giovedì 27 luglio 2017

Deepwater - Inferno Sull'Oceano (2016)


Regia: Peter Berg
Anno: 2016
Titolo originale: Deepwater Horizon
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Bel film che prende ispirazione da fatti realmente accaduti riguardanti il disastro ambientale del Golfo del Messico nel 2010. Non sempre è facile riuscire a creare un connubio equilibrato tra azione cinematografica e situazioni reali, ma Peter Berg sa cosa sfruttare e lo fa nel meglio dei modi. Non crea un documentario palloso e fedele agli avvenimenti, e non crea un disaster movie solo per attirare pubblico al botteghino. Grazie ad un cast in forma (Mark Wahlberg, John Malkovich e Kurt Russell) , effetti speciali degni di una pellicola di fantascienza ed un ritmo raramente blando. Sfrutta inoltra la figura dell’eroe che si mette in gioco per se stesso, per gli altri e per quel senso di dovere che ti porta a fare la cosa giusta.  Punta anche il dito contro il potere forte, avido ed anche ottuso, che crea situazioni paradossali, sebbene annunciate dal buon senso. La trama è forse troppo semplice di per sè, forse proprio a causa del quel suo essere un film a metà strada tra due modi di raccontare una vicenda vera. Si guarda comunque velocemente apprezzando ogni esplosione, ogni attimo di tensione, ogni tentativo disperato di sopravvivere e scampare al disastro.

Edizione: BD
Il bluray è in formato slip cover verticale con all’interno un’amaray bianca. Il disco è di ottima fattura sia audio (DTS HD MA anche per la traccia italiana) che video e porta con sè i seguenti extra:
  • Il capitano (17 minuti)
  • La furia (26 minuti)
  • I protagonisti (49 minuti)
  • Action camera sul set (17 minuti)
  • Trailer

mercoledì 26 luglio 2017

I Magnifici 7 (2016)

Regia: Antoine Fuqua
Anno: 2016
Titolo originale: The Magnificent Seven
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (6.9)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Risiamo alle solite domande, perlopiù retoriche, che rimbalzano un po’ ovunque: c’era bisogno di un remake de I Magnifici Sette? Questo remake rende giustizia all’originale? Restano intatti il messaggio e la struttura della pellicola di Sturges? Le risposte, sono tutte scontate e portano con sè qualcosa di negativo. Non per questo però la prova western di Fuqua è da considerare un flop cinematografico. Non parlo dei risultati da botteghino, ma del lavoro nel suo complesso. Se vogliamo metterci comodi sul divano e sgranocchiare un po’ di nachos (vanno bene anche quelle confezionate), non resteremo delusi dall’impatto che il film può avere su di noi. Girato bene, belle immagini grazie ad una fotografia nitida e moderna, molta azione ed un manipolo di uomini (toh, sette) capitanati da un sempre più carismatico Denzel Washington che lotta contro le ingiustizie. Già, ma perchè? E perchè gli altri si uniscono a lui? Paragonarlo al film originale è abbastanza inutile, qui si punta ad altro, anche ad una sorta di amalgama multirazziale: abbiamo il nero, il giallo, il messicano, il pellerossa e via dicendo, secondo una consolidata struttura da barzelletta. Neanche se vai a cercarli apposta li trovi così variegati. Un modernismo direi forzato, che si fonde anche con le scene dedicate alle sparatorie in cui pochi sovrastano tanti ed in cui serve una mitragliatrice che spara in ogni angolo , anche quelli improbabili o impossibili, per aumentare il senso di pericolo.  Ci sono anche gli scontri individuali, ma non si riesce a distaccarsi dal film di puro intrattenimento, in cui è difficile trovare qualcosa di spessore maggiore. La trama è infatti semplicistica, con legami anche velleitari con I Magnifici Sette, e si concentra in gran parte su azione, anche se non mancano i bei momenti di stallo, di belle riprese, inquadrature studiate. Può bastare? In parte, visto il nome che porta.

Edizione: steelbook francese doppio disco
Fortunatamente, pur essendo un’edizione francese, l’artwork dello steelbook è pulito, senza scritte frontali o sul retro, mentre sulla costina abbiamo il titolo originale in inglese. Le uniche scritte localizzate sono quelle sul flyer (che è facile da togliere e ripiegare all’interno) e sul disco bonus. L’edizione infatti prevede due bluray, ed un tagliando per la copia digitale. L’audio italiano è in Dolby Digital 5.1 e gli extra sono inspiegabilmente contenuti tutti nel primo disco, tranne uno. Scelta discutibile e scellerata, spreco di spazio o semplicemente mossa commerciale solo per mettere su un'edizione con due dischi?
Disco 1:
  • Scene eliminate (7 minuti)
  • I 7 (9 minuti)
  • La presa di Rose Creek (5 minuti)
  • Bogue il criminale (5 minuti)
  • I pistoleri (5 minuti)
  • Musica magnifica (4 minuti)
Disco 2:
  • Seven tales of (27 minuti)




martedì 25 luglio 2017

Il Braccio Violento Della Legge (1971)

Regia: William Friedkin
Anno: 1971
Titolo originale: The French Connection
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Un vero e proprio cult per quanto riguarda il genere poliziesco, che viene riscritto cinematograficamente, inserendo personaggi buoni che risultano border line, pur conservando la propria positività, e con contenuti innovativi per quanto concerne il linguaggio ed il realismo. Consideriamo anche che era il 1971 quando Friedkin ha girato la pellicola, basata sul romanzo di Robin Moore, quindi siamo oltre quaranta anni fa e in un qualche modo sconvolge il cinema a cui gli spettatori erano abituati. La stessa ambientazione, con un la città di New York degradata, desolata e colma di criminalità è un quadro in cui anche i buoni si amalgamano e si fondono, riuscendo a mantenere un propria autonomia nei confronti della malavita, ma allo stesso tempo vengono dipinti in maniera tale che vengano discostati dagli stereotipi degli eroi senza macchia. I due protagonisti (Gene Hackman e Roy Scheider), tra inseguimenti in cui l’azione è assicurata ed appostamenti in cui la regia si sofferma sul tempo scandito lentamente, risultano credibili, piacevoli, umani e molto equilibrati, proprio grazie a quel realismo che contraddistingue questa sceneggiatura. Psicologicamente infatti sono molto elaborati e si staccano dal clichè sia del poliziotto buono che del poliziotto duro: dubbiosi, frustrati, invidiosi, affranti, eppure responsabili e dediti al proprio operato. Un film che dà il via per una nuova reinterpretazione del poliziesco.

Edizione: doppio BD
Amaray semplice contenente però due dischi, entrambi bluray. Nel primo abbiamo il film, la cui qualità video non è esattamente a livelli altissimi (ma neanche accettabili), specie in alcune scene che tendono al buio in cui sgrana parecchio, ma l’età della pellicola lo giustifica fino ad un certo punto. Ritengo infatti che il lavoro di versamento su bluray sia stato davvero poco buono, anche per quanto riguarda i colori sebbene addirittura c'è un contenuto speciale in cui si vantano dei risultati ottenuti..  Tracce audio inglese, francese ed italiano in DTS 5.1 che invece si fanno apprezzare. Sottotitoli forzati quando i dialoghi sono in francese. Gli extra sono suddivisi in questo modo:
Disco 1:
  • Presentazione di William Friedkin (1 minuto)
  • Commento del regista (audio sull’intero film)
  • Commento degli attori Gene Hackman e Roy Scheider (audio sull’intero film)
  • Colonna dei brani musicali
  • Curiosità (audio sull’intero film)
Disco 2:
  • Scene tagliate (12 minuti)
  • Analisi di un inseguimento (20 minuti)
  • Hackman nel ruolo di Doyle (11 minuti)
  • Friedkin e Grosso ricordano la storia vera (19 minuti)
  • Scena del crimine (5 minuti)
  • Color Connection (13 minuti)
  • La musica di Don Ellis (10 minuti)
  • Il Braccio Violento Della Legge e il noir (14 minuti)
  • The Poughkeepsie Shuffle (54 minuti)
  • Making of (57 minuti)

sabato 22 luglio 2017

Il Tunnel Dell'Orrore (1981)


Regia: Tobe Hooper
Anno: 1981
Titolo originale: The Funhouse
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (5.9)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
 Un Tobe Hooper meno dedicato al "massacro", ma che cerca di costruire un horror colmo di tensione e clichè che praticamente mai andranno perduti. Sfrutta fin da subito una location vincente, ovvero il Luna Park: non tanto come luogo di aggregazione e divertimento, quanto come di perdizione e terrore. Sono infatti due coppie di adolescenti (che vogliono spassarsela) ed un ragazzino (scappato di casa) i protagonisti che si addentrano nel mondo dei Freaks... Ah no, quella è un'altra storia e di un altro calibro. Ma anche in questo circo - Luna Park non mancano fenomeni da barraccone, comunemente detti anche mostri, così orripilanti che se indossano la maschera di Frankenstein (abbiamo anche una citazione filmata de La Moglie Di Frankenstein, giusto per far vedere che me ne sono accorto, e già che ci siamo anche un breve richiamo a Psyco nell'introduzione) hanno la facoltà di terrorizzare meno il pubblico. Comunque, dicevo, le premesse con cui parte sono molto buone, ma successivamente scade un po' nella solita "fuga" che si scontra appunto con l'ambientazione interessante e curiosa di inizio pellicola. Tutto l'incipit con la descrizione del mondo bislacco dei grandi carrozzoni erranti viene in qualche modo sciupato esattamente quando Hooper deve mettere in scena l'horror vero e proprio. Manca di mordente e l'inquietudine svanisce un po'.

Edizione: BD
Bluray con amaray che riporta  il titolo in inglese in grande ed una buona, anzi direi pure buonissima resa video. Ci sono poi due tracce audio, l'originale e l'italiana entrambe in Dolby Digital 2.0 leggermente bassa nei dialoghi. La versione è quella integrale, con alcune scene sottotitolate, prevalentemente quelle in cui i ragazzi si fumano le canne o quelle relative al sesso / semi nudità. Gli extra sono:
  • Commento audio
  • Scene extra versione broadcast (5 minuti)
  • 4 trailer
  • 4 spot radio
  • Galleria

venerdì 21 luglio 2017

American Pastoral (2016)




Regia: Ewan McGregor
Anno: 2016
Titolo originale: American Pastoral
Voto e recensione: 3/10
Pagina di IMDB (6.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Davvero pessimo, noioso, con scene che servono ad allungare il brodo e sono anche slegate dal contesto. Non un buon inizio per la prima prova registica di McGregor: mancano tante cose per poter seguire la pellicola con interesse. La carrellata storica su determinati avvenimenti americani nei decenni successivi al dopoguerra è raccontata male, sembra tirata via. Gli attori, compreso il regista, non riescono mai ad essere incisivi, sembrano fuori ruolo, relegati in una parte che non gli compete. E' poi lento, inconcludente, fa quasi rabbia guardarlo.

Edizione: BD
Amaray standard con custodia color nero. Qualità video ed audio buone (traccia italiana in DTS HD MA) ed i seuguenti extra:

  • Trailer
  • B-Roll (3 minuti)