezza in determinate scene e la poca chiarezza del "perchè" di fondo, con un finale ai limiti dello sbrigativo. Anche i personaggi principali restano un po' appesi e strozzati senza mai incarnare realmente la figura di eroe o antieroe. Forse per apprezzarlo pienamente c'è da esserci un po' più dentro.

Edizione: steelbook (bluray + DVD)
Collector's Edition dal colore monocromatico sul giallino verde e artwork minimal. All'interno due dischi: un bluray ed un DVD che differiscono oltre che per qualità audio video anche per i contenuti extra, presenti quasi esclusivamente nel BD ch ha pure per la nostra lingua traccia in DTS HD MA. I contenuti speciali sono:

  • Trailer (presente sia su DVD che su BD)
  • Storyboard (1 ora e 55 minuti)
  • Speciale sulla colonna sonora (1 ora)
  • Dietro i microfoni (48 minuti)

sabato 11 novembre 2017

Images (1972)




Regia: Robert Altman
Anno: 1972
Titolo originale: Images
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Di quelli psicologici. Onirici. Un po' border line tra realtà e finzione, che devono essere seguiti con attenzione per poter entrare nella mente della protagonista (Susannah York) e nell'intreccio quasi imprevedibile che si sviluppa. A contrastare il titolo e la trama abbiamo una presenza massiccia e non occasionale della voce fuori campo che narra una favola per bambini, che si alterna con quanto mostrato o non mostrato all'interno della pellicola. La pazzia, le psicosi, i sensi di colpa e le difficoltà a stabilire ciò che è reale e ciò che è frutto dell'immaginazione, si proiettano sugli occhi e nella mente dello spettatore. Immagini. Che si susseguono in una danza tra ciò che è e ciò che non esiste, ma che prende forma e si materializza. Una sorta di scomposizione dell'essere pensante che deve fare i conti con se stesso ed i propri mostri, con un inconscio che ora mette in guardia e subito dopo è portatore insano di pulsioni. Un film forte che si sovrappone su più piani mettendo a nudo la psiche umana.

Edizione: doppio DVD
Il primo disco contiene soltanto il film, con traccia originale ed italiana in Dolby Digital stereo. Buona la resa video, mentre si sente un leggero fruscio nell'audio soprattutto nelle parti iniziali. Il secondo disco contiene gli extra:

  • Intervista a Robert Altman (24 minuti)
  • 4 schede biografiche
  • Trailer

venerdì 10 novembre 2017

I Corpi Presentano Tracce Di Violenza Carnale (1973)

Regia: Sergio Martino
Anno: 1973
Titolo originale: I Corpi Presentano Tracce Di Violenza Carnale
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Non nascondo di essere partito un po’ prevenuto, sia perchè non conoscevo questo film, che per me poteva essere uno tra i tanti, sia per il titolo (all'estero conosciuto prevalentemente come Torso) decisamente poco affabile ed intrigante. E' indubbio però che Sergio Martino abbia influenzato un certo cinema horror dell'epoca, andando a condire ciò che si presenta come un giallo su sfondo erotico, con ingredienti puramente slasher. La trama non risulta affatto un espediente per mostrarci corpi seminudi di belle ragazze o corpi martoriati e schizzi di sangue: è ben articolata, con la storia che si svolge a Perugia nella prima parte ed in una villa di campagna nella seconda. Sebbene manchi il carattere poliziesco in cui si possa vedere qualcuno indagare sul serial killer, restano la tensione ed il pathos che si generano omicidio dopo omicidio. Grandiosa a mio avviso la "scena della chiave e del giornale" che non limita l'aguzzino ad un semplice carnefice, ma ne sprigiona anche un determinato sadismo psicologico. Difficile stancarsi nel guardarlo ed è possibile rivedere (in anticipo) alcuni espedienti utilizzati successivamente nel cinema horror di maggiore successo.

Edizione: BD + DVD autografata
CG Entertainment c’ha preso gusto (ed anche io) e così fa uscire ogni tanto delle edizioni davvero interessanti. In questo caso, al di là del valore artistico e storico nel panorama cinematografico degli slasher, abbiamo un prodotto di un certo livello anche come supporto fisico. Per prima cosa, come per Il Postino, CG ha annunciato quasi in religioso silenzio e senza troppa pubblicità della possibilità di acquistare una delle 28  copie autografate da Sergio Martino e Luc Merenda. Entrambi sono sulla parte frontale ed esterna della custodia, non sulla slipcover verticale cartonata. Non c’è numerazione neanche questa volta purtroppo. L’edizione comprende sia la versione in DVD che quella in BD, che contengono entrambe i medesimi contenuti extra (tranne che per il trailer), ma differiscono per (ovviamente) qualità video ed audio (il BD contiene le tracce originali ed italiane sia Dolby Digital 2.0 che in DTS HD MA 2.0 mentre il DVD ha solo le tracce lossy) e per 7 minuti complessivi in più di scene tagliate presenti sul bluray. E’ stato utilizzato un nuovo master e sebbene non possa fare paragoni con altre versioni, tutto il girato, comprese le scene scure, risulta pulito e ben godibile nonostante l’età. I contenuti speciali sono davvero interessanti e curati da Nocturno:
  • Trailer (solo BD)
  • Il giallo alla Gastaldi (16 minuti)
  • Torso 2017 (19 minuti)
  • Uno, nessuno e centomila (24 minuti)



giovedì 9 novembre 2017

Willy Signori E Vengo Da Lontano (1989)

Regia: Francesco Nuti
Anno: 1989
Titolo originale: Willy Signori E Vengo Da Lontano
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (6.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Verso la fine ci si abitua, ma questo non è necessariamente un bene. Nuti non mi è mai piaciuto troppo, forse fatta esclusione per Caruso Pascoski o anche Il Signor Quindicipalle. Ma anche in quei casi in maniera un po' tirata, lo devo digerire. Ha una comicità tetra, un po' triste, e questa idea me l'ha sempre data, non è un surrogato degli ultimi avvenimenti della sua vita personale. D'altra parte i primi dieci minuti (consecutivamente) e varie altre parti del film, sono gag da cabaret che di geniale o divertente hanno davvero poco. L'uso del volgare parlato, con parolacce a nastro per far ridere la sala, qui da noi poi hanno poca presa: "quella maiala" si diceva già a ricreazione alle elementari, non siamo milanesi. La cosa migliore e più memorabile (se escludiamo il lancio del gatto) sta nel montaggio. Il resto è eccessivo.

mercoledì 8 novembre 2017

Piramide Di Paura (1985)




Regia: Barry Levinson
Anno: 1985
Titolo originale: Young Sherlock Holmes
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Ero piccolo, ma se dovessi ricordare una delle scene che più mi facevano paura in assoluto non ci sono Nightmare o Gremlins che tengano: quella in cui il tacchino prende vita ha affollato molti dei miei incubi. Eppure poi mi sono fatto coraggio e sono sempre andato avanti, perchè in fin dei conti Piramide Di Paura è una storia per ragazzi, con ragazzi protagonisti. Avventura (un po' in stile Indiana Jones ed il mio preferito resta sempre Il Tempio Maledetto) genuina con enigmi da risolvere, l'occulto, la parte storica: insomma attrae anche oggi pur nella sua semplicità ed i personaggi, seppur giovani e quasi da spinoff rispetto agli originali risultano ben costruiti anche se leggermente stucchevoli. E poi quegli effetti speciali... Davvero fantastici e sorprendenti. Un film dell'infanzia che resta valido anche a secoli di distanza.

Edizione: DVD
Edizione DVD molto povera, con nessun extra ed audio italiano in Dolby Digital stereo.

Americani (1992)




Regia: James Foley
Anno: 1992
Titolo originale: Glengarry Glen Ross
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Bello. Un intreccio di dialoghi corali sulla natura umana e sullo spietato mondo del lavoro, in cui i rapporti, quelli umani, vengono sempre meno. Erano i primi anni novanta e tutto stava già cambiando, come sempre avviene, agli occhi di chi c'è dentro. Risultati e classifiche, nessuna riconoscenza per i successi passati, il superiore che è sempre l'inetto, la collaborazione tra colleghi quando fa comodo. Persone che diventano numeri, tutti contano (fintanto che producono) nessuno è indispensabile (se non tiene il passo) ed è così che i nostri Al Pacino, Kevin Spacey, Jack Lemmon, Ed Harris, Alec Baldwin e Alan Arkin ci tengono incollati alle loro labbra: venditori di terreni, o di sogni o di speranze. La camera punta sempre sui volti dei protagonisti, non ne esiste uno principale, che si alternano in dialoghi o monologhi, pochissime le scene girate in esterno: pioggia, buio, alcune luci al neon, ma quasi sempre locali chiusi come l'ufficio da cui partono le pratica per aggraziarsi i famigerati "contatti". Ognuno ha una propria personalità ben espressa non solo da quanto viene detto, ma anche grazie alle mimiche facciali, gli atteggiamenti, gli umori e le angosce. Un film vero, reale, un'opera teatrale portata sul grande schermo. Davvero molto buono.

martedì 7 novembre 2017

Aggiornamento Oxygen OS 4.5.14


Come di consueto ecco ch arriva l’aggiornamento per OnePlus 5 portando la versione di Oxygen OS alla 4.5.14 via OTA. Si tratta soltanto di 61 MB e le novità sono presto dette, anche si tratta di un aggiornamento di quasi poco conto se non per il WPA2:
-          Supporto Airtel VoLTE in India
-          Supporto per la banda 66 di Freedom in Canada
-          Fissata la sicurezza del WPA2 per il Wi-Fi
-          Ottimizzato l’utilizzo della batteria in alcuni casi
-          Ottimizzata l’accuratezza del GPS
-          Sistemati alcuni bug

lunedì 6 novembre 2017

Le Colline Hanno Gli Occhi (1977)




Regia: Wes Craven
Anno: 1977
Titolo originale: The Hills Have Eyes
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Forse tecnicamente non è un grande film, anzi togliamo pure il forse. Minimal sotto tanti aspetti, e la scenografia, pur semplice ed ambientata in un deserto risente molto di una logica volta al realismo. Basti pensare alle scene notturne in cui la regia usa una luce artificiale per illuminare la roulotte. Ma Le Colline Hanno Gli Occhi ha il potere di rendere selvaggia la paura, il terrore, di mettere a confronto due tipi di famiglie. La prima, semplicemente odiosa, tipico esempio di gruppo civilizzato che si muove per una vacanza spensierata. La seconda, ai limiti del primitivo, che uccide e si sazia delle sue vittime, siano cani o umani. Wes Craven riesce a limitarsi il meno possibile e dà il via ad una carneficina per la sopravvivenza andando a stuzzicare le paura delle famiglie americane. L’insidia è dietro l’angolo, un angolo ampio, ampissimo, che abbraccia il deserto del Nevada, luogo di esperimenti militari e abbandonato da tutti, tranne che dai carnefici. E’ una lotta inizialmente impari, ma che vede i protagonisti crescere e lottare con maggiore foga rispetto agli aguzzini cannibali. Credo che sia divenuto già un cult appena uscito.

Edizione: bluray TombStone
Abbiamo atteso tanto per avere una versione decente in HD di questo film, e non è arrivata. L'edizione TombStone, lascia molto a desiderare. Vuoi che l'amaray bianca non sia proprio il massimo, ma vuoi anche per la qualità della pellicola. Nei primi (venti?) minuti addirittura si ha una specie di effetto "truemotion" con alcuni movimenti quasi rallentati o come se mancassero dei frame. Il resto, riversato su bluraya ha una resa non molto buona, specialmente nelle scene buie. Insomma ok che il film è datato, ma qui ha anche quasi poco senso avere la versione BD. L'audio si  presenta invece molto buono, sia la traccia originale stereo in DTS HD MA sia quella italiana nel solito formato, ma multi canale. All'interno è presente anche una carta. Gli extra sono:

  • Trailer originale 
  • Finale originale (6 minuti) 


Aggiornamento Nvidia Shield TV: Shield Experience Upgrade 6.1

Articolino flash, non sono neanche riuscito a dare una foto a modo così ne uso una di repertorio. E' giunto l'aggiornamento Shield Experience Upgrade 6.1 con poche novità ed il peso di soli 90 MB. Si tratta di:
  • Ultimi aggiornamenti di sicurezza mensili Android, incluse le correzioni per il protocollo WPA2 (KRACK)
  • Accensione / spegnimento TV aggiunto tramite IR per Shield Remote (tocca Home + indietro)
  • Configurazione migliorata di Logitech Harmony Hub tramite Bluetooth
  • Possibilità di eseguire la scansione dei canali DVB-T e DVB-T2 su Hauppauge WinTV - solo HD

domenica 5 novembre 2017

Juventus 2 - Benevento 1

Ad esclusione dei tre punti conquistati non riesco a trovare niente di positivo dalla gara di oggi. Stavamo anche per fare la figuretta, in pieno stile Beer Sheva, e non è che ci mancava molto. Il Benevento, non serve rispetto, è una di quelle squadre che non devono stare in Serie A, eppure potevano fare il colpaccio. Ed in casa nostra. I due legni (uno casuale) non possono servire come scusante o come alibi, perchè una partita di questo tipo doveva stare almeno due o tre a zero nel primo tempo. O se non segnavi almeno fare dieci o quindici tiri in porta. E con cinque passaggi massimo arrivare in area. Invece nulla: solo bruttezza a non finire. Ed errori e svogliatezza. Peccato comunque per chi stava già esultando, ma i napoletani sono abituati a parlare anzitempo, altrimenti non si ritroverebbero a sentirsi forti pur avendo meno scudetti del Pro Vercelli.

Io La Difendo (1942)




Regia: Edwin L. Marin
Anno: 1942
Titolo originale: A Gentleman After Dark
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Sapore di noir e di vecchio film, amore per la propria figlia, odio per chi le vuol fare del male. La vendetta di un gentiluomo ladro che difficilmente non può raccattare le simpatie del pubblico. Fin dai primi minuti della pellicola abbiamo la presentazione di questo singolare e romantico personaggio, disonesto di professione, ma che con la nascita della figlioletta decide di provare a mettere la testa a posto. Una storia leggera, senza fronzoli, ma affascinante per come è raccontata.

Edizione: DVD Penny Video
E' il secondo titolo edito dalla Penny Video, che si ripropone l'obiettivo di lanciare nel mercato italiano titoli spesso inediti a livello mondiale, valorizzando opere che probabilmente andrebbero perdute. La qualità video in questo caso (ripreso da un 16mm) ha degli alti e bassi, il filmato è in molte occasioni sporco, anche se non disturba affatto la visione, anzi, conoscendo un po' le motivazioni che hanno portato alla distribuzione, il risultato è più che accettabile. L'audio, soltanto in italiano e senza la possibilità di sottotitoli, prevede il doppiaggio originale. Purtroppo non ci sono extra.

L'Isola Dell'Ingiustizia - Alcatraz (1995)




Regia: Marc Rocco
Anno: 1995
Titolo originale: Murder In The First
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (7.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Kevin Bacon e Gary Oldman sensazionali. Si parte subito da qui: una prova difficile per entrambi, ma decisamente realistica, senza nessuna sbavatura. E Bacon è sempre stato tra i miei preferiti, anche grazie a questa sua interpretazione. Christian Slater deve fare i conti con un personaggio molto più semplice: è il buono, il ragazzo in carriera, l'eroe. E la storia, basata su fatti realmente accaduti, passa dal dramma carcerario al puro legal thriller senza scordare i sentimenti, gli stati d'animo, le ingiustizie ad ogni livello e rapporto: che si tratti delle angherie che subisce un detenuto o del maggiore che tradisce il fratello minore. Sul sistema carcerario la mia utopica idea resta sempre la stessa: non solo uno strumento per punire ed isolare i pericolosi, ma anche un mezzo per riabilitarli e reintrodurli nella società. Purtroppo ieri come oggi, ciò che sulla carta dovrebbe avere sani principi, non viene portato avanti all'atto pratico. Ed in questa pellicola di metà anni novanta, ambientata a cavallo dei trenta e quaranta, si respira un'aria di sconforto, rabbia, pena. E la cosa bella è che non si limita ad essere il film di denuncia sugli abusi nelle carceri.

Edizioni: bluray
Classica amaray con niente di particolare. Audio Dolby Digital stereo. Come extra:

  • Dietro le quinte (10 minuti)

sabato 4 novembre 2017

Creepshow (1982)




Regia: George A. Romero
Anno: 1982
Titolo originale: Creepshow
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.9)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
C'erano una volta un grande regista (George A. Romero) ed un grande scrittore (Stephen King), entrambi propensi all'horror, che si incontrarono: partorirono un film ad episodi dalle tinte black commedy grottesche. Non tutti sono riusciti, abbastanza diversi l'uno dall'altro sia come pathos che come struttura ed effetti speciali (o trucco) utilizzati, hanno un comun denominatore che è la componente fumettistica che li lega l'uno all'altro. Se alcuni si fanno apprezzare maggiormente lo dobbiamo anche a "chicche" come la presenza di Leslie Nielsen o all'omaggio perpetuo a La Cosa in una delle storie. Pur divorando King a più riprese, non ho mai digerito mlto bene le sue raccolte di racconti, e così anche in questo caso, il risultato finale non è dei più gradevoli per i miei gusti. In ordine i capitoli presenti:
Prologo (Prologue)
La Festa Del Papà (Father's Day)
La Morte Solitaria Di Jordy Verrill (The Lonesome Death Of Jordy Verrill)
Alta marea (Something to Tide You Over)
La cassa (The Crate)
Strisciano su di te (They're Creeping Up on You!)
Epilogo (Epilogue)

Edizione: bluray Quadrifoglio
 Negli anni, la Quadrifoglio ha sempre fatto chiacchierare molto, ed è forse per questo motivo che diversi suoi titoli risultano ambiti. Questa uscita è comunque abbastanza nuova anche se il film è datato. E la scelta di farlo uscire in alta definizione con il bluray è stata ottima poichè la qualità è all'altezza delle produzioni meno vetuste. L'audio ci è presentato in tre vesti: originale in DTS HD MA stereo, italiano in DTS HD MA 5.1 e sempre italiano in LPCM stereo. Ho switchato un po' tra le nostre tracce, quella in multicanale risulta ovviamente più ampia, ma anche con i dialoghi maggiormente puliti. Essendo la versione completa, senza tagli, alcune scene presentano l'audio originale con i sottotitoli. Gli extra sono:
  • Creepshow: il film (4 minuti)
  • Trailer originale
  • George A. Romero (5 minuti)
  • Ed Harris (4 minuti)
  • Gaylem Ross (2 minuti)

Django Il Bastardo (1969)




Regia: Sergio Garrone
Anno: 1969
Titolo originale: Django Il Bastardo
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (6.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon (Cofanetto Django Unlimited)

Film:
Uno dei moltissimi spaghetti western che utilizzano il nome Django, divenuto "personaggio" di successo con l'originale di Sergio Corbucci. E' un sequel apocrifo, con il pistolero che non ha niente a che vedere (in termini stretti) con quello impersonato da Franco Nero. Resta però la figura dell'antieroe, epicamente silenziosa, un'ombra micidiale che si muove per compiere la propria vendetta. Un sentimento che tramuta Django in una sorta di fantasma della morte, di giustiziere che va avanti per la sua strada, più come fosse uno spauracchio per chi si è comportato da avido e malvagio aguzzino, piuttosto che come reale cowboy da poter affrontare. Non gli interessano i soldi, tanto meno i legami. Ecco quindi bella e pronta la trama, per una pellicola che si inserisce però nei gradini più bassi dei grandi western, senza comunque fare brutta figura.

Edizione: cofanetto Django Unlimited
Collezione di 4 DVD (l'originale e tre apocrifi) dedicati a Django. Il cofanetto è un semplice cofanetto che racchiude le edizioni sciolte dei singoli film. La resa video è buona, ma perde un po' nei venti minuti finali, con alcune macchie (verdi) di troppo. L'audio è solo in italiano ed usa il Dolby Digital stereo. Gli extra sono soltanto tre schede informative su cast e regista.

venerdì 3 novembre 2017

Pomodori Verdi Fritti Alla Fermata Del Treno (1991)

Regia: John Avnet
Anno: 1991
Titolo originale: Fried Green Tomatoes
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Sono sbadato, e mi era sfuggito questo film in circa venticinque anni. Non del tutto, quando me ne hanno parlato credevo fosse un libro, ed in effetti è così. Sia chiaro, mi era sfuggito anche il libro, sapevo solo della sua esistenza. E come spesso capita quindi mi baso solo sulla pellicola, senza poter confrontare il risultato con quello da cui prende ispirazione. E secondo me, certe volte, quando ci sfuggono queste cose dobbiamo metterci un po’ in pari, perchè si tratta pur sempre di classici: la trama è divisa in due parti, che si alternano. La prima è contemporanea, e serve per introdurre i fatti, ma risulta comunque di spessore. La seconda è il fulcro e si ambienta essenzialmente negli anni trenta, in Alabama, uno degli Stati del Sud per antonomasia. Ed il solo fatto di essere donna era pregiudizievole. Ma non solo loro: anche la gente di colore, “bugiarda, come tutti i negri” (sic.) di certo non se la passava bene. I temi abbracciati sono molteplici ed attuali, anche se a conti fatti, sono la cornice del quadro. L’ingrediente principale è il ricordo, che riporta in vita i personaggi e le loro gesta. Spiriti forti e coraggiosi, anticonformisti, che si destreggiano tra le difficoltà quotidiane del piccolo avamposto di un civiltà che ha ancora da venire. Un film drammatico, dai risvolti tristi e malinconici, che però viene raccontato con quella sorta di allegra voglia di vivere che hanno nel cuore coloro che non sono portati all’odio., ma che riescono ad apprezzare tutti tranne gli ingiusti. Non si tratta infatti di un’emancipazione struggente, strappalacrime: dura sì, difficoltosa anche, ma con la giusta dose di risolutezza, valori, amicizia e solidarietà.

Edizione: bluray
Normalissima edizione che non fa parlare di sè. Audio e video nella media, nessun tipo di extra purtroppo.

giovedì 2 novembre 2017

Lucca Comics per Ognissanti

Eccoci che torniamo all’evento nerd dell’anno, il Lucca Comics. C’è  chi lo fa ciclicamente ad ogni lustro, chi si sveglia (per finta) dopo non aver dormito, e chi si alza in pigiama ed esce tranquillamente cercando abbracci. Con Coco, dopo attenta valutazione, abbiamo deciso di non fare il biglietto perchè la fila durava meno di un giorno, quindi non avrebbe avuto senso. Ci siamo dilettatati a vagare, un po’ a passo zombie, per le mura e per la città, senza accedere agli stand. E’ bello ugualmente, forse meno temerario, ma hai una buona libertà di movimento. Anche quando stai seduto sul muretto e cerchi di cogliere la foto del secolo per la maschera del millennio. Come ogni anno, i costumi si alternano in maniera più che casuale: ci sono gli uomini cestino (win), i succitati pigiamini, un buon 90% di personaggi che non conosciamo, quello vestito da babbo Batman, i carabinieri ed ogni altro costume che ti possa venire in mente, compreso il sushi e le Hilary (copia cinese)  Quinn un po’ sfatte. Il resto si suddivide in travestimenti sensazionali di umani in cartoni animati, e viceversa. Li abbiamo studiati, ed al prossimo evento, sfoggeremo una combo allucinante, ma sarà una sorpresa. Pubblico una serie di foto sparse, scelte attentamente tra migliaia scattate. Abbiamo volutamente scelto le peggiori, troppo semplice altrimenti fare i bulli.
 Album Lucca Comics by Coco
(via G+)