giovedì 24 maggio 2018

Hook - Capitan Unincino (1991)

Regia: Steven Spielberg
Anno: 1991
Titolo originale: Hook
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.7)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Riguardandolo adesso credo di aver capito i motivi della mia insensata antipatia per Robin Williams: il personaggio di Peter Pan adulto da piccolo lo trovavo decisamente odioso. Era una favola ok, ed io non era poi così piccolo, tanto che il fascino dei pirati mi aveva già conquistato alla grande. Tanto più che il vero mattatore di questo film è proprio Capitan Uncino, lo spettacolare Dustin Hoffman. La sceneggiatura comunque sta a raccontare una storia già avviati in cui il ragazzino che non crescerà mai, invece è diventato grande ed ha pure scordato il proprio passato. E' una favola per piccoli, ma anche per gli adulti con un profondo elemento morale ed etico, di quelli da buongiornissimo e kaffè su Facebook. Spielberg si interroga e ci interroga su questa figura leggendaria che cresce al di fuori de L'Isola Che Non C'è non sapendo più divertirsi, scherzare, essere gioioso e non sa più neanche volare. La prima parte, quella che fa da enorme introduzione è secondo me la peggiore, la più riflessiva, malinconica e lenta. Quando però entriamo nel mondo fantastico dei pirati ecco che viene dato sfogo ad effetti speciali, costumi ed un scenografia consistente che è davvero luce per gli occhi. Un inno alla giovinezza raccontato con la magia di chi ci sa fare.

Edizione: bluray
Non capisco come facciano a scrivere Edizione Speciale per questa versione che è veramente di basso livello. La qualità video, oltre a non essere eccelsa, peggiora in alcune scene in cui è visibile un fastidioso alone bianco nella parte inferiore dello schermo. La traccia italiana è un semplice Dolby Digital multicanale che non esalta neanche quando potrebbe farlo (tutta la seconda parte). Gli extra non esistono e si limitano ad un BD Live.

mercoledì 23 maggio 2018

Dark Waters (1993)




Regia: Mariano Baino
Anno: 1993
Titolo originale: Temnye Vody
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Non è un prodotto semplice. Non tanto per il pubblico quanto per chi negli anni novanta vuole provare ed osare. Baino ci riesce, e lo fa con un lavoro che credo sia molto facile definire sconosciuto. Fortunatamente oggi c'è chi lo ha portato alla ribalta. L'horror è un genere che ha molto successo, ma che presenta numerosi lavori di bassa lega ed è facile sfociare nello splatter senza senso o nel trash. Non è questo il caso, anzi. Pur essendo pesante in determinate scene, in rarissime occasioni dovute in parte all'ambientazione e ad un cast che si presta a ben pochi dialoghi, si ha la sensazione di una pellicola di Serie B. Dark Waters è infatti un buon film, con una trama che abbraccia la religione, l'esoterismo, il fantastico. Buone le atmosfere, molto suggestivo anche nelle inquadrature e nelle tinte utilizzate: scuro in parte come lascia intendere anche il titolo internazionale e claustrofobico nella direzione. Spero che anche le altre uscite della neonata Shockproof di Michele De Angelis e Simone Storace siano altrettanto interessanti.

Edizione: DVD
E' possibile prendere i prodotti della Shockproof attraverso il rivenditore Home Movies che ha un accordo per distribuire in anteprima queste uscite, spesso in edizione limitata con interessanti gadget. In particolare per Dark Waters si tratta di un'edizione da 100 pezzi, con cartolina autografata dal regista Mariano Baino e la numerazione (24/100 nel mio caso). Questa uscita numero 1 della Shockproof si differenzia in maniera più che positiva dagli altri film delle collane Penny Video e Opium Visions, ma lo dobbiamo anche al fatto che si tratta di un prodotto abbastanza nuovo (del 1993) rispetto a tutti gli altri che fanno parte di un'altra cerchia e di un altro ambito. La qualità video è frutto di un remaster in alta definizione e sebbene la maggior parte delle scene siano in ambienti bui e scuri, non ci si può certo lamentare. Il film non è mai stato doppiato in italiano per questo motivo vi è un'unica traccia in inglese che usa il Dolby Digital 2.0, ma sono presenti i sottotitoli in italiano che possono essere comunque esclusi. Gli extra sono (i minuti indicati nel menù non sono corretti):

  • Commento audio del regista
  • Tutta colpa di Lovecraft (10 minuti)
  • Aqua destruit ecclesiam (4 minuti)
  • Outtakes (3 minuti)
  • Scene eliminate (7 minuti)
  • Cortometraggio con introduzione del regista "Carancula" (23 minuti)
  • Galleria fotografica
  • Cinema a pezzi (3 minuti)

Paper Moon - Luna Di Carta (1973)




Regia: Peter Bogdanovich
Anno: 1973
Titolo originale: Paper Moon
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (8.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon 

Un po' di magia. Un film del 73, in bianco e nero , ambientato negli anni trenta, che pare proprio girato in quel periodo. Una commedia con una punta di sapore amaro, ma che non guasta le ottime prove di Ryan e Tatum O'Neal, padre e figlia nella vita reale. I due sanno trovarsi, allontanarsi, imbronciarsi, ridere assieme e veramente riescono a calamitare l'attenzione del pubblico con simpatia pur muovendosi (si tratta di un viaggio on the road perlopiù) dentro un periodo certamente non semplice. Quello della crisi, quello in cui ci si arrangia per vivere, anzi si osa qualcosa di più rubando e truffando la gente, anche coloro che hanno subito un lutto in famiglia. La sceneggiatura infatti riesce nel difficile compito di far figurare i due come simpatici e carismatici per il pubblico, pur oltrepassando in alcune occasioni il limite della dubbia moralità e correttezza. Mi aspettavo un finale però più melodrammatico invece di un qualcosa di scontato e lieto.

martedì 22 maggio 2018

Tre Manifesti A Ebbing, Missouri (2017)




Regia: Martin McDonagh
Anno: 2017
Titolo originale: Three Billboards Outside Ebbing, Missouri
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (8.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Cinico, sarcastico, cattivo. Lascia traspirare un sentore di speranza, ma questa non c'è. Non ci sono buoni, non ci sono cattivi a 360 gradi. Ci sono uomini e donne dal volto umano che operano sopra le righe in maniera più che discutibile. La protagonista assoluta è Frances McDormand, per niente arrendevole, spietata con la lingua e coi fatti, che intende far luce ad ogni costo sullo stupro e l'assassinio della propria figlia adolescente. Non un eroina, non una mamma coraggio, ma qualcosa di reale, probabilmente più comune di quanto si possa pensare. Ed allo stesso modo i personaggi che le gravano intorno: Woody Harrelson lo sceriffo inadempiente, ma malato di tumore e Sam Rockwell l'odioso agente razzista, violento, alcolizzato ed incompetente che funge da aguzzino del paese. Rabbia e disperazione trasudano da tutta la pellicola attraverso il volto della madre, ma la sceneggiatura riesce a dosare la cruda realtà anche con un pizzico di commedia grottesca, senza strafare, così da rendere la storia molto più profonda. Non esiste una sola faccia della medaglia, sebbene entrambe non luccichino, ma anzi risultano quasi paradossalmente sporche. Il realismo è crudo, ti fa riflettere, non porta ad alcuna conclusione, come invece ci si poteva aspettare. Sicuramente qualcosa da ricordare.

Edizione: bluray
Classica amaray con qualità video molto buona in ogni tipo di scena, da quelle diurne a quelle più scure ed ombrose. Numerose le tracce audio inserite, quella italiana è in DTS 5.1 mentre gli extra sono i seguenti:

  • 5 scene tagliate
  • Ucciderli: making of (29 minuti)
  • Cortometraggio "Six Shooter" (26 minuti)
  • Galleria
  • 3 trailer

domenica 20 maggio 2018

Elba: non solo spiagge #5

Altra giornata dedicata alla scoperta di ciò che l'Elba ha da mostrare, al di là delle spiagge  Il primo maggio scorso il trekking per il Volterraio era stato annullato causa maltempo, così mi sono adoperato per poterlo effettuare questo weekend. La modalità è simile agli altri percorsi effettuati con la differenza del prezzo (20€ compreso il taxi da Portoferraio all'entrata del sentiero) non rientrando nel periodo del Walking Festival. Ad ogni modo partiamo: il gruppo è ridotto ai minimi termini; siamo in due più la guida. La camminata è semplice, ripida, ma percorribile con facilità grazie agli scalini recentemente sistemati. Anche il castello del Volterraio ha usufruito di un recente e corposo restauro che lo rende accessibile e visitabile. Oltre che godere di una vista meravigliosa su tutta l'isola, ammiriamo l'unica fortezza ancora inespugnata. Il pomeriggio approfitto della mia permanenza a Portoferraio per visitare gli antichi tesori della cittadina. Con la Cosmopoli card (14€ da poter prendere in loco alle biglietterie) si può accedere alle Fortezze Medicee e Forte Falcone, al Teatro dei Vigilanti, all'area archeologica della Linguella ed infine alla Villa Romana delle Grotte. Ecco le fotografie della giornata:

Album fotografico Elba: non solo spiagge #5

Visita a Pianosa

Ancora Elba. Questa volta per partire da Marina di Campo, con Aquavision, alla volta di Pianosa. Ho utilizzato, come per il walking festival di fine mese scorso  le guide del Parco dell'arcipelago toscano. Il viaggio costa circa 22€ a cui vanno aggiunti 6 euro da pagare per il parco  Inoltre, a meno che non si voglia stare confinati nei limiti dell'ex paese si può optare per un tour, obbligatoriamente accompagnati, per l'isola. Io ho scelto quello in mountain-bike  (mio nuovo sport preferito). Pianosa dal 1856 è divenuta una colonia penale agricola e nel corso degli anni ha ospitato migliaia di detenuti fino a poco tempo fa quando il carcere è stato dismesso e l'intero territorio è passato sotto il controllo del Parco  Oggi ci sono ancora alcuni detenuti che prestano servizio di manutenzione o di cucina e arrivano dal carcere di Porto Azzurro. Per avere una spiegazione dettagliata della storia  passata e recente dell'isola  il mio consiglio è ovviamente quello di visitarla affidandovi alle guide e percorrendo uno dei percorsi naturalistici. Intanto vi lascio alcune foto:

Album fotografico Pianosa (19-05-2018