mercoledì 13 ottobre 2021

Goliath [Stagione 4]

 

Titolo originale: Goliath

Anno: 2021

Numero Episodi: 8

Stagione: 4

Iscriviti a Prime Video

 Con la fine della terza stagione di Goliath credevo che la serie TV fosse arrivata al termine. Può darsi però che qualche fan abbia rapito gli autori come in Misery così da poter rivedere le nuove gesta di Billy McBride. Il risultato è a mio avviso buono con la solita battaglia (con un titolo del genere è più che normale che sia così) da complotto contro i potenti ed una buona dose di aspetti legali nella  parte finale ed investigativi in tutto il resto. Scorre bene e velocemente, molto più rispetto alla seconda stagione che non aveva per niente convinto, anche se abbastanza lontana dagli otto capitoli originali. Gli episodi in questo caso sono caratterizzati da alcune scene distorte ed oniriche che spezzano un po' la continuità della trama, ma hanno comunque un loro senso, almeno fotografico e visivo. Il resto ha un ritmo ben sostenuto, con alcune forzature, ma nel complesso gradevole in ogni sua parte. A questo punto sono più che probabili altri prosegui.

martedì 12 ottobre 2021

Nomadland (2020)

 
Regia: Chloe Zhao
Anno: 2020
Titolo originale: Nomadland
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
 
Premio Oscar, ma non mi convince appieno. Come potenzialità ne avrebbe avute a dismisura e non sono qui a criticare, ci mancherebbe, ma non tutto ciò che viene toccato in questo particolare road movie viene ben sottolineato, a mio avviso, lasciando lo spettatore con un senso di vuoto. Alle immagini sensazionali del confine americano, di quel far west moderno e tuttora poetico di un certo tipo di frontiera si aggancia una trama che, seppur con la mastodontica e superba Frances McDormand, non riesce mai a catturare il mio interesse. La sceneggiatura non originale che si basa sull'omonimo racconto d'inchiesta, diciamo che ha soltanto alcuni elementi di taglio giornalistico. Infatti se da un lato abbiamo la McDormand che si muove con il suo van ed incontra gente e sembra quasi che li intervisti, dall'altro abbiamo persone perlopiù prese dalla strada che sì, danno un senso di realismo e quella patina documentaristica, ma che alla lunga (e dura quasi due ore) stanca. Il film, con un ritmo altalenante spazia in lungo e largo, senza mai soffermarsi troppo su determinati punti che avrebbero potuto essere salienti, ma sembra invece che non voglia osare per non scontentare nessuno, La protagonista chiede, conosce, fa esperienze, ma non sembra "crescere" mai, quindi si perde anche il lato da romanzo di formazione, se mai ce ne fosse stato il presupposto. E cosa più importante è che non ho notato, se non nella parte iniziale, che probabilmente mi ha messo sulla cattiva strada, nessuna sorta di denuncia sociale o civile per una classe di persone che sarebbero potute essere rappresentanza particolare dei vinti e degli sconfitti. In pratica si punta più sulle scelte personali che sul bisogno e la necessità. A parte questo è indubbio che il girato è veramente bello e godibile, così come la fotografia e tutto ciò si riesce a vedere chiaramente, anche se poi finisce lì.

domenica 10 ottobre 2021

Squid Game [Stagione 1]

 

Anno: 2021
Titolo originale: Ojing-eo Ge-im (오징어게임)
Numero episodi: 9
Stagione: 1
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Squid Game, la serie TV sudcoreana, ultima esclusiva Netflix di rilievo è il titolo del momento. Ed a ragione, anche se penso che il tam tam mediatico ad essa collegato sia esagerato. Per quanto mi riguarda, ma è una cosa puramente soggettiva, pur trattandosi di un buonissimo, accattivante e se vogliamo originale prodotto, non può essere definito il migliore in senso assoluto. Si è molto chiacchierato a riguardo,ma anche in maniera polemica su alcuni aspetti legato al plagio , di cui non posso parlare per mancanza di basi (a parte Battle Royale che comunque ne è abbastanza distante) ed anche ai sottotitoli. Infatti, almeno in Italia, la serie TV non è stata doppiata e ci dobbiamo affidare a leggere mentre guardiamo, e sembrerebbe che alcuni dialoghi siano stati in un qualche modo aggiustati troppo tradendone il senso. A parte questo fin dal primo episodio è indubbio che lo spettatore venga rapito da una trama ben fatta, non scontata e molto articolata. Non si tratta inoltre di un semplice prodotto legato all'intrattenimento o all'azione: gli aspetti sociali e quelli più profondi sono sempre messi in bella vista, così come la descrizione dei personaggi e la presenza di piccoli o grandi colpi di scena che impreziosiscono una trama lineare, ma non per questo scontata. Probabilmente, visto il grande successo, ci sarà una nuova stagione che non ci resta che attendere.  

sabato 9 ottobre 2021

Monte Altissimo, 1589 m - Alpi Apuane #3

 

Terza volta sull'Altissimo e seconda volta in autonomia: il percorso che parte da Le Gobbie ormai lo conoscono a menadito, e possono sbagliare tracciato giusto in un paio di occasioni solo perchè mi distraggo. Quindi per la sua lunghezza di soli otto km circa ed un dislivello di 600+ accettabilissimo è perfetta per escursioni dell'ultimo minuto da fare in poco tempo (viaggio escluso). E' inoltre una di quelle non troppo semplici, che prevedono non tanto un allenamento per superare le salite iniziali, quanto una minima capacità da EE sul terreno accidentato, in cresta e lungo alcune piccole pareti scoperte ed esposte che danno un po' di brio al tutto. In una giornata come quella di oggi, ventosa, ma pulitissima, inoltre il panorama chiaro e limpido spazia fino alle Cinque Terre a Nord, supera il promontorio di Piombino a Sud e i mostra di fianco il resto delle Apuane. Un'altra attenzione da fare è quella relativa ai segnali bianco e rossi CAI ormai sbiaditi e quelli ancora più sporadici azzurri che seguono un tracciato non sempre ben identificabile soprattutto dal Passo degli Uncini fino alla vetta del Monte Altissimo. Però dopo un po' si prende il via a cercare automaticamente con lo sguardo il prossimo segnale ed il gioco è fatto.

venerdì 8 ottobre 2021

La Forma Dell'Acqua - The Shape Of Water (2017)

 
Regia: Guillermo Del Toro
Anno: 2017
Titolo originale: The Shape Of Water
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (7.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Ci sono film che presentano storie di un'eleganza e di una poetica straordinaria, ma che non riescono a portare tali elementi anche sul grande schermo. Mentre la bellezza de La Forma Dell'Acqua può far leva su numerosi altri aspetti che amalgamano tra loro a partire dalla fotografia per affiancarsi al montaggio e spingersi sui volti e gli atteggiamenti dei protagonisti, non soltanto quelli principali. Certamente la sceneggiatura anche in questo caso è un fetta importante della riuscita della pellicola, con quell'aspetto molto retrò, ma impreziosito da personaggi estremamente moderni ed al passo con i tempi, quella sensazione che li pervade di non essere adatti o far parte di una minoranza schiacciata perchè diversa. Pure i cattivi, abbracciando caricature ai limiti del clichè, non stonano e si fondano nella più completa armonia riuscendo a bilanciare ciò che di romantico e leggero potrebbe prendere il sopravvento e riuscendo a mutare all'occorrenza in un genere in cui anche spionaggio ed azione non sono da sottovalutare. Un'opera quindi ben orchestrata che ti rapisce per le atmosfere, per il ritmo e per la forza insita in ogni personaggio.

mercoledì 6 ottobre 2021

High Life (2018)

 
Regia: Claire Denis
Anno: 2018
Titolo originale: High Life
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (5.8)
Pagina di I Check Movies
Iscriviti a Prime Video
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Dopo la lunga pausa estiva, impregnata di di impegni vari, ecco che ricominciano le proposte di Mini Fisto per guardarsi un film più o meno in contemporanea. La scelta è caduta su High Life, pellicola di fantascienza dai toni drammatici e dal ritmo lento che ci mostra, tra innumerevoli flashback, il vagare incerto nello spazio per quelli che a tutti gli effetti erano cavie volontarie per un esperimento scientifico. Punto di forza nel cast è Robert Pattinson), soggetto principale che fagocita quasi ogni scena, con primi piani, brevi dialoghi e lunghi silenzi. L'ambientazione fantascientifica è più un sottofondo che sta alla base della volontà di concentrarsi sull'animo umano, sulla vita, la morte e sulla solitudine. La scenografia è scarna, lontana anni luce dall'immaginario futuristico a LED, ologrammi e curve accoglienti: la navicella spaziale su cui gli ex carcerati viaggiano è una sorta di scatola, neanche troppo illuminata, le cui apparecchiature si limitano a qualche monitor ed alcuni strumenti di tipo medico. Anche il tipo il minimalismo si discosta abbastanza da quei luoghi puliti ed asettici visti in altre rappresentazioni. Questo a dimostrare che il fulcro restano i personaggi umani della missione, che si spingono verso un buco nero, lontani anche da minacce esterne o aliene. Ciò che resta maggiormente nell'aria è il senso di angoscia che pervade non solo il protagonista, ma tutto l'equipaggio, spezzato in parte da scene violente o da pulsioni sessuali. L'intento della regia è forse più alto ed intellettuale di quello che è riuscita a mettere in campo, con un film in cui manca totalmente l'azione, ma anche il senso di compiuto e che risulta in più parti eccessivamente lento.

Free Guy - Eroe Per Gioco (2021)

 
Regia: Shawn Levy
Anno: 2021
Titolo originale: Free Guy
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (7.3)
Pagina di I Check Movies
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Eccomi, lo ammetto. Sono una vittima del mercato. Mi sono appena iscritto anche a Disney+, poichè era in offerta gratuita per sei mesi con TIM Vision.  Tra i numerosi titoli in esclusiva di Topolino ho scelto un po' a caso uno tra i primi che mi è stato proposto: Free Guy con Ryan Reynolds (ma non solo). E' un discreto film, che pur mancando di originalità, essendo l'ennesimo ambientato in un videogioco, si difende assai bene in questo genere grazie soprattutto agli effetti speciali. Tutti in computer grafica ovviamente. Se parliamo di puro intrattenimento, ed è sicuramente questo lo scopo di tale pellicola, la regia ha fatto centro, anche inserendo numerosi richiami o easter egg come fa più fico chiamarli, relativi a tutto il mondo Disney. La trama è ben articolata e non si perde in un semplicistico canto alla libertà, ma riesce ad abbracciare più generi prendendo un po' qua ed un po' là da altri titoli del passato o del presente. Resta ad ogni modo sempre su di un livello di leggerezza che è visibile su più fronti, comprese le scene che riguardano il "villain" Antwan che sembra Fiorello. Non si fa prendere molto sul serio, ma cerca di abbracciare un pubblico assai numeroso strizzando l'occhio a chiunque buttando qua e là, per fortuna, anche alcuni interessanti spunti di riflessione.

martedì 5 ottobre 2021

Vernor Vinge - Il Mondo Di Grimm

 
Autore: Vernor Vinge
Anno: 1987
Titolo originale: Tatja Grimm's World
Voto e recensione: 4/5
Pagine: 289
Acquista su Amazon (libro o ebook)
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 

Quarta di copertina: 

Quando il giovane astronomo Svir Hedrig incontra l'enigmatica Tatja Grimm, non immagina la scoperta che sta per fare. Sul suo mondo tutti leggono la rivista "Fantasie", proprio come qui da noi tutti leggono "Urania", ma l'unica collezione completa della mitica testata (vecchia di settecento anni) sta per essere distrutta. Il responsabile è Tar Benesh, tirannico reggente di Crownesse, e basta questo a spingere Svir ad accettare di immergersi in una pericolosa avventura. Ben presto, quella che era cominciata come una nobile impresa in nome della stampa si tramuta in una cruenta lotta per il potere a causa degli oscuri disegni di Tatja, ma il vero pericolo è altrove. Forse è nell'avvicinarsi del tempo della "raccolta", fra i non meno oscuri disegni di una grande civiltà interstellare...

Commento personale:

Che bellezza tornare a leggere la vera fantascienza che mi piace e che bellezza tornare a leggere Vernor Vinge. Questa versione estesa, del 1987 rispetto al racconto originale che risale addirittura al 1969, è un qualcosa che ci introduce in maniera magnifica il modo incredibilmente esaustivo che ha l’autore per creare nuovi mondi e gestire le specie che ci vivono. La parte scientifica è ben articolata, non pesante e tediosa, non volta a spiegazioni di tipo tecnico, ma soavemente descrittiva per il lettore che si ritrova quasi in un’ambientazione ai limiti del fantasy, ma che si rivela invece essere fantascienza pura. Essendo praticamente il suo primo romanzo, si possono notare alcuni passaggi più frettolosi o acerbi, ovviamente con tutto il rispetto, ma che non distraggono affatto né dalla trama né dal contesto che scaturisce dalla lettura di queste pagine. Forse la parte iniziale risulta maggiormente lenta e poco introduttiva facendoti calare subito in un universo di non semplicissima comprensione, ma già dopo poche decine pagine ci possiamo anche appoggiare all’azione ed al mistero che montano tra di loro una dietro l’altro. Davvero soddisfatto ed entusiasta.

domenica 3 ottobre 2021

Elba: non solo spiagge #11 - Giro in mountain-bike

 
Innanzitutto devo fare i complimenti e dire che nutro una grande stima per il mio amico Roikin, che usa regolarmente la muscolare da ormai diverso tempo. Io oggi mi sono prenotato un'escursione, con la mountain bike assistita, grazie a Elba Ciao, con partenza da Naregno, Capoliveri. Ingordo, e credendo che l'elettrica fosse un oggettino per niente faticoso, ho deciso di fare due bellissimi anelli. Quindi partenza verso Porto Azzurro, il Laghetto di Terra Nera ed il giro di Capo d'Arco. Prendo dimestichezza con il mezzo, ma capisco subito che c'è anche da pedalare. Penso a coloro che lo fanno senza ausilii: eroi. Le prime salite sembrano comunque alla portata anche di chi, come me, è alla sua prima esperienza del genere. Per le discese, ovviamente, c'è bisogno di molta attenzione e pratica. Completato questo primo anello, non senza un incontro ravvicinato con un albero che fortunatamente mi blocca la caduta chissà dove, ripartiamo per Porto Azzurro e saliamo verso Monserrato e Monte Mar di Capanna, per farne un altro ancora più ignorante e completo, tanto che in un paio di tratti la bici va portata a mano.  Da lì tutto in discesa fino ad Acquabona, poi Lido di Capoliveri e nuovamente Naregno. Il risultato è comunque sorprendente ed al netto della fatica, questa nuova avventura è da tenere sicuramente in considerazione.

Album fotografico Elba:non solo spiagge #11 

sabato 2 ottobre 2021

Elba: non solo spiagge #10

 
A distanza di soltanto due settimane ecco il mio ritorno in terra elbana. Ieri c'è stato tempo per la passeggiatina di rito a Porto Azzurro ed un'ottima, anzi sensazionale cena a La Botte Gaia. Nella giornata di oggi, particolarmente nuvolosa, ho approfittato dell'escursione gratuita organizzata dal Parco dell'arcipelago Toscano. Il trekking giornaliero parte da Pomonte e segue il sentiero della Vallaccia e parte della GTE. La particolarità di questa escursione prevede, oltre alla presenza di una GAE, anche il supporto di una biologa che riesce a mostrarci e raccontarci ogni particolarità relativa nello specifico a lucertole, gechi, serpenti ed anfibi.

Torino 0 - Juventus 1

 

Il derby. Tanti arrosti, ma anche l'arrosto al posto del fumo. Ormai i tre punti servono come il pane e vanno bene anche se arrivano sul finale, in una partita che ci vede vincere anche se giocare alla pari con la seconda compagine della città. La mancanza di una vera punta si sente, ma anche la necessità di migliorare a centrocampo, nostro punto più che debole. In queste occasioni però è importante proseguire per risalire in posizioni che più ci competono. 

giovedì 30 settembre 2021

Il Colpevole - The Guilty (2018)

 
Regia: Gustav Moller
Anno: 2018
Titolo originale: Den Skyldige
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.5)
Pagina di I Check Movies
Iscriviti a Prime Video
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Bellissima sorpresa. Fatto bene, atipico, originale e svolta praticamente sempre e solo al telefono. Un unico attore (Jakob Cedergren), qualche voce all'altro capo della cornetta e giusto una manciata di comparse. Un thriller che fa tenere il fiato sospeso, che ti stupisce, riesce ad inserire colpi di scena e pian pianino mette i giusti tasselli per mostrarci tutto ciò che non possiamo vedere per scelta registica. Questa volta la sceneggiatura non utilizza neanche flashback per riempire gli spazi o per dare maggior senso alla storia ed una certa profondità al personaggio. Tutto si svolge in una linea temporale retta, come effettivamente deve essere. Non c'è azione, non c'è una vera parte investigativa, non ci sono dialoghi memorabili o di elevato spessore, ma proprio grazie a queste mancanze il film funziona in tutto e per tutto. Anche quando ti soffermi un attimo a fare due più due e pensi che qualcosa non ti torni, ecco vengono svelate alcune carte. Sono anche stato fortunato a trovarmelo su Amazon Prime Video senza sapere che recentemente è stato girato un remake in salsa americana diretto da Antoine Fuqua e interpretato da Jake Gyllenhaal

mercoledì 29 settembre 2021

Juventus 1 - Chelsea 0

 
Altra faccia della Juventus in Europa contro i detentori della Coppa rispetto al Campionato. Con una formazione che ci vede privati di entrambi gli attaccanti e con i già noti problemi che non ci vedono più brillare come un tempo, la nostra compagine è votata alla sofferenza in difesa. Sembra che il pallino del gioco sia sempre degli avversari, ma a conti fatti si tratta di un possesso di palla sterile ed alcune volte troppo lento per farci anche soltanto sospirare. Le azioni più pericolose del primo tempo sono tutte a carico nostro, anche se la maggior parte avvengono in contropiede. La muraglia difensiva bianconera non viene mai scalfita, nonostante un centrocampo sicuramente non dei migliori e spesso in affanno, soprattutto nel gestire i palloni recuperati. Chiesa è l'uomo del momento ed in più occasioni, grazie ai suoi strappi mette in apprensione gli avversari. E' proprio lui, servito magnificamente da Bernardeschi, a segnare il vantaggio ad inizio ripresa. Un giovane che deve crescere (cit.) insomma. Polemiche a parte, riusciamo a gestire bene il vantaggio, nonostante qualche folata inglese, Non subiamo reti, e neanche veri tiri nello specchio della porta, ma anzi potremo anche raddoppiare, sempre grazie ad un paio di contropiedi non ben sfruttati. Sei punti in due partite, e si vola in testa al girone.

martedì 28 settembre 2021

Nine Perfect Strangers [Stagione 1]

 
Anno: 2021
Titolo originale: Nine Perfect Strangers
Numero episodi: 8
Stagione: 1
Iscriviti a Prime Video
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 

Mini serie composta da soli otto episodi che si basa sull'omonimo romanzo di Liane Moriarty. Autoconclusiva quindi e non so quanto fedele alla sua controparte letteraria, non avendola letta. indubbiamente con un cast composto da nomi di primo rilievo come Nicole Kidman, Bobby Cannavale, Luke Evans e via via. Però, se non fosse stato per loro a mio avviso sarebbe quasi completamente da buttare. L'ho trovata estremamente lenta e senza un filo di pathos. C'è quel arieggiare di misterioso legato alla sottospecie di setta olistica ed all'utilizzo di droghe, che resta da concretizzare e fino alla fine sa di incompiuto. I personaggi sono molti (più dei nove citati nel titolo) e sebbene abbiano notevole spazio all'interno della trama, non tutti vengono alla solita maniera e mi domando se potessero essere almeno la metà per arrivare fin dove la sceneggiatura drammatica ci ha portato. Nella sua staticità è stata quindi una bella delusione. Mi aspettavo qualcosa più in stile The OA

venerdì 24 settembre 2021

Ad Astra (2019)

 
Regia: James Gray
Anno: 2019
Titolo originale: Ad Astra
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Film:
 Ad Astra è un film che ti lascia un qualcosa dentro. Purtroppo una parte di ciò che ti lascia è il vuoto, per non essere stato totalmente ciò che avrebbe potuto. La sceneggiatura si concentra sul viaggio personale del protagonista (Brad Pitt) in parallelo ad un viaggio interplanetario (a dispetto del titolo). Si tratta quindi di un lavoro più introspettivo, volto al drammatico che punta quasi esclusivamente sul volto, le espressioni e i dialoghi del solito Brad, che anche se accompagnato da altre figure, resta il fulcro che funge da calamita totale. Se il prodotto fantascientifico risulta ben ragionato e visivamente c’è da dire che siamo su livelli davvero alti, così come alcune idee descrittive sul mondo (e lo spazio) del futuro, la trama non riesce mai ad accendersi e risulta semplicistica, già spolpata in innumerevoli altri ambiti e addirittura scontata. Ad Astra prende spunto dai migliori lavori di un certo tipo di fantascienza per essere realizzato (vengono in mente giusto 2001 e Solaris) e lo fa con rispetto senza abbuffarsi, ma resta troppo ambizioso per quanto effettivamente portato a termine. Come già detto, più che i pensieri di Brad Pitt e le sue azioni, ciò che mi è restato maggiormente è la rappresentazione futuristica della Luna, ormai come avamposto turistico e commerciale, o Marte con i suoi spazi sotterranei. Cosa positive, senza dubbio, ma che non bastano certo a sollevare di rango un buon film rispetto ad un altro
 
Edizione: bluray
Semplice amaray con traccia audio italiana in DTS 5.1 ed i seguenti extra:
  • Commento audio
  • 2 trailer
  • Deleted scenes con commenti (3 minuti)
  • To the stars (9 minuti)
  • A man named Roy (9 minuti)
  • The crew of Cepheus (9 minuti)
  • The art of Ad Astra (11 minuti)
  • Reach fo the stars (7 minuti) 
  •  

Aggiornamento Oxygen OS 11.0.3.1.HD65BA

 

Piccolo aggiornamento, questa volta con un bel ritardo sul mio dispositivo, visto che si parla di OTA già dai primi di settembre. Neanche 300 MB di peso per questo OxygenOS 11.03.1 ma la cosa importante è la patch di sicurezza di agosto, che questa volta arriva prontissima insieme ad altre piccole aggiunte:

  • Sistema
    • Patch di sicurezza Android aggiornate ad agosto 2021
    • Ottimizzata la stabilità della funzione NFC
  • Ambient Display
    • Funzione Bitmoji AOD aggiunta, co-progettata da Snapchat e Bitmoji, che anima l'ambient display con il tuo avatar Bitmoji personale. Il tuo avatar si aggiornerà durante il giorno in base alla tua attività e alle cose che accadono intorno a te (Percorso: Impostazioni – Personalizzazione – Orologio sul display ambientale – Bitmoji)
    • Aggiunta la funzione Screenshot per l'AOD
  • OnePlus Store
    • Un modo intuitivo e conveniente per gestire il tuo account OnePlus, ottenere supporto, scoprire entusiasmanti vantaggi riservati ai membri e acquistare prodotti OnePlus (può essere disinstallato).

mercoledì 22 settembre 2021

Spezia 2 - Juventus 3

 

Contavano i tre punti e ce li siamo presi. Ma ci sono troppe cose che non vanno e che è difficile che vadano bene nelle prossime gare. Una Juventus così in difficoltà non l’ho mai vista, neanche con Maifredi. 2 punti raccattati in 4 partite e ti ritrovi a giocare quello che neanche troppo scherzosamente era un incontro per la salvezza, contro lo Spezia. Arranchi, non crei gioco e le uniche cose positive che vengono fuori sono le giocate dei singoli. Un intero reparto, il centrocampo, è decisamente allo sbando e senza alcuna idea. Sulla solita fascia c’ha messo De Sciglio e Rabiot, che non mi dispiace, ma è evidente che non può stare lì. Fortunatamente abbiamo in campo Chiesa, troppo acerbo e immaturo secondo LVI, che ti salva sia la gara che da quella parvenza di resa presente sui volti di tutti gli altri. Vai in vantaggio e subisci il pareggio alla prima occasione: ecco i volti impauriti di tutti. Io tremavo di terrore in effetti, mentre il cane diceva “halma, halma”. Calma na sega, popò di delinquente arrogante. Alla seconda occasione, subito ad inizio ripresa ecco l’incubo che si avvera: invece di andare in vantaggio arriva il raddoppio spezino. Maremma troia, ti venisse un coccolone, almeno ti levi di ‘ulo. Neanche la voglia di creare un assedio arrembante nell’area piccola avversaria. Si rischia pure la decapitazione, ma Locatelli ci salva e Chiesa pareggia. Giustamente andiamo infine in vantaggio con De Ligt, un altro giovane inesperto che secondo quel mezzomo che sta in panchina, risulta sempre acerbo per vestire i nostri colori. Che sofferenza, ma non stasera, che sofferenza sarà sto campionato.

Autopsy (2016)

 

Regia: André Ovredal
Anno: 2016
Titolo originale: The Autopsy Of Jane Doe
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Film:
Ero partito un po' prevenuto, aspettandomi un film ai limiti dello slasher o comunque un horror stupido. Devo dire che mi sono ricreduto quasi subito, perchè Autopsy riesce ad essere ben girato e montato, non calca mai la mano sulle scene violente, ma sa comunque come attirare lo sguardo dello spettatore senza eliminare immagini più cruente. Oltre alla parte visiva, anche la trama risulta godibile, sebbene sia il punto debole per eccellenza della pellicola, per quanto riguarda il suo sviluppo. Infatti oltre ad alcune forzature per romanzare la storia (la presenza della fidanzata ad esempio) i dialoghi risultano esageratamente spinti a dare spiegazioni di teorie create sul momento dai due protagonisti che si rivelano corrette proprio nell'istante in cui le pronunciano. Insomma si tratta di spiegoni creati ad arte per indottrinare il pubblico. La prima parte è quella sicuramente più interessante, votata al thriller ed al mistero, poi repentinamente si passa ad un horror di tipo fantastico ed esoterico, che ad ogni modo non sciupa la pellicola, ma riesce addirittura ad essere originale a suo modo. Trucchi, costumi ed effetti speciali sono degni di nota, in quanto si riesce a dare il giusto realismo per quanto riguarda alcune scene legate alle autopsie. Nel suo piccolo è una pellicola da non sottovalutare assolutamente e mi sento di consigliarla in un panorama che oggi come oggi non offre molto. 

Edizione: bluray
Edizione della Tombstone con amaray bianca ed una card tarocco da collezione (nel mio caso "L'Imperatrice - III"). Qualità video ed audio (DTS HD MA 5.1) molto buone e come extra:
  • Trailer

martedì 21 settembre 2021

Blue Ruin (2013)

 

Regia: Jeremy Saulnier
Anno: 2013
Titolo originale: Blue Ruin
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Iscriviti a Prime Video
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Inaspettato e per niente scontato, questo film che fa della vendetta e delle faide il proprio punto di forza, grazie anche alla prova di Macon Blair, ora vittima, ora carnefice, ora non si sa più bene cosa. Una sceneggiatura ben studiata che riesce a mostrarci varie prospettive, pur concentrandosi sempre sul protagonista, un uomo comune, non certo un eroe e neanche un anti eroe. Una sorta di thriller in cui non tutto viene spiegato allo spettatore, che deve fare i conti con i dialoghi esplicativi che arriveranno a morsi e bocconi con il proseguo della pellicola. Sangue e violenza non mancano, ma senza esagerare e senza farne un esempio estetico: più che altro l'utilizzo è ai fini del realismo. Un film diviso in due parti che segnano anche il cambiamento del protagonista, sia nell'aspetto che nell'atteggiamento, anche se sappiamo sotto sotto che psicologicamente è ben descritto e fa tutto parte del suo essere. Anche i dialoghi, da prima inesistenti e successivamente scarni, riescono a dare il senso compiuto alla trama, facendoci affidamento , ma senza che debbano risultare epici.

lunedì 20 settembre 2021

Juventus 1 - Milan 1

 
Due punti. Due. In quattro partite eh, non in mezza. Ormai quello lì non riesce a tenere un vantaggio acquisito neanche sotto tortura. Eppure inizi bene, con grinta ed andando in vantaggio contro una squadra che era palesemente in difficoltà per manza di idee.Poi quando il gioco sembra fatto, e visto che sei lì a fa il ganzo, potresti vincere di corto muso, perchè raddoppiare pare così difficile da risultare blasfemo, è giusto lasciare agli avversari maggiori spazi soprattutto a centrocampo. Tanto che te ne frega, mica la devi vincere ad ogni costo no? E già che ci siamo prendiamo gol su calcio da fermo, così per dimostrare che il pallone è un gioco semplice, che basta stare attenti costì e costà. E non ti chiedi se non sia poi così tanto normale se ad un certo punto vuoi, anzi vorresti, cambiare modulo e nemmeno i raccattapalle lì vicino ti ascoltano? Insomma, quelli in campo non ti cacano, non riesci a cambiare modulo, quelli che metti dentro per modificare le sorti della gara fanno più schifo di quelli che hai pensato di sostituire ed alla fine ti prendi solo un punticino con la faccia soddisfatta. Non sarebbe meglio dedicarsi all'ippica, visto che è tra gli interessi maggiori e probabilmente anche tra quelli in cui si è più capaci?

domenica 19 settembre 2021

Elba: anche spiagge #2

 
E' vero che l'Elba non ha soltanto spiagge e che deve essere apprezzata anche per tutto il resto, però se arriviamo a metà settembre ed il meteo come sempre ci è favorevole è un bisogno più che naturale quello di vagare per l'isola e goderci il mare. Così abbiamo passato questo weekend nel migliore dei riposi possibili: godendocela alla grande. Il sabato mattina in realtà non ci siamo fatti scappare una capatina escursionistica al Castello del Volterraio, complice anche qualche nuvola che macchiava qua e là il cielo. Dopo una leggera fatica però abbiamo optato per un giro completo e panoramico della costa elbana tagliando per Lacona, Marina di Campo e giungendo fino a Pomonte. Qui oltre a godere della spiaggia e di alcuni bagni rigeneranti siamo arrivati fino al riletto del cargo Elviscot, adagiato sul fondale fin dai primi anni settanta. Preso il pedalò quindi e dato spettacolo con alcuni tuffi olimpionici. La giornata del sabato era ancora lunga e così, sempre lungo costa abbiamo preso la via per Sant'Andrea con le sue uniche e magnifiche scogliere. Al ritorno verso casa, altra deviazione serale presso Porto Azzurro. Mentre la giornata di domenica è stata interamente dedicata, nonostante le previsione meteo avverse, alla spiaggia di Barabarca, un'insenatura non colpita dal turismo di massa, di cui ci siamo subitamente innamorati, per poi concludere il pomeriggio visitando velocemente Capoliveri.

Album fotografico Elba: anche spiagge #2

sabato 18 settembre 2021

Elba: non solo spiagge #9

 

Era da maggio 2019 che non mettevo piede sull'Isola. Dopo oltre due anni è finalmente giunto il momento di rimetterci piede. Essendo in compagnia, la veloce giornata di oggi, con l'arrivo sul tardo pomeriggio, si è svolta essenzialmente per mostrare sia Rio nell'Elba che Rio Marina, sebbene appunto in maniera non troppo specifica. E' sempre un piacere tornare, forse anzi, a distanza di anni dall'infanzia e dalla gioventù, certi posti si apprezzano maggiormente. Ecco quindi qualche spunto su una semplice passeggiata tra le due Rio.

Album fotografico Elba: non solo spiagge #9

mercoledì 15 settembre 2021

Prey (2021)

 
Regia: Thomas Sieben
Anno: 2021
Titolo originale: Prey
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (4.2)
Pagina di I Check Movies
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
C'era un tempo in cui alcuni film di seconda categoria venivano passati sulle reti minori in TV. Credo senza passare dal cinema.  Sono già diversi anni che non guardo la televisione se non per avvenimenti live, non saprei adesso come siamo messi. Neanche so se esiste più Italia 1 tanto per dire... Ecco, Prey se fosse uscito una trentina di anni fa, su Italia 1 non credo che ci sarebbe passato, snobbato e lasciato a qualche emittente regionale per una prima serata con i brividi. Oggi questa roba, seppur ben confezionata, esce su Netflix in completo anonimato. Trattasi infatti di un film proprio anonimo che non dice nulla, pur riuscendo a seguire certe logiche commerciale che hanno visto dare il successo ad altre pellicole. Bruttine anch'esse però. Il film è nuovo, del 2021 ambientato in Germania con cinque ragazzi presi a caso (di cui due fratelli, anche loro scelti random) che decidono di fare un addio al celibato avventuroso con canoa e trekking nei boschi. Ecco quindi trovata la scusa puzzolente per cui i telefoni cellulari non hanno mai campo: la foresta incontaminata tedesca. Mah. E non è che io di escursioni tra monti, canyon, lande desertiche, boschi solitari non ne faccia: si possono trovare zone senza un adeguato segnale, ma dopo qualche ora di cammino ecco che arriva. Al di là della scusa orribile per far funzionare la trama abbiamo poi una serie di personaggi senza spessore, flashback inseriti per allungare il brodo e soprattutto un niente di fatto a livello narrativo.

martedì 14 settembre 2021

Malmo FF 0 - Juventus 3


 Nonostante i dispiaceri (e le figuracce) in Campionato, che ci vedono soccombere con un unico punto conquistato in tre partite, ci presentiamo in casa del non irresistibile, ma pure sempre da temere, Malmo in Champions League decisi ad imporci. Quindi tre reti e tre punti per essere in posizione favorevole nel nostro girone già alla prima partita. Sarà lunga ancora, ma oltre a tanti tiri in porta e diverse occasioni, siamo pure riusciti a non prendere gol. E già questo ha interrotto un record negativo che durava da troppo tempo. Una serata diversa dalle ultime, anche se non bisogna cantar vittoria troppo presto, ma che serva per rimboccarci le maniche e lavorare sempre su questi ritmi. Coppa o Campionato che sia.

Tully (2018)

 
Regia: Jason Reitman
Anno: 2018
Titolo originale: Tully
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (7.0)
Pagina di I Check Movies
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Purtroppo sono un po’ troppo sveglio e così la trama del film, inizialmente un dramma davvero potenzialmente interessane, mi è risultata ben prevedibile già da alcuni primissimi elementi in cui Tully (Mackenzie Davis) si presenta. Ma facciamo un passo indietro: la storia si basa sulle difficoltà della protagonista Marlo, madre per la terza volta e moglie accasata, che sta accusando la fatica sempre più pressante a livello psicologico e fisico di essere in questa situazione. Poco sonno, tutto di fretta e furia, il primogenito con disturbi non ben definiti (forse in una curva di autismo), il marito buono e innamorato che però si divide tra lavoro e console alla sera: si delineano così le difficoltà di una persona come tante. Questa è la monumentale Charlize Theron: ci sono vari tipi di attici. Cioè quelle belle e quelle brave. E quelle belle e brave come lei, che come abbiamo già visto se ne frega del proprio splendore e recita appesantita dalla gravidanza rendendo giustizia al personaggio che deve interpretare. Buonissimo inoltre il feeling che si crea tra i due soggetti principali, c’è armonia tra lei e la Davis. Sono una lo specchio temporale dell’altra. Il film a mio avviso risulta migliore nei suoi primi due terzi, poi l’effetto sorpresa, viene via via scoperto, nel caso nessuno ci fosse ancora arrivato, rendendo tutto un po’ meno realistico e forzato. Ottima prova però per il cast

lunedì 13 settembre 2021

365 giorni con almeno 10000 passi

 
Un anno, 365 giorni consecutivi, con almeno 10 mila passi al giorno, monitorati dal mio Xiaomi Mi Band 2. Un traguardo in cui credevo già molto tempo, ma che soltanto oggi sono riuscito a raggiungere. La prima volta subii un attacco hacker al mio sistema immunitario ed una febbre assassina si impadronì del mio corpo, ancor prima che venisse fuori tutta quella faccendaccia del COVID.  La seconda volta mi si ruppe il cinturino mentre ero in vacanza. Quindi a niente è servito cercarne uno di riserva da acquistare al volo. La terza volta, stavo tornando dal Cilento ed ho passato più ore in auto che a piedi e non ho raggiunto l'obiettivo giornaliero. Ma dal 14 settembre del 2020 non mi sono mai fermato un attimo. Zone bianche, gialle, arancioni o rosse che fossero, lockdown, coprifuoco, vaccini, ore in macchina per raggiungere posti lontani: niente e nessuno sono riusciti a fermarmi, e così oggi, ad un anno di distanza compio il giro completo e raggiungo questo stimabilissimo obiettivo di costanza e dedizione.

domenica 12 settembre 2021

Monte Folgorito e Monte Carchio lungo la Linea Gotica

 

Giornata di grandi emozioni e nuove piacevoli scoperte. Apuane del Nord, ancora ad un passo dalla Versilia, dominata dall'alto nonostante la foschia sul litorale e nonostante i metri raggiunti dal Folgorito siano appena 911 e quelli del vicino Monte Carchio 1059. Non altezze maestose, ma data la loro posizione vantaggiosa consentono di ammirare anche il resto della catena montuosa. Qui la sontuosa Linea Gotica, che ha segnato la storia italiana durante la Seconda Guerra Mondiale, ha un tratto, ben segnato dalla cartellonistica del posto, che attraversa i sentieri che giungono fino al Folgorito. Il tracciato è decisamente semplice e non prevede particolari accortezze tecniche, tranne per la parte che giunge fino al Carchio, con alcuni punti leggermente esposti e difficoltosi per le foglie di paleo secche su cui è possibile scivolare, ed i massi della sassaia non sempre stabili. Un'altra esperienza di quelle che segnano il bello del fare trekking nella natura e la parte storica dei posti che andiamo a toccare.

Album fotografico Monte Folgorito e Monte Carchio lungo la Linea Gotica

sabato 11 settembre 2021

La prateria del Monte Piglione

 

Ancora Apuane, ed ancora Piglione. Ma questa volta il percorso subisce dei cambiamenti rispetto al passato e così si tratta di una escursione del tutto nuova. La prateria che abbiamo attraversato caratterizza questo basso monte delle Apuane meridionali che supera di poco i 1200 metri, ma che come sempre permette di dominare il paesaggio circostante. Ad inizio escursione ci fermiamo anche per visitare un'antica ferriera ancora oggi funzionante con il signor Carlo che lavora il ferro, oggi come una volta. Il bello delle escursioni di Trekkeggiare sta inoltre nel non seguire uno specifico tragitto adatto a chiunque, ma di poter variare con fuori sentiero degni di nota e sempre memorabili. 

Album fotografico La prateria del Monte Piglione

venerdì 10 settembre 2021

Boss Level (2021)

 
Regia: Joe Carnahan
Anno: 2021
Titolo originale: Boss Level
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.8)
Pagina di I Check Movies
Iscriviti a Prime Video
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
 
A guardarlo, fin da subito, si capisce che l’originalità non è proprio l’elemento portante di questa sorta di fantascientifica e votata all’azione versione di Ricomincio Da Capo (ma non solo). Il tema è già stato ampiamente trattato, al cinema come in letteratura, ma la ripetitività della stesa giornata ha molti modi per essere raccontata. Gli sceneggiatori decidono di restare sul leggero ed adattare una pura pellicola d’azione ad una serie di avvenimenti in stile videogame. Sappiamo quindi che oltre a rivedere il protagonista generare numerosi tentativi per raggiungere il proprio scopo, dovremo anche rivedere un prodotto cinematografico non troppo differente da altri suoi pari. Nonostante questa consapevolezza il macho Frank Grillo riesce a districarsi da pugni, proiettili e spade in maniera sia rocambolesca che simpatica con l’intento di non annoiarci troppo. Il problema di fondo infatti credo che, anche agli occhi degli sceneggiatori, sia stato quello di superare il doppio effetto di “già visto”: riescono in parte a risolverlo calcando la mano con scene di azione che non sono stupefacenti, ma si lasciano guardare. Per un nativo degli anni ottanta come me, inoltre strizzare l’occhio al mondo in 8bit fin dai titoli di testa, può risultare un’apprezzabile leccata di culo che accetto volentieri. Essendo anche un prodotto che può essere visto dai più piccoli, poi abbiamo quella parte un po’ scanzonata riguardo alla morte, esattamente come se tu dovessi imparare dai continui errori o dalle innumerevoli prove che intendi fare, prima di portare il tuo personaggio al livello successivo. La fine della vita è infatti un semplice lasso di tempo tra il game over ed il premere nuovamente start. Il film non sale mai però di livello, a differenza del suo protagonista e resta un leggero e non serioso prodotto da popcorn che cerca (e diciamo anche che riesce) di accontentare tutti. E nel cast abbiamo anche Naomi Watts e Mel Gibson con la barba.

Saw Legacy (2017)

 
Regia: Michael e Peter Spierig
Anno: 2017
Titolo originale: Jigsaw
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (5.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Iscriviti a Prime Video
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Ormai, ma già da quando hanno prodotto i primi sequel, la saga di Saw è diventata per me un appuntamento dovuto più che voluto. Infatti la curiosità di vedere le vicende di Jigsaw all'ottavo appuntamento è davvero calata. Senza bisogno di fare spoiler però c'è da dire che la trama di questo, nonostante apparenti buchi e ripetizioni ridondanti con altre pellicole della stessa saga, non è mal studiata. Ovviamente me lo guardo per vedere nuovi sistemi di morte, che non si sa mai un giorno possono sempre tornare utili. Non tanto per fare l'aguzzino visto che non saprei come costruire quei meccanismo così ingegnosi e precisi, quanto se dovessi trovarmi ad essere un partecipante al gioco. Come prevedibile, manca molto la suspense e pure l'effetto sorpresa non ai livelli dell'originale, ma ci si concentra un po' di più sulla parte thriller. Di tanto in tanto anche qualche bella scena cruda con sangue e corpi mutilati che chiaramente rappresentano il focus di questa intera operazione. Ho visto che quest'anno ne è uscito un altro, che sarebbe a sto punto da vedere.

giovedì 9 settembre 2021

TP-Link Archer T2U Nano Adattatore USB Scheda di Rete

 

Passare quasi un mese senza fibra, può essere meno tragico di quanto si possa immaginare. Se si dispone di sufficienti giga di traffico in 4G con la propria SIM è possibile ad esempio alleviare il problema utilizzando la funzione di hotspot wifi (o anche tethering USB sebbene sia più noioso). Se comunque si dispone di un PC fisso che non ha un modulo di rete WiFi, senza avere troppe pretese con neanche dieci euro di spesa è possibile acquista re un adattatore USB che fa al caso nostro. Ho scelto TP-Link Archer T2U Nano Adattatore USB che ha un ingombro davvero minimo, si adatta perfettamente ad un SO Windows e può lavorare su più bande (200Mbps sulla banda 2.4GHz oppure 433Mbps sulla banda 5GHz). Una soluzione rapida ed indolore per appoggiarsi quindi alla rete 4G del proprio smartphone, qualora si dovessero verificare nuovamente problemi imprevisti sulla rete domestica. Una manna dal cielo.

mercoledì 8 settembre 2021

Takeshi Kitano (Box 3 Dvd)

 
Questo box DVD dedicato ai primi lavori di Takeshi Kitano e distribuito dalla Raro Video contiene 3 dischi, ciascuno con un film del regista giapponese. Abbiamo quindi in ordine Violent Cop, la sua prima pellicola, poi Boiling Point ed infine Sonatine, che però sarebbe il suo quarto lavoro. I dischi sono inseriti un box dove questi alloggiano comodamente assieme ad un booklet a colori di 14 pagine. Abbiamo al suo interno dati didascalici per ogni singolo film e gli articoli "Trilogia per un massacro - Kitano o l'arte di uscire di scena" di Bruno Di Martino, "Brani da un'intervista di Shingehiko Hasumi a Takeshi Kitano" e cenni biografici sullo stesso regista. Per quanto riguarda i dischi abbiamo invece:
Violent Cop: 
  • Tracce audio originale giapponese e italiana in stereo
  • Intervista a Tekshi Kitano (9 minuti)
  • Trailer

Boiling Point:

  •  Tracce audio originale giapponese e italiana in stereo
  • Una videocosa di Enrico Ghezzi (11 minuti)
  • Trailer
  Sonatine:
  • Traccia audio italiana in stereo

Sweet Girl (2021)

 
Regia: Brian Andrew Mendoza
Anno: 2021
Titolo originale: Sweet Girl
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (5.5)
Pagina di I Check Movies
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Me lo sono trovato abbastanza pubblicizzato, forse per la presenza del massiccio Momoa: non sono rimasto deluso, perchè potevo immaginare di cosa si trattasse, ovvero un revenge movie mediocre, la cui trama non è molto originale e decisamente banale e semplicistica nella sua evoluzione. Attenzione però perchè non si tratta di un film brutto a prescindere. E' vero che ricalca temi già noti e vivisezionati in più pellicole (anche di molto migliori) come appunto le difficoltà di accedere a preziosissime cure mediche, la gestione sanitaria, gli interessi delle multinazionali del farmaco e soprattutto il dolore per la morte di un proprio caro. I due protagonisti, padre (Jason Momoa) e figlia (Isabela Merced) si ritrovano invischiati in un complotto decisamente più grande di loro e restano appesi in una trama che si concentra forse in maniera troppo spinta sull'azione piuttosto che sulla drammaticità. Eppure gli spunti per approfondire non sarebbero mancati: se proprio non si vuole concentrarsi sul disagio sanitario in essere, almeno sul loro rapporto sarebbe stato opportuno insistere maggiormente. Pur inserendo anche un bel colpo di scena, è proprio la parte della sceneggiatura che convince poco o niente. Tutto troppo scontato e messo a posto per romanzare e far girare la storia a proprio piacimento mettendo da parte un qualsivoglia elemento di realismo.

martedì 7 settembre 2021

Pioggia Di Ricordi (1991)

 
Regia: Isao Takahata
Anno: 1991
Titolo originale: Omohide Poro Poro (おもひでぽろぽろ)
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Film:
Lavoro di animazione davvero inusuale sia in ambito generico per quanto riguarda gli anime, sia propriamente per lo Studio Ghibli. Si tratta di un elegantissimo spezzone drammatico la cui originalità è dovuta sia al tema trattato che alla protagonista. Taeko infatti è una donna, ancora giovane (non arriva neppure a trent'anni), ma single che si adopera per una vacanza in campagna in cui sarà inondati dai ricordi che la vedevano bambina.  Non ci sono parti fantastiche o sovrannaturali, la storia raccontata è realistica e moderna, ovviamente con punte molto alte di nostalgia e quel tocco romantico sul passato e la vita vissuta negli anni più giovani, che fa sempre un po' di tenerezza. E' volutamente indirizzato ad un pubblico adulto e questo risulta vincente dall'inizio alla fine.Bella la contrapposizione stilistica tra i flashback ambientati negli anni sessanta, maggiormente stilizzati ed a pastello, ed il "presente" della storia (primi anni ottanta) in cui si notano maggiori dettagli ed una scala di colori davvero più ampia. Guardarlo fa bene agli occhi ed alla mente, risulta piacevole non soltanto per la trama semplice seppur malinconica, ma anche per la dovizia generale con cui vengono trattati personaggi, paesaggi, abitazioni ed oggetti. Riempie davvero ogni cosa.

Edizione: steelbook
Versione con doppio disco, DVD e bluray e custodia metallica steelbook. Traccia audio doppia, giapponese e italiana ed i seguenti extra:
  • Storyboard (1 ora e 53 minuti)
  • Trailer & Spot

Disservizi con TIM Fibra

 
Oggi si è conclusa quella che è stata una vera e propria odissea, nei meandri della burocrazia e della mala gestione tecnica da parte TIM con cui ho la fibra a casa. Il 10 agosto, sì, il DIECI AGOSTO, ho segnalato un disservizio per mancata connessione ad internet. E fin qui ok, era già successo alcune volte, e celermente il problema è rientrato dopo poche ore. Dall'applicazione TIM Modem era visibile sia il problema riscontrato, ovvero un guasto generalizzato in zona e la data di risoluzione prevista per il giorno successivo. Ma le cose non sono andate per il verso il giusto: da lì il mio calvario tra operatori su operatori che rimandavano la risoluzione "nel più breve tempo possibile". Senza avere notizie più precise sul quando e sul come non potevo far altro che contattarli ad intervalli di giorni sempre più vicini. La cosa snervante era data anche dal muro di gomma gestito al 187 per poter parlare con persone che non potevano accedere alle informazioni più precise ed a nulla sono serviti i numerosi solleciti, fatti con i pochi mezzi a disposizione, o i reclami inoltrati "ai superiori" da parte di chi stava dall'altra parte del telefono. C'è da dire che in diversi si sono prodigati ed impegnati (almeno a parole) per cercare di venirne a capo: i fantomatici lavori per il guasto generalizzato in zona non avevano mai una data di inizio o fine. Sono riuscito comunque ad ottenere giga illimitati sulla SIM (bella forza...) in modo da poter utilizzare la connessione tramite hotspot wifi o con il thetering USB, ed il rimborso in bolletta per tutto agosto (bolletta ancora da arrivare). Poi finalmente giovedì 2 settembre ecco gli operai a lavoro in strada che scavano una buca nel marciapiede, sostituiscono il cavo fino al pozzino del palazzo e spariscono. Niente da fare, la connessione ancora non funziona. Manderanno un tecnico che deve venire in casa a controllare. Questo arriva il sabato (non sono presente) e quindi mi chiama e fissiamo per ieri mattina alle 9.00. Nessuno si presenta ed ho paura che il calvario continui all'infinito. Però mi chiama un altro nel pomeriggio (sono a lavoro) che probabilmente rufola con i cavi del pozzino condominiale e con la scatola di fronte al mio appartamento. Non mi comunica niente, ma ormai per abitudine, nel tardo pomeriggio controllo tramite l'applicazione e tutto sembra funzionare. Arrivo a casa la sera ed il problema è finalmente risolto. Questa mattina si presenta ugualmente il tecnico ed anche lui effettua le verifiche e... Il problema è risolto!!! Quasi non ci credo. Sono passati talmente tanti giorni che mi sembra pure strano avere una connessione vera in casa. Speriamo che duri per sempre.

domenica 5 settembre 2021

ZipLine di Vagli, Campocatino e Roccandagia

 
Giornata nuovamente in autonomia dopo quella di ieri. Ma mettiamo nel panierino forse troppe cose. Prenotiamo infatti la zip line di Vagli (già fatta, ma questa volta eseguita in free style) per poter fare qualche evoluzione. Purtroppo questa volta non danno la action cam in dotazione ed il lago è decisamente prosciugato rispetto al solito, così da risultare meno appariscente. Ci facciamo con calma una giratina al Parco e poi saliamo per Campocatino. Qui ci aspetta però una difficile escursione che tra parti attrezzate e lunghe salite ci porta a  passo della Tombaccia seguendo il 177. Deciso di lasciare il sentiero CAI per seguire i segni blu, dopo una lunga e ripida salita ci ritroviamo sulla Sella della Rondaccia, ma pure avendone percorso un tratto di cresta (molto esposta) decidiamo di tornare alla base per la medesima via piuttosto che dal Canale San Viano. Comunque soddisfatti, ricordiamo che in montagna si sale e si scende. Altrimenti sei soltanto a metà dell'opera. 

sabato 4 settembre 2021

Monte Altissimo, 1589 m - Alpi Apuane #2

 
Settembre è il mese dell'Altissimo. Ci ritorno infatti dopo due anni esatti, ma questa volta in autonomia, senza gruppi o GAE. Però l'esperienza è importante e mi sono sempre sentito tranquillo e sicuro. Forse anche le parti esposte, che un tempo erano sembrate esagerate, oggi mi sono apparse ordinaria amministrazione, pur sempre senza mai perdere la concentrazione o non valutare i pericoli. Parto dal ristorante le Giobbe e seguo un anello che inizia con i sentieri 33/41 che mo porta a Passo la Foce, Passo degli Uncini e cresta fino alla croce del Monte Altissimo. Da lì discesa per il 143 a chiudere l'anello e passando da dentro di una delle innumerevoli cave che mangiano paesaggio e natura.

Album fotografico Monte Altissimo #2

venerdì 3 settembre 2021

MTC #36

 
Oltre un anno e mezzo. Un arco di tempo tendente all'infinito, considerato che l'età avanza inesorabilmente, ho subito i vari lockdown, zone rosse, arancioni e gialle e mi sono appesantito. Ho però deciso di provare questa nuova sfida e mi sono insinuato tra gli altri nove giocatori del venerdì sera. Una prova di coraggio e di volontà, ma anche di umiltà al servizio della squadra. Mi muovo, non in maniera sempre brillante, ma non sfiguro troppo. Trovo il tiro in più occasioni, ma manca la forza, anche se in un'azione ben confezionata ricevo palla, mi giro, scatto di potenza saltando il mio marcatore, tiro e segno con tunnel. Per un rinizio non c'è male. Purtroppo ho sentito un dolore muscolare, che mi preoccupa, alla coscia sinistra e ho ricevuto una botta forte sulla tibia destra, che però mi preoccupa molto meno anche se fa più male. Vedremo domani come mi comporterò con il trekking in programma. 

giovedì 2 settembre 2021

La Maledizione Di Chucky (2013)

 

Regia: Don Mancini

Anno: 2013

Titolo originale: Curse Of Chucky

Voto e recensione: 5/10

Pagina di IMDB (5.6)

Pagina di I Check Movies

Acquista su Amazon

 

Film:

Ennesimo sequel, il sesto film per la precisione, della saga dedicata a Chucky, la bambola assassina. Nonostante gli innumerevoli passi falsi all’interno della pellicola, ho apprezzato la volontà di Don Mancini di dare una svolta al franchise e renderlo assolutamente più vicino all’horror classico, anche se i risultati non sono propriamente discreti. Nei lavori precedenti, la componente commediale aveva preso il sopravvento: non che questo fosse necessariamente un male, ma certe volte per rinvigorire una saga c’è necessità di alcuni cambiamenti, di modifiche al genere, di ritorno al passato, piuttosto che di innovazione.  Si riprendono alcune atmosfere che vogliono concentrarsi maggiormente sull’effetto della tensione e della paura, anche se queste fanno a cazzotti con il poco spessore dei personaggi e con alcune scene ai limiti dell’imbarazzane. Eppure, il thriller regge, la durata non  eccessiva, ma neanche sbrigativa, lo spiegone finale puzza di arrangiamento, ma tiene bene le fila della trama, ed il finale non risulta scontato o eccessivamente prevedibile. Ovviamente ansia e paura sono ben altro, ecco però che nel 2013 gli effetti speciali ed il trucco possono risultare maggiormente suggestivi ed appariscenti rispetto a quanto creato 25 anni prima. Così anche un vecchio personaggio cult può risultare maggiormente appetibile al pubblico.

 

Edizione: bluray

Versione della Univesal che si fa ben guardare e sentire con i seguenti extra:

-          Scene eliminate (6 minuti)

-          Papere (1 minuto)

-          Making of (16 minuti)

-          Dare vita a Chucky (9 minuti)

-          Bambola vudù: l’eredità di Chucky (7 minuti)

-          Confronto con lo storyboard (25 minuti)

martedì 31 agosto 2021

Gretel E Hansel (2020)

 
Regia: Oz Perkins
Anno: 2020
Titolo originale: Gretel & Hansel 
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (5.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Film:
Una delle favole più famose e conosciute dei fratelli Grimm, che però non conosco molto bene, nè in forma classica, nè sotto forma delle varie metamorfosi che ha subito nel corso del tempo. La dovessi raccontare adesso, non saprei precisamente come si svolge, almeno quella originale. Per quanto mi riguarda l'ambientazione, un po' dark, tenebrosa, a spasso tra il medievale ed il boschivo, mi ha preso bene. Il problema però è che, nonostante lo script ed il soggetto bello e pronto, la storia non mi ha coinvolto minimamente. Eppure la foresta, le inquadrature anche grandangolari che esaltavano il senso claustrofobico della notte, del bosco e delle anguste casette, promettono bene. Il resto è un po' scialbo ed un mix ai limiti dell'inconcludente tra stregoneria, horror velato ed una punta di femminismo.

Edizione: bluray
Le edizione della mitica Midnight Factory non stancano mai. Anche se non sempre i film sono all'altezza del suo packaging. Abbiamo una slipcover in cartoncino che presenta un artwork differente da quello che vediamo nella custodia. Al suo interno, oltre al disco con il sempre ottimo audio italiano in DTS HD MA multicanale, contenute in una bustina trasparente, 5 card esclusive da collezione d il booklet a colore di 10 pagine. Ecco gli extra:
  • Stregoneria (1 minuto)
  • Gretel (1 minuto)
  • Un nuovo racconto (1 minuto)
  • 1 spot TV + 2 trailer

domenica 29 agosto 2021

Monte Sagro, 1753 m - Traversata dallo Spallone

 
Va bene, sono appena tornato dall'ammirare i 4000, salire sui 3000, massacrarmi dai 1000+ e così via. Tutto bellissimo e fascinoso. Resta però un fatto indissolubile: il primo amore non si scorda mai. Le Apuane meritano devozione, sono mistiche, oggi come non mai con addirittura la messa sul Sagro. Noi non possiamo partecipare, ma in lontananza sentiamo pure i canti finali. Non passiamo dalla normale: intrepidi ed audaci ci adoperiamo per la traversata dallo Spallone. Cresta molto esposta su entrambi i lati: non è possibile commettere alcun errore, che non sia l'ultimo. Ma mi muovo con scioltezza e disinvoltura, sono a mio agio con il vuoto che mi circonda ed è ancora amore. L'ascesa non risulta faticosa, forte anche dell'allenamento perpetuo fatto nei giorni precedenti, con dislivelli anche più accesi, e pure la discesa al rifugio Carrara passando per la Normale è stata alquanto agevole per gambe e ginocchia. Soddisfatto di un'altra giornata memorabile.

sabato 28 agosto 2021

Juventus 0 - Empoli 1

 
Boh, sarà eh... La prima non l'ho vista, ma abbiamo pareggiato contro l'Udinese dopo essere passati in vantaggio di due reti, nel frattempo Ronaldo è andato via e questa la perdiamo in casa, con pubblico presente, contro l'Empoli. Eh, ed in panchina è tornato quello lì. Sarà un caso eh, magari la rosa fa schifo, o è colpa dell'arbitro, o ci s'ha sfortuna, ma alla seconda giornata siamo già ad inseguire la salvezza. La partita di questa sera, tolto qualche spunto da normale amministrazione per una squadra come la nostra , è stata una continua fase di ammucchiate difensive per difendere il loro vantaggio. Insomma sì, Chiesa ha tirato in alcune occasioni, ma l'Empoli si è rivelato altrettanto pericoloso. Puoi dare la colpa al singolo per la partita precedente (di cui neanche ho visto le azioni salienti) e qui la dai alla coralità, ma già dal primo minuto mi sono chiesto come diavolo fossero messi in campo. Chi era la punta? Forse è la tattica per destabilizzare gli avversari. Beh, non ha funzionato. Non è da noi, ma speriamo che quello lì non arrivi alla zucca, altro che al panettone.

Star Wars: L'Ascesa Di Skywalker (2019)

 
Regia: J. J. Abrams
Anno: 2019
Titolo originale: Star Wars: Episode IX - The Rise Of Skywalker
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Film:
Ultimo, il nono,  film della epicissima saga di Star Wars. Non è certo questo a renderla così intensa e magnifica, ma a conti fatti neanche sfigura tutto il lavoro passato e non sciupa un bel niente. Faccio parte dei fan critici nei confronti di questi ultimi episodi, ma resta sempre uno di quei blockbuster che desideri vedere. Ho atteso un bel po' anche io, l'interesse romantico per queste storie è scemato e si è affievolito nel corso degli anni, ma è indubbio che queste avventure continuino ad attirarmi. Ormai dal punto di vista degli effetti speciali, anche sotto la potentissima Disney dell'Impero del Male, non c'è più molto da raccontare. Ciò che è top oggi, lo era anche ieri e lo sarà pure domani: è difficile se non impossibile restare affascinati e stupiti da mondi immaginari, costumi, nuove creature e droidi di ogni sorta. Si poteva quindi rendere ancora più epico il lavoro riguardante la trama ed i personaggi, ma devo dire che nonostante gli sforzi (apprezzabili) fatti per generare curiosità ed interesse intorno a loro, manca quella sorta di grandiosità legata al pathos, sia dell'eroe buono che del villain. Il film nel complesso resta però oltremodo piacevole, con un ritmo altalenante, eppure gradevole, con alcune scene inspiegabili (non sarebbe comunque la prima volta) ed altre appagante sebbene ripetitive e dal sapore di già visto. Un po' di rammarico per ciò che ormai è terminato e che poteva, secondo me, vertere su altri tipi di suspense. Cero è che non si tratta di un filmetto qualunque.

Edizione: steelbook (3 bluray)
Per avere la steelbook ho dovuto prendere al versione contenennte 3 dischi: il bluray normale con il film e traccia audio italiana in 7.1 Dolby Digital Plus, quello con la versione 3D e quello con i contenuti extra:
  • L'eredità di Skywalker (2 ore e 6 minuti)
  • Pasaana: creare l'inseguimento degli speeder (14 minuti)
  • Alieni nel deserto (6 minuti)
  • D-O: chiave del passato (6 minuti)
  • Warwick e figlio (6 minuti)
  • Cast e creature (8 minuti)