domenica 22 giugno 2014

La Mia Vita E' Uno Zoo (2011)


Regia: Cameron Crowe
Anno: 2011
Titolo originale: We Bought A Zoo
Voto: 4/10
Pagina di IMDB (7.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

E' evidente che alla "gente" piace questo genere di commedia romantica con alcuni brevi tratti di drammaticità. Io invece son partito prevenuto già dalla lettura del titolo. Ed in effetti ho trovato la trama (non vi è da aggiungere altro dal punto di vista della tecnica) simile a molte altre che non mi hanno mai interessato, nonostante il suo ispirarsi ad una storia vera. Abbiamo la classica introduzione, lo sviluppo, il presentarsi di un (o anche più di uno) problema, la sua risoluzione ed il classico lieto fine. Poca roba insomma, con l'aggiunta ormai scontata della storiellina d'amore, dei buoni rapporti tra persone e della "scoperta" di se stessi. C'è il padre famiglia (Matt Damon) che ha appena perso la moglie e affronta la propria vita con i due suoi figli (il Machio è Colin Ford, abbastanza promettente) acquistando uno zoo semi dismesso. Qui incontra la bella tuttofare (Scarlett Johansson) di cui ovviamente si innamora in maniera pacata. Se però non ci fosse la piccola bambina dall'aspetto simpatico e commovente (Maggie Elizabeth Jones) che tira in parte le redini dell'interesse di chi sta davanti allo schermo, non so quanto avrebbe avuto successo per il resto del mondo. Un'arma a doppio taglio, perchè di bambini sfruttati utilizzati per accattivarsi l'interesse del pubblico abbiamo già diversi esempi, e se dovessimo fare un paragone, ne uscirebbe sconfitta. Ma non è una gara a chi impietosisce di più o a chi è più simpatico, così tra qualche animale inquadrato, alcuni bei paesaggi non troppo scoperti e due attori di alto rango, il film prosegue in maniera spensierata. Ciò che viene trasmesso è un calderone di positività ed ottimismo che farà sicuramente del bene, rispetto alle varie storie strappa lacrime inserite nel solito genere, ma quasi due ore di pellicola sono eccessive in maniera straordinaria. E poi, se avessero acquistato un ristorante da tirare avanti, o un parco giochi, o una libreria o un teatro... Insomma non sarebbe cambiato nulla.

Nessun commento: