sabato 11 luglio 2020

Juventus 2 - Atalanta 2

Partita difficilissima contro la squadra attualmente più in forma del campionato che veniva da una striscia incredibile di nove vittorie consecutive. Noi eravamo addirittura stati fermati da un Milan che è l'ombra di se stesso. Con il risultato positivo però della Lazio che perde contro il Sassuolo nonostante giocasse in casa, questa poteva essere presa psicologicamente più alla leggera: nessun danno grave in caso di sconfitta. Anzi, sempre il solito distacco nonostante le due ultime partite sicuramente più abbordabili sulla carta per i nostri attuali diretti avversari. L'Atalanta gioca bene ed impressione, se ancora può farlo, passando per due volte in vantaggio e cercando di metterci in crisi. Cristiano Ronaldo però li raggiunge sempre con la sua proverbiale freddezza, ogni volta dal dischetto del calcio di rigore. Anche se di un solo punto, la distanza con la Lazio aumenta e siamo ad un comodissimo, ma ancora non sicuro +8.

Aggiornamento Oxygen OS 10.0.11.HD65BA





Nuovo aggiornamento per il OnePlus 7T che porta così alla versione 10.0.11 il suo sistema operativo. L'ultimo risaliva a metà aprile ed ecco le novità descritte nel changelog:

Sistema:

  • Le Oneplus Bullets Wireless Z sono adesso integrate con Dolby Atmos per una migliore qualità del suono
  • Ottimizzata la regolazione del volume per una migliore esperienza utente
  • Migliorata la vita della batteria
  • Migliorata la stabilità del sistema e fissati alcuni problemi generici
  • Aggiornamento della patch di sicurezza Android a Maggio 2020
 Fotocamera:
  • Supportato lo slow motion a 720p con 960fps
  • Aggiunto il rilevamento macchie sull'obiettivo

venerdì 10 luglio 2020

Arca Russa (2002)




Regia: Alexander Sokurov
Anno: 2002
Titolo originale: Russkij Kovceg (Русский ковчег)
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (7.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon 

Film:
Stilisticamente Arca Russa è un qualcosa di inimmaginabile. Un unico piano sequenza, lungo quasi cento minuti. Davvero straordinario ed esorbitante, anche considerando il fatto che non è girato in una piccola stanza con un paio di attori. Si tratta di un lavoro immenso, da orchestrare in maniera certosina che si allarga nello spazio e nel tempo con numerose e differenti location (anche se ambientalmente fanno parte del medesimo complesso, l'Ermitage di San Pietroburgo) e costumi a non finire che raccontano varie epoche. Artisticamente quindi sono d'accordo con chi (Tarabusino) lo definisce un capolavoro, purtroppo però se togliamo lo stile, manca troppo di mordente e risulta cinematograficamente noioso. Non che si debba per forza essere amanti della cultura e dell'arte, forse per queste cose sarebbe più immediato un documentario o un trattato, per apprezzarlo in pieno, però è ovvio che con un piano sequenza del genere, venga a mancare una certa dinamicità anche nei dialoghi. 

Edizione: bluray
 Una delle prime StartUp! di CG Entertainment che prevede una slipcase in cartoncino orizzontale. Solito artwork sulla cover frontale e sulla custodia, sul cui retro sono presenti i nomi dei primi 300 partecipanti, mentre la numerazione (178/500 la mia copia). è in bella vista sul retro del cartoncino. Traccia italiana in DTS HD MA 5.1 e come extra:

  • Trailer
  •  "In one breath: Alexander Sokurov's Russian Ark" (43 minuti)
  • Commento di Enrico Ghezzi (13 minuti)

mercoledì 8 luglio 2020

Mirror - Chi Vive In Quello Specchio? (1980)




Regia: Ulli Lommel
Anno: 1980
Titolo originale: The Boogey Man
Voto e recensione: 3/10
Pagina di IMDB (4.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Ennesimo horror anni ottanta con un budget decisamente basso, ma lo si nota in tutto. A partire anche dalla sceneggiatura che pur essendo semplice e lineare riesce a perdersi ed a risultare anche slegata dall'insieme delle scene. Forse il titolo italiano questa volta è più azzeccato rispetto al generico "uomo nero" di anglosassone memoria, ma pur essendo lo "specchio" l'anima della pellicola, non riesce a mai a trasmettere niente di misterioso ed ipoteticamente ansioso per essere un horror. Anche la parte dedicata alla paura o comunque in cui ci aspettiamo scene di vero sangue è davvero esigua. I costumi e gli accessori (i coltelli sono penosi) sembrano rubati da un grande magazzino di giocattoli e nell'insieme mettiamoci pure un audio italiano per niente convincente in cui si sente troppo lo stacco recitato senza alcun trasporto. Un B movie che potrebbe sforzarsi di divenire di culto per gli appassionati, ma niente di più.

Edizione: DVD
Collector's Edition della Raro Video con qualità video bassina, ma neanche troppo da far ricordare le VHS. Traccia italiana in stereo, nessun extra. All'interno un flyer pieghevole a colori con un commento testuale in italiano ed inglese.

martedì 7 luglio 2020

Milan 4 - Juventus 2

Non voglio fare dietrologie, ma tutto è scritto già nella partita di Lecce. Finire il campionato già adesso (che poi siamo a luglio) sarebbe stato controproducente per alcuni (leggasi: tutti gli altri). La Lazio perde una delle partite più semplici sulla carta, anche se cercano di farli pareggiare quantomeno. Tutto inutile. La Juve invece gioca contro un Milan che per forza deve entrare in Europa, e lo sanno tutti. Anche i maiali che in questo momento stanno esultando, poverini. Primo tempo noioso però, poche occasioni, velleitarie, non certo da grande gare. Il secondo tempo ci riserva ogni sorta di prodezza: Rabiot con un'azione fantastica sigla la rete, altrettanto fantastica del vantaggio bianconero. Già qui si potevano capire alcune cose. Raddoppia Ronaldo e tutto sembra finito. Vantaggio di due reti a zero, dieci punti sui burini, si potrebbe già festeggiare in barba al Covid. Ma no: l'arbitro decide di utilizzare il VAR nel peggior modo possibile assegnando un rigore inesistente per accorciare. Ok, chi se ne frega però dai, una rete agli avversari la si può concedere anche se regalata. Eppure la difesa in  cinque minuti pensa bene di riaprire ogni discorso e prende altre due reti. Come se non bastasse, il fresco Alex Sandro, appena entrato passa la palla all'attacco da vergogna del Milan per far finire tutti i giochi. Ok, facciamoli sperare ancora qualche altra giornata, così si divertono di più.

domenica 5 luglio 2020

Il fiume Albegna e le sue vasche naturali

Ok ok, un po' di mare, ma quello lo abbiamo fatto ieri, non abbiamo niente contro le spiagge, anzi. E' che si può stare al fresco e bagnarsi anche in altri modi. Sebbene una costante sia fissa: si prende il sole e ci si arrostisce ovunque. L'escursione di oggi è comunque partita da Rocchette di Fazio, una piccola frazione nell'entroterra grossetano che si trova in una posizione dominante (471 metri sul livello del mare) rispetto alla Maremma, sorgendo su di una rupe calcarea. Da lì, attraverso il bosco in discesa fino al letto del fiume Albegna, che diversi km più in là terminerà il suo corso ad Albinia. Purtroppo la scarsità di piogge di questo periodo ha fatto sì che i guadi da effettuare siano estremamente semplici rispetto alle nostre ultime uscite fluviali. Questo non ha però reso meno bella l'esperienza dal punto di vista paesaggistico e non ci ha impedito di fare il bagno nelle piscine naturali e giocare con le piccole cascatelle che continuano a formarsi.

Album fotografico Il fiume Albegna e le sue vasche naturali