giovedì 6 marzo 2014

Ian McDonald - Il Circo Dei Gatti Di Vishnu

 
Autore: Ian McDonald
Anno:2009
Titolo originale: Vishnu At The Cat Circus
Pagine:130
Voto: 3/5
Pagina di Anobii
Acquista su Amazon
 
Trama del libro e quarta di copertina:
 
 
In un'India devastata dalla guerra civile interetnica si svolge la storia di Vishnu, un ragazzo geneticamente modificato per vivere il doppio del normale e in possesso di memoria eidetica. Vishnu cresce e si sviluppa più lentamente degli altri bambini, anche se il suo cervello è in grado di apprendere con una capacità estranea al resto dell'umanità. E le sue straordinarie doti (come quella di poter valutare in un attimo una situazione in tutte le sue più recondite interconnessioni) lo rendono una specie di "super-eroe" della diplomazia.
Quando scoppia un conflitto Vishnu si rende conto che esiste un'intelligenza artificiale che controlla gran parte del pianeta attraverso nanocomputer grandi come granelli di polvere. La loro mira è rendere obsoleti quelli come lui, in un mondo in cui tutti stanno per diventare intelligenze artificiali proiettate a creare una gigantesca singolarità tecnologica universale.
 
Commento personale e recensione:
Eh, il 2014 è davvero un anno complicato per la lettura. Ho impiegato un sacco di tempo a finire queste neanche 130 pagine, che solitamente sarebbero terminate in una nottata. Già perchè, nonostante non sia molto scorrevole, la trama è interessante. Tanto per cominciare siamo in India e questo è un fatto abbastanza originale, una trovata che può ben stuzzicare la mia curiosità. A mischiare gli dèi con le nanotecnologie ci aveva già pensato Dan Simmons , ma McDonald lo fa ovviamente in modo differente e meno distante se vogliamo. Almeno in termini temporali. Poi riuscire ad inserire così tanto (singolarità e backup mentali ad esempio) in un romanzo così breve non è semplice. Peccato per il modo di scrivere un po' fangoso scelto, quando si dichiara al pubblico. Uno stile migliore, più fluido per capirci, lo avrebbe reso molto più interessante.


Nessun commento: