lunedì 14 novembre 2011

Gli Spietati (1992)


Regia: Clint Eastwood
Anno: 1992
Titolo originale: Unforgiven
Voto: 7/10
Pagina di IMDB
Pagina di I Check Movies

Sia per coloro che sono cultori del genere western, sia per quelli che lo guardano all'occorrenza, Gli spietati è davvero un gran film. Non che la storia abbia chissà quale adrenalina nascosta, ma tutto il resto è veramente ben fatto. Parlo delle ambientazioni come della fotografia, del cast in sè come delle prove recitative. Della spietatezza di un periodo neanche troppo lontano nel tempo, in una terra che che cerca la civiltà a suon di pallottole. Cinismo e realismo lo rendono un must: niente super eroi, niente pistoleri infallibili. Già solo la parte di Clint Eastwood è senza forzature: un vecchio spietato assassino riconvertito che e nanche sa più montare a cavallo. La debolezza dell'uomo, le falsità, l'arroganza. Il giusto e la giustizia che non stanno mai da un lato solo, anzi forse neanche stanno da qualche parte. Tutti sono cattivi, ma per forza di cose. Tutti credono di avere la ragione dalla loro. Anche le prostitute che bramano per una vendetta esagerata, una legge del taglione che non risolverà niente. Resta poco da aggiungere se non il consiglio di guardarlo, anche leggermente. L'occhio critico verrà piano piano, grazie alla pellicola, senza nessuno sforzo da parte nostra. Senza doverci concentrare sulle figure di Gene Hackman, di Morgan Freeman e di Richard Harris, che grazie ad una stupenda metamorfosi sembrano ciò che non sono, o semplicemente ciò che sono realmente.

Nessun commento: