venerdì 25 settembre 2015

Il Signore Degli Anelli - La Compagnia Dell'Anello (2001)




Regia: Peter Jackson
Anno: 2001
Titolo originale: The Lord Of The Rings: The Fellowship Of The Ring
Voto: 7/10
Pagina di IMDB (8.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon (Trilogia cinematografica)

Ho finalmente trovato il coraggio di iniziare questa trilogia. Eh lo so, sarebbe stata una grave mancanza continuare ad ignorarla, ma come ben si sa, sono un tantino allergico al fantasy. Non ne sono comunque digiuno, avevo già visto il film (ed anche il terzo capitolo, addirittura al cinema) e prima avevo pure letto i libri di Tolkien. Quindi i miei giudizi non sono da hater e neanche da quello che vuole fare il controtendenza. E' solo una questione di pelle: folletti, bacchette magiche e draghi non mi ispirano tutta questa fiducia. D'accordo, non è proprio questo il caso, ma stringi stringi avremmo potuto essere lì. Ero inoltre intimorito dalla durata: praticamente tre ore nella versione cinematografica (poi del cofanetto parlerò in separata sede) che avrebbero potuto stroncare sul nascere la mia pazienza. Devo dire però che me lo ricordavo "peggio". O comunque ricordavo più strenua la tenacia con cui guardarlo: mentre in effetti, nonostante tutto, scorre in maniera veloce. Dico nonostante tutto, perchè ero anche memore della lettura del libro, molto minuzioso nelle descrizioni, anche dei più piccoli particolari. Ne sono rimasto entusiasta e questo mi spingerà ad avere un cuore molto più leggero per i prossimi capitoli: d'altra parte la vicenda raccontata è sensazionale, ti prende, ti trascina e viene esaltata da una serie di aspetti tecnici impeccabili. Non servo certo io a ricordare la fotografia, la sceneggiatura, le musiche, i costumi, il montaggio, le riprese e tutto il resto. Capisco inoltre anche l'importanza di questo film per i fan della trilogia. Non ricordo alla perfezione le pagine del libro, ma potrei mettere la mano sul fuoco che, nonostante numerosi tagli e scremature d'obbligo, possa risultare molto fedele. Poi è ovvio che una sceneggiatura scritta per il grande schermo debba fare leva su determinati aspetti piuttosto che su altri e modificare in parte la trama senza doverla stravolgere. Pienamente soddisfatto quindi, bravo Peter Jackson, approvo il tuo lavoro. Sì, la recensione è questa, non posso scrivere qualcosa di più profondo, rischierei di essere involontariamente inadatto.

Nessun commento: