giovedì 17 luglio 2014

Philip K. Dick - Labirinto Di Morte


Autore: Philip K. Dick
Anno: 1970
Titolo originale: A Maze Of Death
Voto: 4/5
Pagine: 256
Pagina di Anobii
Acquista su Amazon (libro o ebook)
 
Trama del libro e quarta di copertina:

Quattordici persone, nevrotiche e alienate nel loro rapporto con il lavoro e con il mondo esterno, decidono di lasciare una Terra disumana e oppressiva e di partire per il pianeta Delmak-0. Per Ben Tallchief, dopo una vita fallimentare, sembra aprirsi un futuro di euforica comunione con gli altri; e così è anche per Seth Morley, insoddisfatto del suo lavoro. Ma all’improvviso il satellite delle comunicazioni viene distrutto e i quattordici umani si ritrovano da soli sul pianeta, in un crescendo di misteri, terrore e morte. La realtà oggettiva vacilla, e l’intero paesaggio sembra solo un inganno dei sensi, un fondale di cartapesta dove gli uomini si agitano come marionette mosse a caso da una divinità folle e imperscrutabile.

Commento personale e recensione:

Siamo a tornati ai grandi fasti, o meglio, essendo già stato scritto, sono io che sono tornato a leggere un romanzo del mio amato (ed odiato) Dick che mi ha smosso come non avveniva da tempo. Come in alcuni dei suoi libri che preferisco, qui siamo alle prese con un romanzo in cui l’allucinazione mentale ed il sospetto si rafforzano a danno della lucidità e del senso della realtà. Siamo all’interno di un dramma psicologico, di un thriller fantascientifico che non ha avuto la fortuna di altri lavori creati dal genio immaginario di Dick, ma risulta essere un ottimo prodotto sotto molti punti di vista. Grazie alla teologia artificiale, mischia sacro con profano, scienza con religione, e lo fa alla sua maniera, ovvero sviscerando un tema e proiettandolo in un futuro dove la personalità umana è debole e stremata. E lo fa con una vena ironica, ma senza esagerare: il testo sacro di riferimento ha come improbabile titolo “Come sono risorto da morte nel mio tempo libero e come potete farlo anche voi” e la tecnologia utilizzata potrebbe far sorride per come è descritta. Eppure la trama è seria, da non sottovalutare, e con elementi di tutto rispetto. Il ritmo è alto ed il lettore non riesce a seguire la logica di un ambiente psichedelico per quel che riguarda le emozioni scaturite dai personaggi. Paure, angosce, follie. Ci sarebbe stato da stringergli la mano. Grazie, Dick.

Nessun commento: