mercoledì 21 giugno 2017

The Founder (2016)




Regia: John Lee Hancock
Anno: 2016
Titolo originale: The Founder
Voto: 6/10
Pagina di IMDB (7.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:

Ero curioso di vedere le famose mucche create in laboratorio, senza testa e senza gambe. Probabilmente quelle però sono arrivate negli anni successivi, mentre qui si narra proprio la fondazione di McDonald’s, quella dei fratelli Dick e Mac, che hanno dato il nome alla miliardaria impresa, e quella di Ray Kroc, vera anima del successo commerciale e globale. Un’anima però non esattamente giusta e corretta, anzi avida e senza scrupoli: un uomo che si impegna oltre misura per ottenere il successo, ed inseguire un sogno, ma lo fa sul sangue degli altri. Oddio, non è che si tratta proprio di sangue, alla fin fine forse lui suda e si fa il culo più di ogni altro, e soprattutto spende una cifra molto consistente che i fratelli McDonald’s accettano, in qualche modo, cedendo la loro creatura. Al di là della questione morale o della sfrontatezza è un interessante pellicola, dai toni quasi per niente critici, su uno dei marchi più conosciuti e presenti nel mondo. Bene o male tutti conoscono gli hamburger del fast food per antonomasia: c’è chi ci si ingrassa, chi ci porta i figli alle feste di compleanno, chi lo disprezza come in quanto simbolo della globalizzazione e del consumismo, chi non ci mangerebbe neanche un’insalata solo per punto preso, chi adora farcisi uno spuntino ogni tanto e così via. Si potrebbe continuare all’infinito ed è per questo che non ci si stupisce se c’è chi ha pensato di girare una pellicola sulla nascita di tale colosso. Ma a rendere una storia banale e forse noiosa, un qualcosa di ben fatto, a mio avviso non è tanto la struttura della trama o il timbro del regista, quanto l’impeccabile e maestosa prova di Michael Keaton. Davvero questo attore, anche nella a diversi anni dai suoi primi successi, mi sta veramente gasando, più di un buon Crispy McBacon.  Senza di lui sarebbe stato decisamente scialbo.

Edizione: bluray
Amaray invece del classico colore blu, questa volto rosso. All'interno un disco la cui qualità video, come in molti prodotti di oggi, è buona, sebbene ci sia un rumore di fondo nelle scene del ristorante di lusso, in cui le luci sporcano leggermente la parte inferiore dello schermo. Audio in DTS HD MA anche per l'italiano oltre che per la lingua originale. Il menù ricorda proprio un menù, ma senza poi troppi fronzoli. Gli extra sono i seguenti:

  • Le regole del successo (1 minuto)
  • Intervista a Michael Keaton (5 minuti)
  • Photogallery
  • Trailer
 

Nessun commento: