sabato 9 agosto 2014

Iron Sky (2012)


Regia: Timo Vuorensola
Anno: 2012
Titolo originale: Iron Sky
Voto: 4/10
Pagina di IMDB (6.0)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Questo film per me è palesemente una boiata. Ma non lo dico superficialmente: nonostante il trailer, mi aspettavo qualcosa di comico o ironico e poco credibile piuttosto che un blockbuster di fantascienza, quindi il mio giudizio non si limita alla trama, che tutto sommato è uno dei punti migliori. In pratica nel 1945 alcuni nazisti fuggono dalla Germania e si rifugiano sul lato oscuro della Luna. E oggi decidono di tornare sulla Terra per invaderci grazie alla potente macchina da guerra tedesca. Idea interessante devo dire e non proprio da buttare, anche se non attualissima. Però i tempi sono anche abbastanza maturi per poter parlare di nazismo. Invece l'idea di dargli una veste comica ed ironica, con una satira che lascia molto amaro in bocca, la boccio completamente. Non è una satira rivolta verso il mondo nazista, ma soprattutto verso gli Stati Uniti e l'ONU, che a mio avviso non sono neanche lontanamente paragonabili a ciò che fecero i grandi teutonici una settantina di anni fa. Il lato ironico e comico è ben studiato con un neGro come protagonista che viene proprio catturato sulla luna dagli ariani ed "albinizzato" per renderlo più simile a loro. Gli spunti interessanti e quasi divertenti non mancano (un manipolo di soldati torna sulla Terra per impossessarsi di tablet e smartphone , dotati di processori molto performanti) ed il dissacrare parte della politica moderna risulterebbe simpatico in altri contesti e in un altro genere di pellicola. I clichè che dovrebbero rappresentare la struttura nazista sono messi in ombra, rispetto in confronto alle scene che riguardano i politicanti terrestri. Addirittura fa più scalpore l'atomica lanciata contro i "cattivi", piuttosto che gli asteroidi contro New York. Insomma, magari non è il caso che i tedeschi (o i finlandesi - che tanto sarebbero stati tedeschi pure loro) ci facciano troppa morale, soprattutto là dove ci sono tanti soldatini biondi che scattano sull'attenti al saluto di Hail Hitler. Visivamente però è un bel vedere, altra ragione per cui mi dispiaccio ancora di più: molta fatica e soldi (forse non troppi) che sarebbero stati meglio sprecati con una trama più lineare e più seria. Anche perchè può essere fantastico quanto ti pare, ma il tutto è colmo di errori e arrangiamenti, a partire dalla brevissima distanza che ci separa dal nostro satellite, alle numerose esplosioni nello spazio. Ganzetto solo per chi vuole definirsi contrario al politically correct, ma si fa fregare da chi in un certo modo mette in secondo piano le brutture del nazismo.

Nessun commento: