domenica 19 maggio 2019

Juventus 1 - Atalanta 1

Festa scudetto. L'ottavo consecutivo, il numero 37 in assoluto. La partita ufficiale in cui c'è l'addio di Barzagli, un grande uomo a cui dobbiamo molti successi, un uomo fondamentale per una delle difese che in questi anni ci hanno fatto vincere qualcosa di probabilmente irripetibile. E' anche l'addio di Allegri, che ringraziamo per gli undici trofei vinti nei suoi cinque anni di panchina. Ma dobbiamo già pensare al futuro, alle nuove sfide ed alla possibilità di imporci ancora una volta, in Italia come all'estero. Questa partita è stata bella per le emozioni e gli addii, non tanto per il gioco o il risultato. Complimenti comunque all'Atalanta che sta per terminare un ottimo campionato che forse la vedrà addirittura qualificarsi per la Champions, e complimenti a tutti i giocatori juventini che nonostante la mancanza di motivazioni hanno cercato di ribaltare il risultato e ci hanno provato, nonostante un gioco non sempre brillante. Però vabbeh, campionato vinto un mese fa, e l'ottavo consecutivo per giunta. Il resto sono chiacchiere. Irraggiungibili!!!

Elba: trekking alla miniera del Vallone, con Verdura Trekking

Dopo la giornata di ieri mista tra solitaria ed in gruppo, oggi raggiungo i ragazzi di Verdura Trekking che già stanziavano sull'isola, ma a cui non mi ero ancora aggregato. Già però nel corso di questi mesi ho avuto modo di seguirli via social e segnarmi a questa escursione che come tema aveva le miniere di ferro dell'Isola d'Elba. Purtroppo, come ormai capita da un mese abbondante, le previsioni meteo del fine settimana sono alquanto negative, ma anche in questa occasione siamo stati baciati dalla fortuna. Partiamo dalla splendida spiaggia dell'Innamorata, ambitissima meta estiva, oggi deserta e da qui seguiamo il sentiero che ci porta lungo il promontorio fino a raggiungere l'ex miniera del Vallone. Come ho già avuto modo di ammirare in passato, le miniere elbane anche se ormai dismesse sprigionano un certo fascino. Sia storico che paesaggistico. Le aree abbandonate raggiungono la costa dove il ferro veniva caricato sulle imbarcazioni e molto di questa attività ancora oggi resta a disposizione dei curiosi e dei turisti che possono godersi un panorama senza eguali con Pianosa, Montecristo, il Giglio e l'Argentario in lontananza, ma la spiagge ferrose e la macchia mediterranea proprio ad un passo da noi. I sentieri scelti da Fabio sono semplici, ma caratteristici e riescono, con un percorso ad anello a farci ammirare grandi porzioni di territorio ed a passeggiare allegramente con un gruppo poco numeroso, ma ben preparato.

Album fotografico Elba: trekking alla miniera del Vallone

sabato 18 maggio 2019

Elba: non solo spiagge #8

Questo ritorno all'Elba è stato caratterizzato da un meteo negativo ed altalenante che però non mi ha scoraggiato. Passata la paura per il diluvio notturno, l'allerta meteo gialla in corso e le nubi minacciose parto via Volterraio nebbioso per la colazione a Portoferraio. Da qui la direzione è il percorso dell'Enfola: semplice, ma caratteristico ed affascinante fino alla costa passando per i bunker della Guerra e proseguendo nella tipica macchia mediterranea. Per il pomeriggio ho in programma invece un'escursione del Walking Festival 2019 che parte da San Piero. Visita al Museo Mineralogico e partenza per Grotta d'oggi in un percorso non proprio alla portata di tutti. Specie di chi crede di essere all'Ikea di Como o alla palestra fashion di Milano. Insomma statevene a casa sul divano. Vediamo inoltre un vecchio mulino, ormai diroccato, ma una bella esperienza per posti a me sconosciuti.

Album fotografico Elba: non solo spiagge #8

L'approdo dell'Elba, Rio Marina #2

Eccoci nuovamente qui. L’Approdo dell’Elba, a Rio Marina è stato il primo ristorante che ho provato con TheFork. Circa un anno fa e con risultati così buoni che oltre che convincermi ad utilizzare questa applicazione, mi hanno anche dato modo di riprovarlo questa sera. Invece del 25% di sconto come la prima volta, abbiamo un 20% che riesce comunque ad alleggerire il conto. Arrivo in orario, due piacevoli chiacchiere con il proprietario, la sala è praticamente vuota. Purtroppo la stagione tarda ad ingranare per colpa del meteo, ma l'ambiente è accogliente. Menù alla lavagna, diverso da quello dello scorso anno. Quindi crostone di tonnino, ben saporito e completo, ma onestamente non eccezionale. Come primo la calamarata, piatto forte del 2019. Ed è forte davvero. Buono, abbondante, ben cucinato. Da consigliare. Acqua, amaro, niente vino e niente caffè. Totale prezzo con sconto 24€.




Se utilizzi questo codice puoi avere già dalla prima prenotazione 1000 yums, pari a 20 euro


giovedì 16 maggio 2019

Il Grande Dittatore (1940)




Regia: Charlie Chaplin
Anno: 1940
Titolo originale: The Great Dictator
Voto e recensione: 8/10
Pagina di IMDB (8.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Questa volta ho davvero troppo poco da dire, e so che così è semplice, ma è la realtà: come faccio a recensire un'opera di tale valore senza rischiare di sminuirla? Oddio, sarebbe un po' da stupidi o ci vorrebbe diverso impegno, a pensarci bene. Questo capolavoro del 40, è una di quelle opere satiriche che possono definirsi coraggiose, oltraggiose, mature ed irriverenti. Giustamente peraltro. Significativamente profondo senza scadere nella banale lezione di moralità. Neanche con il commovente discorso finale. Discorso rivolto all'umanità che acquista un valore di assoluto rispetto considerando il periodo in cui è stato girato il film.

Edizione: bluray
Certi lavori è giusto che esistano in bluray e rimasterizzati con questa qualità. Il bianco e nero è privo di graffi e rumori di fondo, leggermente discontinuo in alcune scene, ma il lavoro è davvero ben fatto. Pulito insomma. La taccia audio italiana pure è rimasterizzata in DTS HD MA stereo, mentre quella originale è addirittura multicanale. I contenuti extra:

  • Chaplin Today (26 minuti)
  • Le riprese girate a colori (26 minuti)
  • Charlot barbiere (8 minuti)

martedì 14 maggio 2019

Repulsione (1965)




Regia: Roman Polanski
Anno: 1965
Titolo originale: Repulsion
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Primo lungometraggio straniero di Roman Polanski. Angosciante, claustrofobico, malato. Anche a distanza di tutti questi anni, Repulsione può riuscire ad essere intrigante grazie al tema della follia e del disturbo mentale. La protagonista, Catherine Deneuve, è vittima e carnefice: la paura che riesce ad insinuare nello spettatore deriva dalla sua lenta metamorfosi, dal suo progressivo isolamento, dal suo costante lasciarsi andare. E' soffocata dalla propria repulsione verso gli uomini, una repulsione non visivamente rumorosa, ma che Polanski riesce a dipingere attraverso gesti sempre più complessati o visioni allucinanti ed oniriche. Inquietante, girato in maniera matura pur essendo uno dei suoi primi lavori, colpisce ed affonda noi che guardiamo con attenzione e cerchiamo di capire anzitempo la trama.

Edizione: bluray
Semplice amaray con titolo in inglese sulla copertina, con qualità video accettabile per l'età del film, ma non completamente pulita ogni immagine. La traccia italiana è presente sia in stereo che in Dolby Digital multicanale, ma è presente un fruscio di sottofondo e forse presenta qualche problema di sincrono in alcune scene. Gli extra sono davvero scarsi:

  • Trailer originale
  • 2 schede