giovedì 12 dicembre 2013

Fog (1980)


Regia: John Carpenter
Anno: 1980
Titolo originale: The Fog
Voto: 5/10
Pagina di IMDB (6.8)
Pagina di I Check Movies

John Carpenter spesso e volentieri, almeno nei classici discorsi da bar, viene descritto come uno dei più grandi troi nel mondo del cinema horror. Ok, è vero in parte, ma non per tutto ciò che ha prodotto. Ed a mio avviso neanche per quei lavori minori (appunto Fog) che vengono rispolverati successivamente e quindi decontestualizzati, analizzati a tutto tondo nel calderone che comprende tutte le sue opere. Qui siamo su di un livello abbastanza basso, anche per volere del regista, poichè tutta la pellicola è minimalista come il suo stile vuole, i dialoghi non sono certo sorprendenti, la fotografia è scarna e tendente al buio costante. Abbiamo poi il male che perseguita gli innocenti, non propriamente identificabili con il bene, ma senza dubbio non hanno alcuna colpa. Gli eroi della vicenda sono comuni persone (tra cui ritroviamo Jamie Lee Curtis) che si ritrovano a combattere con qualcosa che ci viene spiegato per puro caso e che non ha alcun senso. Ma loro capiscono tutto e pongono lo spettatore di fronte ad un fatto che sta avvenendo. La speaker della radio (Adrienne Barbeau) ad esempio sbraita a chi non sa si di salvare suo figlio dalle grinfie della nebbia... ma perchè? Ok, non andiamo a cercare troppo il pelo nell'uovo, ma la trametta è debole e con un significato altrettanto scialbo. La comunità di Antonio Bay ha un suo peccato originale, e questo non viene perdonato dagli spettri che cento anni dopo vivono nella nebbia. Per calmarli basta dargli l'oro e sei vittime casuali su cui prendersela. Di suo ha l'essere conciso, il film non dura pochissimo nonostante il prologo iniziale aggiunto successivamente per allungare il brodo.

Nessun commento: