domenica 8 novembre 2015

MotoGP 2015: Valencia (Spagna)

Grazie Vale. Sei ancora l'uomo da battere. Indipendentemente dal risultato. Queste due settimane hai fatto parlare, il mondo dello sport era in subbuglio. E tutti dovevano dire la loro, cani e porci compresi. Sei e sarai l'extraterrestre irraggiungibile, le altre come abbiamo visto possono essere ricordati o come comparse o come tuoi avversari. Nessuno, neanche il più forte di tutti potrebbe essere ricordato senza un legame con te. Chiunque viene oscurato dal tuo astro, nel bene o nel male come abbiamo avuto modo di vedere in questa fantastica annata. Le hanno provate di tutte, ma se a 36 anni suonati sei ancora lì che te la giochi, chi ha perso sono solo gli avversari. Quelli che hanno perso, quelli che hanno vinto su di te, quelli che l'hanno quasi fatta contro di te e così via. Il perno è il nostro Vale. Gara perfetta a Valencia, impossibile chiedere di più. Gara VERgorngosa da parte di Marquez che ancora una volta, palesemente non fa il proprio interesse, ma funge da body guard al connazionale. Mai un sorpasso in mille giri, eppure le volte scorse ci ha abituato a ben altro. Il numero 1 resterà per sempre il 46.

Nessun commento: