giovedì 13 marzo 2014

Death Sentence (2007)


Regia: James Wan
Anno: 2007
Titolo originale: Death Sentence
Voto: 5/10
Pagina di IMDB (6.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Vuoi vedere che questo James Wan ci sa fare davvero? Anche con Death Sentence, che non vincerà mai il premio della trama più originale del mondo, riesce a rendere interessante ed accattivante la classica storia del giustiziere fai da te. Il creatore del soggetto infatti è Garfield a cui si ispirarono per niente popò di meno che Il Giustiziere Della Notte. Qui l’antieroe di turno è Kevin Bacon, nei panni di un tranquillo impiegato che scatena una faida con una banda di teppisti. Bacon: è sempre stato tra i miei preferiti, quei cavalli non proprio di razza, ma su cui ti piace puntare. Un po’ come Enzo Maresca nel calcio, se lo vedi è sempre un piacere, nonostante gli alti e bassi. Riesce bene nell’intento di farci credere di essere un buon padre di famiglia prima ed un incazzoso vendicatore poi. Lo fa senza esagerare o calcare troppo la mano. E Wan in alcune scene lo rende anche impedito nell’utilizzare o conoscere le armi (non è il tipico veterano del Vietnam insomma). Peccato che non sia il massimo del realismo la maniera in cui affronta, non solo fortunatamente, i malviventi. Li stermina come fossero mosche. La vendetta e l'angoscia umana, che sono compagne di banco e si alimentano a vicenda. Belle le atmosfere, belle le location, ottimi anche i richiami a Saw: il pupazzetto presente in una scena, il motivo musicale che in alcuni punti gli assomiglia, e la frase “il gioco ha inizio” in contrapposizione a “game over”. Insomma si devono avere le palle anche per autocitarsi, e Wan le ha avuto, creando una pellicola di azione, in parte cruda, in cui il dinamismo è l’arma vincente. Da tenere d’occhio.

Nessun commento: