venerdì 14 marzo 2014

Hotel Rwanda (2004)


Regia: Terry George
Anno: 2004
Titolo originale: Hotel Rwanda
Voto: 7/10
Pagina di IMDB (8.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Premetto che il film non è cruento, ma spero di non doverne rivedere mai più uno simile. Spero vivamente che tali storie non vengano più raccontate, non per censura, ma perchè finiscano. Purtroppo però, è solo una speranza, perchè il mondo ne è pieno. Di pagine vergognose che riguardano le guerre, i genocidi, le bestialità. La guerra in Ruanda la ricordo abbastanza bene, ma ricordo soprattutto quanto sia stata ignorata. Anche da me. Di genocidi ne abbiamo avuti di tutti i tipi, anche dietro casa, alcuni con aspetti mediatici più rilevanti di altri. Bandierine colorate di qui e di là, missioni di pace a destra e a sinistra, soldati a bombardare e ricostruire un poì costì e un po' costà. I miei son discorsi da bar, spesso, indignati o meno, ci scordiamo che avvengono tutti i giorni in un luogo o nell'altro. Ed il Ruanda, tra i tanti, è stato uno di quelli. Il film di Terry George ce lo ricorda, e ci ricorda quanto si possa patire e quanto si possa essere eroi. Anche senza bisogno di sparare un colpo o di sventolare una bandiera. Là poi non c'era religione, colore o status economico che differenziasse i due gruppi in guerra. Tutto ancora più confusionario e se vogliamo stupido, ridicolo. La pellicola racconta una storia, e non sarà il pressapochismo di questo blog a rendere sterile ed insensata la critica al nostro interesse. Qui non esistono vie di mezzo, o punti di vista. E' uno strumento per farsi un esame di coscienza, senza incolpare nessuno e senza stabilire dove siano le responsabilità. Sono di tutti coloro che hanno permesso ciò: attori e spettatori. Questi ultimi troppo simili a coloro che guardano un film. E che spengono la tv o cambiano canale. E questo non è un documentario, in cui il distacco è più consono. La trama è vera e reale. E va vista, se abbiamo deciso di non guardare il film senza attori professionisti girato in Africa nel 1994.

Nessun commento: