domenica 10 novembre 2013

Juventus 3 - Napoli 0

"Col pareggio della Roma è meno drastico perdere, ma è più ghiotto vincere." E ci siamo fatti una bella scorpacciata. Rimandati quindi i soliti cori alla o' sole mio, visto che ora mogi mogi i napoletani sono stati ridimensionati. La Juve vince e gioca bene, come dovrebbe essere. Ancora una volta senza subire reti, questa volta anche merito di Buffon, e ancora una volta vincenti, grazie alle reti di Llorente, Pirlo (unico giocatore della serie A tra i 23 meritevoli del Pallone d'Oro) ed uno stratosferico Pogbà che si inventa un gol da film di Quentin Tarantino. Cattivi fin da subito giochiamo un primo tempo che non lascia alcuna speranza agli amici partenopei. Ripresa un po' più arrendevole, ma per il vantaggio acquisito ci può stare. Poi punizione con righello, compasso e goniometro da parte di Pirlo. E poco dopo superba, entusiasmante e deliziosa prelibatezza di Pogbà. Hai voglia a dire, i campioni giocano in bianconero, gli altri sono comparse. Riavviciniamo la Roma che pareggia in casa con un temibilissimo Sassuolo e ci lasciamo alle spalle gli azzurri. Dopo c'è una voragine capitanata dall'Inter che può far paura solo a se stessa. Insomma, siamo messi di nuovo alla grande. Peccato per alcuni passi falsi ottobrini, ma avanti così, siamo maestri per dare lezioni di calcio. E ora imparate a stare al vostro posto, cioè dietro a prendere appunti e godetevi questi tre babà.

Nessun commento: