domenica 16 dicembre 2018

Cade l'uliva, non cade la foglia

Ho conosciuto Camilla e Silvia durante un particolare AperiTreekking a fine luglio, nelle nostre zone. E quando posso cerco di partecipare alle escursioni che Capaerrante organizza perchè ritengono abbiano sempre quel piccolo particolare che le contraddistingue e le rende uniche. Questa sul Monte Pisano offre le medesime caratteristiche allettanti in cui le due ragazze, durante la passeggiata si esibiscono in una performance proponendo alcuni canti popolari che derivano dalla tradizione orale della campagna e si fondono alla perfezione con il cammino ed il paesaggio che ci circonda. Le tre parole chiave come ci spiega anche Federica dell'Associazione Dèi Camminanti sono: uliveti, frantoi, bosco. Partiamo da Vicopisano infatti e saliamo per un percorso ad anello di circa 12 Km con un buon dislivello che ci vede passare per terreni coltivati e boschivi (una parte purtroppo ancora deturpata dall'incendio di fine settembre) passando anche per il Rio Grifone ed i frantoi che venivano da esso alimentati. Abbiamo modo di ammirare il paesaggio ed i muretti a secco del sistema terrazzato mediterraneo, passando per la Chiesa di San Iacopo e resistendo al freddo che in questa giornata dicembrina ha deciso di manifestarsi con vigore. Tra i partecipanti anche la colta ed interessante figura di Dino Fiumalbi autore di alcuni testi tra cui La neve e il Vermentino.

Album fotografico Cade l'uliva, non cade la foglia

Un video estratto durante una sosta in cui Camilla e Silvia si esibiscono:


sabato 15 dicembre 2018

Torino 0 - Juventus 1

Dopo l'innocua sconfitta di mercoledì scorso si poteva pensare ad una reazione rabbiosa da parte della Juventus, oppure ad una gestione della gara in tranquillità per poi affondare nel momento più opportuno. Ma il derby è derby, ed è inutile pianificare qualsiasi cosa. Molto buono il Toro che fa pressing a tutto campo e lotta su ogni pallone. Gara spezzettata, confusionaria, con interruzioni continue e tanto agonismo. Ma in bianconeri sanno adattarsi, e come le prendono riescono pure a darle. Questi derby sono amichevoli risse da saloon, senza cattiveria e con rispetto reciproco. Non esattamente una bella gara, poche le giocate davvero piacevoli ed interessanti. Sblocca il risultato un rigore di Cristiano Ronaldo che si porta a11 reti in campionato e sigla il gol numero 5000 in Serie A per la Juventus. Molte partite contro il Toro sono state decise da reti segnati all'ultimo minuto, mentre in questo caso riusciamo a difendere il risultato acquisito a metà della ripresa. Rischiando qualcosa e facendo alcuni errori, ma continuando la magnifica striscia di risultati utili consecutivi. Ed un altro tassello è stato messo al suo posto. Senza neanche dover guardare cosa succederà negli altri campi domani. Avanti così, #finoallafine.

Squadra Volante (1974)




Regia: Stelvio Massi
Anno: 1974
Titolo originale: Squadra Volante
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
So che è tardi, ma riscoprire i polizieschi italiani degli anni settanta è davvero un piacere. Così come rispolverare le vecchie pellicole con Tomas Milian protagonista. In questo film peraltro usa la propria voce e non viene doppiato da Ferruccio Amendola come al solito (che qui doppia un altro personaggio però). Sceneggiatura e soggetto interessanti, crudi da thriller con punte di noir che alimentano a pieno il poliziesco. E se vogliamo supera in gran parte molti altri lavori perchè è cupo, con l'eroe spavaldo di hollywoodiana memoria, è forte nella figura del protagonista, ma anche del resto del cast. Una sorpresa gradita, con la vendetta, la sofferenza, la giustizia fai da te. Poco intrigante nello sviluppo della trama, ma altrettanto prepotente e ben costruito.

Edizione: DVD
Purtroppo questa mia versione Cinekult della CG è difettosa. Da 1.15.10 si blocca e si fa fatica ad arrivare al termine. Ben quindici minuti quindi in cui smoccoli per farlo andare, saltando alcuni secondi, per fortuna non cruciali, utilizzando anche il tasto per passare alla scena successiva. Come traccia audio abbiamo l'inglese stereo, l'italiano stereo ed anche l'italiano in multicanale. Gli extra (anche questi con problemi sul disco):

  • Milian calibro 9
  • Trailer originale
  • Anticipazioni Cinekult
  • Stelvio Massi: solitudine e rabbia
  • Nocturno
  • Foto Gallery

venerdì 14 dicembre 2018

Buddy Buddy (1981)




Reggia: Billy Wilder
Anno: 1981
Titolo originale: Buddy Buddy
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Ultima pellicola girata da Billy Wilder, e purtroppo c'è da dire che nonostante la presenza di Walter Matthau e Jack Lemmon, non fa i fuochi d'artificio. Una valutazione un tantino maggiorata però va data, per rispetto della carriera del regista e degli attori, un po' come se fosse un premio. C'è da dire comunque che la coppia di comici risulta a tratti spenta, e che l'ironia da commedia (in questo caso meno male) non è pesante o da sketch, ma leggera quanto basta per renderne piacevole la visione. Di contro è così leggera che in alcune occasioni mal la si interpreta e decolla con lentezza. Il problema di fondo è forse quel senso di malinconica nostalgia che vede tale commedia degli equivoci indirizzata principalmente ad un pubblico di fan di vecchia data del regista quanto del cast coinvolto, che sicuramente ha brillato in tempi migliori. 

Edizione: DVD
Purtroppo questa versione della Quadrifoglio ha la pecca di essere visivamente scarsa. Fin dai titoli di testa ed arrivando subito alla scritta del nome sulla cassetta postale della prima vittima si nota una qualità nettamente insufficiente. Se non da VHS, siamo lì lì. Poco precisi anche i primi piani, il resto forse addirittura peggio. Tra le tracce audio ne abbiamo una italiana in multicanale che non è per niente memorabile. Non ci sono extra.

giovedì 13 dicembre 2018

Diletta ha un regalo per me

A settembre ho usufruito della prova gratuita per DAZN e come me penso molti altri. Inoltre era possibile prolungare utilizzando offerte di TIM, oppure acquistare ticket scontati con Sky, quindi in molti magari hanno provato e testato il servizio. Per quanto mi riguarda ho deciso di non rinnovarlo, anche abbastanza deluso dalla qualità dello streaming, e per il tipo di contenuti. Bene o male, a casa o fuori infatti la Juventus sono quasi sempre riuscito a vederla. Dicembre però è un mese che mi avrebbe messo in difficoltà: se non mi sbaglio sia il derby contro il Torino di sabato prossimo, sia la partita contro la Roma, verranno trasmesse su questa piattaforma. Ero così un po' indeciso se rinnovare o meno, ma Diletta Leotta oggi è arrivata in mio soccorso. So che mi ha scritto solo per provarci con me e questa sua gentilezza e disponibilità mi ha colpito. Forse la inviterò anche a bere un aperitivo. Comunque ecco in cosa consiste la nuova promozione:

 Ehi sono io, Diletta. Mi mancavi moltissimo e ho deciso di farti un regalo. Per te c’è UN ALTRO MESE GRATUITO, così possiamo continuare a stare insieme e vivere le emozioni che solo lo sport ti può regalare. A dicembre ti aspettano Torino-Juventus, Juventus-Roma, Frosinone-Milan, Milan-Spal e tanto altro. Ecco il codice regalo. Attivalo subito e inizia il tuo mese gratuito. Al suo termine, l’abbonamento si rinnova automaticamente al costo di 9,99 € al mese. Puoi disdire quando vuoi. Ricorda, il codice è personale e puoi utilizzarlo entro il 21/12/2018

In pratica basta loggarsi nuovamente (via web con un browser, perchè da app non fa eseguire tutti i passaggi) ed inserire il codice inviato per email nella sezione CODICE REGALO. Facile e veloce. Spero che anche la trasmissione lo sia altrettanto. I miei "problemi" però non riguardavano la lentezza e la scattosità delle partite che in molti hanno provato sulla propria pelle, ma una qualità decisamente bassa di ciò che veniva trasmesso. Comunque un'altra possibilità gratuita non la si nega a nessuno.


mercoledì 12 dicembre 2018

Young Boys 2 - Juventus 1

Partita brutta, dalle tinte grigio scuro. A poco serve l'arrembaggio finale e non possono servire da alibi i due pali e la rete annullata a Dybala: nel corso dei novanta minuti sono state sprecate troppe occasioni e commessi troppi errori. La Juventus si qualifica comunque prima nel proprio girone, ma perde il bonus da 900 mila euro a punto e deve fare i conti con una forma fisica che lascia un po' da pensare. Il rammarico maggiore resta nel non aver saputo sfruttare una gara semplice per poter giocare in tranquillità e non essere riusciti a concludere positivamente quando lo si poteva fare. Male il reparto d'attacco (Dybala escluso che entrato ha fatto bene), male Bernardeschi, male la difesa nei momenti cruciali. Insomma, alcune cose da rivedere, e ne avremo l'occasione visto che il turno è stato superato ed accediamo agli ottavi. Peccato per stasera, ma bravi nel complesso per il risultato ottenuto all'interno del girone.