venerdì 24 luglio 2015

L'Amore Bugiardo - Gone Girl (2014)



Regia: David Fincher
Anno: 2014
Titolo originale: Gone Girl
Voto: 7/10
Pagina di IMDB (8.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
 
00:24 – sono già passati alcuni minuti, ecco il primo indizio, e memore di The Game mi bullo con me stesso per aver già “capito” l’andazzo del film: Fincher omaggia se stesso e lo fa con una pellicola più moderna cambiando le modalità. No, ho toppato non è così. 1:07 – Oh ecco, qui mi gaso ancora di più, nonostante la figuraccia di poco fa, perchè la trama prende piede, ed altri registi o sceneggiatori si sarebbero accontentati e l’avrebbero finita di lì a breve. Scacco matto, ed il bello deve ancora venire, mi strofino le mani. 2:22 – Mhh le premesse del “primo tempo” erano forse migliori, mi è scesa un attimino la scimmia, troppe forzature e casualità nella seconda parte per fartela prendere proprio bene. Però Gone Girl è un film che piace (a me perlomeno), di successo, tecnicamente ben riuscito, fotografia convincente, cast che si supera: magnifica Rosamund Pike, non vado pazzo per  Ben Affleck, ma apprezzo quanto ha fatto qui. Riuscire a stare a dietro a questa Pike è davvero difficile, ma non fa sfigurare il proprio personaggio, ben caratterizzato come anche quelli comprimari. Un po’ meno accesa, come figura non come prova attoriale, è quella di Neil Patrick Harris, che è inserita in maniera un po’ improvvisata. Al grido di #escile la buona Emily cognome_impronunciabile ce le ha fatte vedere, dabrava. La durata è corposa, ma non si fa sentire. Anzi, proprio a metà film, come nel mio caso, sei contento che prenda un certo andazzo e che sai di poterti godere più di un’altra ora senza doverti annoiare. Quando si superano i centoventi minuti e non si sbadiglia mai, il risultato ha già dato i suoi frutti. Il ritmo è alto, solo in poche occasioni la cadenza è volutamente più rallentata così da permettere una focalizzazione su determinati aspetti che fanno comodo ad un thriller di questa portata. Hitchcock, con tutto il rispetto e le dovute distanze,  ne sarebbe fiero: ottima la ricerca della suspense ed il connubio tra primo e secondo atto riesce a cambiare registro pur rimanendo all’interno della stessa storia. In due ore e passa puoi permetterti di curare moltissimi particolari che esulano dalla caratterizzazione dei personaggi. Infatti anche la vita ordinaria ed ordinata del Missouri, il contrasto con quella della donna che viene da New York (City? Sì, City), una fotografia raffinata e meticolosa, musiche coinvolgenti, contribuiscono al successo del film. Abituato molto bene da Fincher però non riesco a considerarlo un capolavoro o il suo miglior risultato cinematografico. Qualcosina stona, soprattutto nella seconda parte (magari la più Hitchcockiana) che colleziona troppe forzature per giungere ad un risultato non atteso da nessuno dei protagonisti. Tutto fila liscio e questo è un bene per chi guarda un film, una quasi maluccio per l’aspetto dedicato al realismo. Nel complesso devo però consigliarlo a chi ancora non lo ha visto.

Nessun commento: