sabato 21 maggio 2022

PrimaVERa Gita 2022 #1

 

Dopo le ultime due primavere passate nel segno del covid con i vari lockdown e restrizioni arriva finalmente questa (al netto della guerra russa in Ucraina) in cui godiamo di maggiori libertà ed è possibile viaggiare senza troppi pensieri. Ho prenotato le ferie ad inizio 2022 per potermi spingere nel Nord Est italiano e scavalcare successivamente in Slovenia. Questa è una vacanza on the road che vedrà varie tappe, per me inesplorate. Oggi ho passato quasi tutta la mattina in auto per spingermi qui in Friuli Venezia Giulia, e prima di arrivare a Trieste mi sono dedicato ai suoi dintorni. Posti meravigliosi che si trovano lungo la strada per raggiungere il capoluogo. Il tempo non è mai abbastanza, ma uscito a Sistiana mi godo il piccolo paese sulle rive dell'Adriatico e proseguo seguendo la strada panoramica che giunge fino al Castello Miramare e poi risalgo per Grotta Gigante. La visita guidata è un po' frettolosa e turistica, ma capto che si tratta della sala unica più grande del mondo. Infatti è davvero immensa ed anche una volta dentro non è semplice fare i conti con le dimensioni. Al suo interno pure un sismografo e i pendoli geodetici. In foto si vede tutto, anche se non si capisce bene. Terminata la visita, nonostante il caldo estivo che mo assale faccio un piccolo trekking sulla semplice via napoleonica che con 3,7 km unisce Opicina a Prosecco. Questa sera e la prossima dormirò al Residence Rialto, che dispone anche di un parcheggio, infatti l'idea è di non toccare più la macchina fino a lunedì mattina. Vago per la città senza un piano preciso, ma giusto per capirne dimensioni e capire come è fatta. 
Cena da Menarosti in cui ho fatto prenotare una grancevola (o granseola o svariati altri nomi), un tipico grosso granchio cucinato con cipolla.

giovedì 19 maggio 2022

La Cena Delle Spie (2022)

 
Regia: Janus Metz
Anno: 2022
Titolo originale: All The Old Knives
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.1)
Pagina di I Check Movies
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram
 
Sottofondo spionistico per una storia drammatica ed a tratti romantica (insistere su questo aspetto, serve per dare credibilità allo svolgimento della trama), che si svolge su più linee temporali. Quella principale riguarda una sorta di interrogatorio informale tra spie, infarcito di vari flashback concentrati sia sullo svolgimento di un attentato terroristico sia sulla relazione amorosa tra i due protagonisti, avvenuta in passato. Il modus operandi è quello della spy story moderna e realistica, quasi dovesse trattarsi di una trama basata su fatti realmente accaduti. Non mancano infatti riferimenti all'estremismo islamico, ceceni, iraniani, la Russia di Putin e così via. Nonostante sia interessante e con una sceneggiatura ben scritta, spezzettare il tutto non ha aiutato a limare le parti più lente e noiose. Le azioni sono ridotte al minimo ed il proseguo della trama viene indirizzato dai dialoghi e dai ricordi, in modo da svelare lentamente come sono accaduti i fatti otto anni prima del presente. Riguardo alla trama, ci si concentra maggiormente sul rapporto tra i protagonisti piuttosto che su di un'indagine relativa ai possibili moventi della strage, rendendo il tutto più da cornice. 

mercoledì 18 maggio 2022

Killer Joe (2011)

 
Regia: William Friedkin
Anno: 2011
Titolo originale: Killer Joe
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.7)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram
 
Killer Joe è un pompino che Gina Gershon fa ad un cosciotto di pollo con la faccia che sanguina ed il marito che la guarda impaurito e basito, mentre Matthew McConaughey simula (o forse no) un orgasmo. E lo è nel modo più sincero, grottesco ed esagerato possibile.  Senza che questo possa rappresentare un lato negativo su storia e sceneggiatura. I personaggi che compongono la pellicola, sono strani, ai limiti del freak periferico texano e si ritrovano in un dramma violento senza alcuna va di uscita se non quella dettata da una regia che riesce nell'intento di rendere verosimile ciò che pare davvero crudo ed esageratamente folle. Non è affatto una commedia, sebbene il grottesco che aleggia in praticamente ogni scena forte ha il compito di smorzare ciò che vediamo e l'impatto che in altre circostanze sarebbe davvero pesante. Se però ci soffermiamo sugli atti nudi e crudi e sulla potenza dei dialoghi (anche se nella loro essere ben fatti non li ho trovati perfetti, forse per un problema legato alla traduzione italiana) vediamo bene quanto possa essere traumatico e violento. Tutti i personaggi sono sviscerati psicologicamente all'interno di un dramma semplice come quello dell'omicidio su commissione che prevede lungo il piano per la riuscita, alcuni paradossali intoppi. Un film davvero interessante in cui il pregio di rendere distaccato il pubblico è al tempo stesso un lieve difetto che ci spinge ad una sorta di alienazione. 

Solo Per I Tuoi Occhi (1981)

 
Regia: John Glen
Anno: 1981
Titolo originale: For Your Eyes Only
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.7)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram
 
In ordine cronologico è la dodicesima pellicola con protagonista 007, qui con Roger Moore come in Moonraker e La Spia Che Mi Amava. Il nostro eroe dovrà cimentarsi in una vera storia di spionaggio con segreti militari occidentali che potrebbero passare in mano ai russi. James Bond quindi non dovrà lottare contro la temibile SPECTRE, che infatti per problemi di diritti legali non può comparire, tanto che nel prologo abbiamo la morte di Blofeld. Rispetto ad altre pellicole, questa risulta maggiormente concentrata sulle abilità di 007, piuttosto che su di una sceneggiatura pompata dagli effetti speciali. Tanta avventura e si spazia da una parte all'altra dell'Europa, con montagne alpine innevate e corse sugli sci, bellezze marine e diving, pareti da scalare sui monti greci, sparatorie da affrontare in Albania. La figura di Moore per adesso sembra la meno misogina possibile per quanto può valere all'interno del personaggio, che si dà da fare soprattutto nelle numerose scene d'azione. Molto lungo e vario, con un buon ritmo che salva una storia un po' scontata e prevedibile. Tutto sommato un film d'intrattenimento per l'epoca ben fatto, anche se gli anni ottanta hanno iniziato ad offrire molto di più anche per azione ed avventura.

martedì 17 maggio 2022

Juventus 2 - Lazio 2

 
Ultima partita allo Stadium per Giorgio Chiellini come giocatore e per Dybala come tesserato della Juventus. Un ringraziamento ad entrambi per le belle emozioni, giocate e trofei che ci hanno regalato durante la loro lunga permanenza con i colori bianconeri. Riguardo la partita di ieri sera invece c'è poco da ringraziare perchè si tratta del solito film già visto. La pellicola è in bianco e nero, ma senza eleganza, sottotitolata in una lingua incomprensibile e con il finale horror che arriva dopo lunghe sequenze di noia assoluta. Iniziamo la gara per difendere il pareggio sullo zero a zero, ma con qualche folata oltre la metà campo riusciamo a passare subito in vantaggio. E' quindi la volta di difendere il corto muso anticipato e partire di contropiede. Ecco che arriva il raddoppio. E' già vista e si chiude il primo tempo, l'unica parte di gara che ho visto. Perso poi l'interesse, anche forte del fatto che ormai quarti siamo e quarti saremo, senza via di scampo, me ne frego. Leggo però alla fine, un prevedibile risultato di 2 - 2 con la Lazio che rimonta nel secondo tempo, con i nostri giocatori che vissero felici e contenti.

domenica 15 maggio 2022

Weekend a Mirabilandia

 

E' proprio vero che divertirsi è la cosa più divertente del mondo, e se capita l'occasione è sempre bene prenderla al volo. Così, dopo ben trenta anni rieccomi al Parco di Mirabilandia. Ora, non so se di preciso fosse proprio l'estate del 1992, ma ero piccolo e quando i miei genitori mi portarono qui era aperto da poco, ma ricordo perfettamente alcuni giochi, compresi quelli maggiormente adrenalinici che non riuscii a fare. Questa volta, accompagno due ragazzini, lo faccio per loro eh, sono di animo buono e gentile, però ne approfitto per la full immersion di due giorni. La giornata del sabato arriviamo per l'ora di pranzo, ma tanto basta per avere un quadro abbastanza dettagliato delle attrazioni più interessanti: sono tante e non siamo preparati, così ci muoviamo casualmente tra lunghe file ed il caldo estivo che ci colpisce. Usciamo e sembra quasi di non aver fatto nulla, così questa mattina ci presentiamo prima dell'orario di apertura  in modo da fare incetta, o anche overdose se vogliamo essere più precisi. Là dove non riusciamo a convincere i più piccoli a salire, li facciamo attendere e montiamo noi adulti, anche perchè il divertimento non ha età. E neppure io.

Album fotografico Mirabilandia

venerdì 13 maggio 2022

Cella 211 (2009)


Regia: Daniel Monzón
Anno: 2009
Titolo originale: Celda 211
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (7.6)
Pagina di I Check Movies 
Acquista su Amazon 
scriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram
 
Come film in sé non è male , anche se non mi piace molto la fotografia che ricorda a tratti un mix tra produzione televisiva e documentario. La trama si concentra all'interno di un carcere spagnolo, in cui il protagonista si ritrova a dover fare i conti con una sommossa. I personaggi, ben costruiti, sono un po' sopra le righe, con quelli secondari che risultano più realistici ed efficaci per l'economia della storia. Una storia che risulta avvincente, ma che ha la "colpa" di tentare la via della denuncia facendolo senza coraggio. La scheggiatura infatti sceglie tra tutti un singolo "villain", e questo pare più un capro espiatorio per forzare determinati avvenimenti all'interno della trama. In effetti già la figura del protagonista ha bisogno di un innesco, che arriva preciso e puntuale nella parte finale. Buono tutto, non un brutto film, ma si poteva osare qualcosa in più. 

giovedì 12 maggio 2022

L'Arresto Di Diabolik [Fumetto]

 
Come già spiegato in altre circostanze non sono capace e pratico di fumetti e neanche di poterli recensire, tanto che non saprei nemmeno come impostare una scheda o addirittura il titolo. Dovevo però terminare la mia analisi relativa all'ultimo film su Diabolik approfittando del fatto che l'edizione in mio possesso ha come gadget al suo interno l'albo numero 3 del personaggio, dal titolo L'Arresto Di Diabolik. Così, per dare un senso maggiore al mio giudizio negativo sulla pellicola mi sono letto la storia da cui è stato preso spunto. Devo dire che non amando nè il genere nè il media utilizzato posso essere un po' prevenuto, ma ho anche fatto i conti con l'anno di pubblicazione (il 1963), l'ambientazione, i dialoghi ed i disegni. Mi sono comunque concentrato sul lavoro in relazione alla trasposizione cinematografica, che oltre ad essere fedele per quanto riguarda la trama (certo, aggiunge, taglia e modifica alcune parti) ha il vanto di riuscire a far traspirare l'aria originale del fumetto, ricalcandolo in maniera molto particolareggiata. Se vogliamo dirla tutta, senza per questo offendere gli amanti della carta, a mio avviso i Manetti Bros. migliorano il prodotto rendendolo più fruibile cinematograficamente. Non per questo però cambio idea e giudizio globale sul film.

mercoledì 11 maggio 2022

Juventus 2 - Inter 4

 
Anche questa ultima occasione per poter portare a casa almeno un trofeo dopo dieci anni di successi è andata sprecata. Ed a pensare che il maltrattato Pirlo (non tirate fuori che c'era CR7 perchè poteva esserci anche quest'anno se il montato voleva) ha fatto decisamente meglio rispetto a questa stagione fa capire che qualcuno è volato troppo alto  con le parole, le frasi fatte, le battutine arroganti. Purtroppo anche stasera abbiamo dimostrato di non essere all'altezza neanche per i trofei necessari alla sopravvivenza e ce ne torniamo zitti zitti come una provincialetta qualunque che riesce a raggiungere a fatica il quarto posto in campionato, esce malamente dalla Champions, perde la Supercoppa italiana e non riesce a vincere neanche il trofeo nazionale. Dopo il vantaggio juventino in rimonta, tutti dietro da difendere, e contro una squadra i cui giocatori possono fare affidamento sul VAR che interviene a comando è davvero controproducente tenerli nella propria area. Prima o poi qualcuno fischia il rigore. E se i cambi sono orientati a rafforzare ancora di più lo sterile gioco e la fase difensiva è giusto perdere. La dirigenza, tornando sui propri passi già tre volte negli ultimi tre anni è inoltre ingabbiata da un contratto scellerato per un uomo che ha perso la ragione e che al suo paese sarebbe da ottavo padiglione.

The Big Bang Theory [Stagione 12]

 

Anno: 2018 - 2019
Stagione:  12
Titolo originale: The Big Bang Theory
Numero episodi: 24
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram
 
Arrivata da qualche tempo anche la dodicesima ed ultima stagione di The Big Bang Theory non potevo farmela scappare, sebbene fossi stanco di questo prodotto, ormai troppo lungo. Le aspettative non erano alte ed infatti non sono rimasto deluso da questo punto di vista. Pur avendola guardata in tempi relativamente ristretti però devo ammettere che oltre ad avermi annoiato ho provato fastidio, da una parte, per i soliti temi triti e ritriti e sulla ricerca della coppia perfetta, anima gemelle, il sistemarsi, il crescere ed il mettere su famiglia. Insomma, ormai la deriva era quella da diverse stagione e questi ultimi ventiquattro episodi hanno proseguito la discesa a livello di interesse. Di contro ho trovato però piacevole la conclusione con [SPOILER} la conquista da parte di Sheldon ed Amy del Premio Nobel per la fisica, anche se in maniera un po' troppo lenta. Anzi, allungata. Tutto si conclude nel migliore dei modi per i vari protagonisti, in pratica elle ultimi puntate, mentre il resto serviva per annacquare vino e brodo insieme.

martedì 10 maggio 2022

Archive - Non Mi Lasciare (2020)

 
Regia: Gavin Rothery
Anno: 2020
Titolo originale: Archive
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.3)
Pagina di I Check Movies
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram 
 
Prima prova alla regia per Rothery che si cimenta in un lavoro fantascientifico il cui tema, pur non essendo originalissimo, detta lo spunto per evolvere in qualcosa di complesso ed intrigante. Le tinte grige e fredde del futuro che ci descrive, ci rimandano ad un thriller con accenni noir in cui la tecnologia è ben sviluppata, ma senza mai esagerare dal punto di vista visivo, anzi: inserendo la trama in un contesto isolato e naturalistico abbiamo un piacevole equilibrio. La sceneggiatura ed il suo sviluppo risultano intelligenti, brillanti e ti trasportano, senza dover gridare al miracolo certo, ma con la consapevolezza di essere guidati in un mondo ben costruito e realistico. Come già detto il tema di base è intrigante e fa leva sulla possibilità di immagazzinare la propria coscienza anche dopo la morto, per renderla fruibile in un certo modo. Quasi tutta la trama pesa poi sulle spalle di Theo James, ad esclusione di qualche breve scene e di alcuni flashback chiarificatori, che si destreggia davvero bene soprattutto per come interagisce con le Intelligenze Artificiali che gli fanno compagnia nella sperduta casa laboratorio all'interno delle foreste giapponesi. La destrezza della regia sta nel riuscire a creare una certa empatia soprattutto con queste macchine che presentano emozioni e desideri umani, senza risultare mai eccessivamente pesante o filosofico.


Funzilla Fest ‘22 - Che peccato

 
Il mio amico gettons, notoriamente molto meno zen di quanto lo sia io, in questi giorni è incappato in una disavventura su cui vale la pena soffermarci. VER ha infatti di lasciare da parte la neutralità che contraddistingue il blog e di schierarsi a favore del caro amiTIco. Veniamo però al sodo in maniera abbastanza veloce (se siete interessati a maggiori approfondimenti leggete la fonte originale): da qualche tempo gettons si sta dedicando alla fotografia, come ho avuto modo di scrivere in altre occasioni, ed ha pubblicato una zine di cui potete leggere un approfondimento più esaustivo qui. Quindi è venuto a sapere di Funzilla 22, un festival che prevede la partecipazione libera di chiunque abbia prodotto una fanzine fotografica ( autori ed editori ) ed è strutturato con banchetti vendita, presentazioni editoriali, incontri, workshop, mostre, dibattiti; e ci ha voluto partecipare. La sua creazione però pur essendo stata spedita nei tempi previsti, non è mai arrivata a destinazione. Una volta contattati gli organizzatori, o coloro che si occupano in qualche modo di gestire l'evento, non ha ricevuto risposta, se non dopo un periodo troppo lungo di giorno tanto da rendere vano un ulteriore invio della raccolta. E fin qui tutto ok, tranne che per le risposte maleducate e stizzite che gli hanno dato. Del resto però è anche vero che chi dorme non piglia pesci...Mah.

domenica 8 maggio 2022

Villa Reale di Marlia e Peccioli

 

Giornata interamente alla festa della mamma e quindi accompagnata in una gitarelle di quelle che a lei possono piacere e che comprendono un po' di natura, un po' di storia ed un po' di arte. Con noi anche il buon vecchio Funflus, rimasto ammaliato e stupito pure lui per le chicche viste durante il nostro cammino. Prima tappa è la Villa Reale di Marlia, la cui storia è legata anche a quella di Piombino essendo stata residenza di campagna di Elisa Bonaparte, sorella di Napoleone, pur avendo origini ben più antiche. Adesso, assieme al parco che la circonda, famoso anche per la camelie in fiore, è possibile visitarla così come la Palazzina dell'Orologio. Gran parte del complesso è stato finemente restaurato ed è molto curato sotto diversi aspetti, rappresentando così un'ottima occasione per godersi in tranquillità le bellezza della zona. Dopo un bel pranzo tipico alla Bottega sulla Fraga, che si trova esattamente a due minuti a piedi dall'ingresso della villa, decidiamo di proseguire la giornata fermandoci a Peccioli, piccolo paesino del pisano che ha saputo sfruttare al massimo la discarica che insiste sul suo territorio in modo da abbellire artisticamente il borgo. Anche questa una piacevole scoperta e distrazione.

Album fotografico Villa Reale di Marlia

Album fotografico Peccioli

sabato 7 maggio 2022

Fuoriporta livornese

 

In foto potete vedere lo sguardo fiero ed aggressivo di chi, stava osservando in direzione Apuane, dalla Terrazza Mascagni, in una giornata di sole. Purtroppo, per la seconda volta consecutiva, mi è saltata l'escursione che mi avrebbe visto percorrere la Tacca Bianca, a causa delle forte piogge di ieri e del clima incerto di oggi. Il piano B, è stato immediatamente sostituito da una nuova idea e proposta: andare a fare un fuoriporta a Livorno, per assaggiare il bussare alla porta della stagione calda. Così classico giretto da turisti della prima ora, che ci porta tra le strade ed i canali della città, partendo direttamente da un caffettino davanti alla Terrazza per poi proseguire con una lunga passeggiata mattutina. Mercato all'aperto e marcato coperto per finire a pranzare con il 5e5 con melanzane più spuma bionda da Gagarin e e prendersi due ponce dal Civili, non proprio dietro l'angolo.Infine altra camminata verso Venezia, dipinto dal sole e sempre caratteristico per poi arrivare a Calafuria e farsi tutto il Romito. Giornata anti stress di puro relax, che tanto per le escursioni ci sarà tempo, con giugno che rappresenterà, e qui il meteo non DEVE fare brutti scherzi, l'apoteosi apuanica per quanto mi riguarda con in successione (almeno) il Tambura dalla Lizza Silvia, il Pisanino e la Monorotaia. Insomma un po' di sole e qualche passaggiatina di oggi può anche servire per ricaricare le batterie e prendere la rincorsa per le successive avventure.

Album fotografico Fuoriporta livornese

venerdì 6 maggio 2022

Genoa 2 - Juventus 1

 

Contava, contava, è inutile che si dica il contrario. Terzo o quarto posto non sono assolutamente la stessa cosa, specie in questi anni in cui i diritti televisivi hanno così tanta rilevanza. E poteva anche non contare, in previsione della sfida di Coppa Italia, in quel caso sarei stato d'accordo, nell'ottica di preservare i giocatori, ma così non è stato. Perchè quel ladro di stipendi che siede in panchina ha reso il Genoa, in lotta per la salvezza, una squadra che ci ha strapazzati. E' vero, ci sono state le occasioni anche per noi, ma perlopiù fortuite, non costruite da bel gioco e sprecate in maniera orribile. La colpa va divisa anche con gli indegni giocatori che passeggiano come zitelle al mercato. Adesso pensiamo al futuro e cerchiamo di capire come non subire il prossimo anno da Lecce e Cremonese, che ormai per questo campionato i nostri scempi li abbiamo già fatti.

Questione Di Tempo (2013)

 
Regia: Richard Curtis
Anno: 2013
Titolo originale: About Time
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (7.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram 

A determinati sceneggiatori dovrebbero togliere la possibilità di giocare con cose più grandi di loro. Ad esempio con elementi fantastici o fantascientifici come i viaggi nel tempo, soprattutto se questi vengono piegati e distorti al solo fine di rendere (secondo loro) più appetibile la solita, noiosa, smielata e smidollata trama romantica. Per circa due ore seguiamo, per giunta spintonati dalla non simpatica voce guida, le avventure del protagonista che cerca l'amore della propria vita. Lo trova aiutandosi certe volte in maniera astuta, altre in maniera goffa, viaggiando all'indietro nel tempo. Ok bravo. Peccato che la storia sia decisamente troppo lunga e noiosa, ripetitiva e anche arrangiata in maniera tale da avere forzature che avrebbero potuto evitare. Un filmetto del cazzo secondo il mio umile parere, che è stanco di vedere sta roba di una pesantezza morale e romantica da conato. 

mercoledì 4 maggio 2022

Diabolik (2021)

 
Regia: Manetti Bros.
Anno: 2021
Titolo originale: Diabolik
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (6.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram 

Film:
Ok, eccoci qui. Dopo aver visto volontariamente e volutamente il primo Diabolik girato negli anni sessanta è arrivata la volta per quello odierno a firma dei Manetti Bros. Le aspettative erano soprattutto per questo, vista la presenza nel cast di Luca Marinelli, che mi piace un sacco. Poi ci sarebbe pure la bellissima Miriam Leone, che però qui non è per nulla appariscente ed un Valerio Mastandrea decisamente inscatolato. Insomma, per me è stata un po' una mezza delusione. Sono addirittura stato tentato di essere alto sul voto per concedere il dubbio che possa essere una trasposizione molto fedele al fumetto. Fumetto che mai ho letto, ma fortunatamente, avendo scelto un'edizione speciale che contiene l'album da cui è stata presa la sceneggiatura, posso valutare successivamente. Per adesso quindi fingo che le scelte della regia siano state il fatte per eseguire un lavoro il più fedele possibile. Il fatto è che l'ambientazione ed il contesto sembrano proprio andare in tale direzione, ma come trama e recitazione secondo me siamo ad un livello veramente basso, che ricorda molto le fiction televisive. Se ci si concentra sul "colpo" e la meticolosità con cui viene eseguito iniziano ad uscire i particolari più interessanti, ma tra dialoghi e scene che vedono impegnati i protagonisti, si nota una sorta di teatrino liceale che mi ha fatto storcere il naso. Pur non avendomi esaltato quello di Bava, lo ho trovato superiore, anche considerando soltanto le scenografie e gli effetti da popart che lo rendono quantomeno originale ed unico. In pratica per me si tratta di un flop che ha poco di interessante o entusiasmante. Spero di poter leggere a breve il fumetto originale così da ribaltare in parte il mio giudizio.

Edizione: bluray
Si tratta di un'edizione speciale con slipcover in cartoncino che contiene sia il DVD che il bluray del film, a loro volta all'interno di un'amaray. Gli artwork utilizzati sono due quindi, anzi tre se consideriamo quello nel supporto, sempre in cartoncino che contiene il fumetto originale numero 3 dal titolo "L'Arresto Di Diabolik" pubblicato il 1° marzo del 1963. Questa è la prima storia in cui compare il personaggio di Eva Kant. All'interno del mini cofanetto abbiamo pure due card da collezione. La traccia audio italiana, l'unica disponibile, è in DTS HD MA 5.1 mentre gli extra sono:
  • Backstage "Sotto la maschera" (47 minuti)
  • Gli effetti speciali (2 minuti)
  • Videoclip "La profondità degli abissi" di Manuel Agnelli

martedì 3 maggio 2022

Magnolia (1999)

 
Regia: Paul Thomas Anderson
Anno: 1999
Titolo originale: Magnolia
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (8.0)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
Iscriviti a Prime Video
Segui gli aggiornamenti sul canale Vomito Ergo Rum di Telegram 

Una ventina di anni fa guardai Magnolia, ma mi concentrai, lo ammetto, sulla sua durata, che supera le tre ore, lasciando un po' da parte tutto il resto. Il problema è che tutto il resto è tanta roba dal punto di vista cinematografico e della storia e non può essere certamente accantonato. Anderson riesce, anche con un cast vario e variegato, ad intrecciare ben nove trame, inizialmente slegate tra loro e non lo fa mai in maniera scontata ed incerta. All'interno della sua sceneggiatura, sa dove andare a parare, sondando la vita di un nutrito gruppo di persone, molto differenti tra loro, in cui le emozioni si alternano tra la sofferenza e l'amore, tra la morte ed i sogni. Ognuno affronta il proprio dramma personale e dipinge una parte di quel complicato affresco che ritrae più aspetti dell'umanità. La regia è certosina e spietata nel mostrarci le dinamiche di queste nove vite, coadiuvato da un ricco montaggio che riesce in ogni situazione a non risultare noioso. La lunghezza della pellicola diventa, anche ad una successiva visione, non più un ostacolo, ma un forziere da cui attingere numerosi ed interessanti elementi. Mi sono innamorato anche della colonna sonora e dell'interpretazione di Tom Cruise e Julianne Moore, senza per questo disdegnare gli altri. Un lavoro davvero completo e ben fatto.

lunedì 2 maggio 2022

Choose Or Die (2022)

 
Regia: Toby Meakins
Anno: 2022
Titolo originale: Choose Or Die
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (4.7)
Pagina di I Check Movies
Resta aggiornato sul canale Telegram  VERonTelegram
 
Dal titolo e dal genere, ancora prima di iniziarlo, credevo che fosse l'ennesima riproposizione cinematografica in stile Saw.  E' andata peggio del previsto. L'horror inglese dell'esordiente Toby Meakins sembra voler avere alcuni inspiegabili richiami ai vecchi videogiochi testuali degli anni ottanta. Ricordate Zork o le sue varie copie? Forse no, magari era un po' troppo nerd, ma assolutamente divertente. Qui, senza che ci sia nulla di veramente originale, i protagonisti si ritrovano a giocare all'interno di una di queste avventure, che ha nel codice sorgente addirittura simbolismo esoterico non ben spiegato. Un Jumanji non giocato e senza alcuna valenza grafica che richiama il fantastico orrorifico di Ring. Senza però che si crei tensioni, senza violenza vera, senza uno strappo che possa dirsi interessante. La trama è un'accozzaglia di idee e situazioni che la sceneggiatura non si prende la briga di spiegare, ed anzi cerca di ricamarci sopra con storielline strappa lacrime della dura vita di periferia. Uno spreco quasi totale di tempo se non fosse per qualche scene maggiormente degna di nota come lo scontro "finale" contro il Boss. Decisamente frettoloso nello svolgimento, non riesce mai a prenderti.

domenica 1 maggio 2022

Juventus 2 - Venezia 1

 

E parliamo di nuovo di risultato, unica cosa positiva, insieme alla prestazione del 2003 Miretti. A così poche giornate dalla fine mette un sonoro punto esclamativo sulla quarta posizione, obiettivo minimo di una stagione senza alcun successo. Questi tre punti spero che possano servire anche per gestire con tranquillità e soprattutto lucidità l'ultima occasione rimasta per portare a casa un titolo. Guardando la partita però i dubbi crescono in maniera esponenziale, visto che se escludiamo i venti minuti iniziali poi il gioco lo ha fatto il temibile ed irresistibile Venezia. Il gioco è stato veramente indegno e vergognoso, a tratti abominevole. Fortuna vuole che sui calci da fermo, l'ultima squadra del Campionato ha qualche lacuna. Infatti il buon Bonucci segna una doppietta, come fosse un giocatore d'attacco, comporta di cui attualmente non disponiamo. Tanta confusione, poche idee nell'unica direzione difensivista, che ci fanno prendere non solo una rete, ma anche alcune paure di troppo. Ripeto, contro il Venezia. L'ultima in classifica.

Giretto nei dintorni di Barga

 

La Penna di Lucchio è un'escursione assai sfortunata. Annullata la prima volta circa un mese fa ero riuscito a farne una totalmente differente in autonomia sul Bargiglio. Mi segno a questa, con un'altra GAE, che purtroppo annulla per infortunio pochi giorni fa, ma scopro che viene proposta nuovamente dal vecchio gruppo, ed in extremis trovo posto. Cosa si mette nel mezzo stavolta? Il meteo ovviamente. Ma noi nuovi esploratori abbiamo sempre un piano B, visto che contro le intemperie non si può nulla (a parte perdere il proprio ombrello). Così l'idea è quella di fregarsene della pioggia: gli esploratori come noi, non la temono. Da Barga ci sono alcuni sentieri, che nonostante la pioggia possono risultare coperti. Così breve giro alla scoperta di nuovi itinerari nella rigogliosa Media Valle del Serchio, con un ambiente che risulta mai stancante e noioso. Bella esperienza quindi anche oggi, nonostante gli annullamenti, e nonostante il meteo. Alla fine, ci si fa sempre

Album fotografico Dintorni di Barga