venerdì 24 marzo 2017

Amabili Resti (2009)



Regia: Peter Jackson
Anno: 2009
Titolo originale: The Lovely Bones
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (6.7)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

La mano di Peter Jackson si sente, soprattutto per la sua creatività relativa al fantastico, qui molto surreale. Ed è il lavoro della sua filmografia che al momento ho apprezzato di più. Il soggetto si basa sull’omonimo romanzo che purtroppo non ho avuto il piacere di leggere, ma sarebbe stato interessante un confronto. Amabili Resti è comunque un film delicato, che affronta la morte e l’omicidio in maniera soave, più che poetica, da fiaba. Ed i colori accesi, la fotografia brillante, la voce narrante dolce della protagonista (Saoirse Ronan) rendono calda una trama dallo sfondo tetro e crudele. Una vita strappata quasi prima di iniziare, senza motivo, quelle tragedie che mai ti aspetti possano capitare... Un dramma visto e raccontato da chi oggi non c’è più, con dubbi ed emozioni adolescenziali. A trama è divisa su due livelli: quello reale e quello fantastico, il primo con valenze prettamente drammatiche e da thriller, il secondo fiabesco e dolce. Peccato che alcune scene siano essenzialmente di troppo, come quelle che riguardano la nonna, e che non sia abbia un vero castigo per il depravato assassino (Stanley Tucci) se non una morte casuale sebbene annunciata. Toccante, ben fatto, non il solito film su di un tema così amaro. L’edizione bluray contiene due dischi. Il primo con soltanto il film (audio italiano in Dolby Digital 5.1), il secondo interamente dedicato ai contenuti speciali:
  • Presentazione di Peter Jackson (1 minuto)
  • Le riprese (2 ore e 57 minuti)

giovedì 23 marzo 2017

Animali Notturni (2016)



Regia: Tom Ford
Anno: 2016
Titolo originale: Nocturnal Animals
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (7.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Gran bel film. Poi ci sta anche che mi faccia impressionare, ma quando vedo Jake Gyllenhaal (per via di Donnie Darko) mi gaso abbastanza. E non è una cosa senza senso, è bravo dai. Qui però non è il solo a tenere alto il livello della pellicola. Già la trama, anzi le trame, presentate come una sorta di scatole cinesi, risultano impegnative psicologicamente. In altre circostanza si sarebbe potuto trattare del solito film drammatico di stampo romantico sulla crisi di coppia o sui rimorsi. Tom Ford va oltre ed inserisce una storia nella storia, che si snoda e si evolve fino a toccare quella maggiore che lo ingloba. Il libro scritto da Edward, letto dalla protagonista (Amy Adams) ed immaginato utilizzando volti conosciuti, è un urlo disperato sulla debolezza e la voglia di lottare, sulla tristezza dell’abbandono e della perdita. La sceneggiatura riesce in maniera semplice, ma non frivola a condividere i sentimenti che si provano leggendo qualcosa scritto da chi conosciamo. Realtà e finzione viaggiano su binari paralleli: la prima vede la seconda e la seconda si alimenta della prima. Inoltre il film ha una fotografia sensazionale ed una scenografia intelligente. I ricordi sono sempre rappresentati con colori caldi, allegri, spensierati e tangibili. Mentre la vita di Susan e caratterizzata da tinte unite tendenti al freddo, un blu che condiziona la sua esistenza, nonostante esteriormente cerchi di combattere questo contrasto. Stessa cosa per la simmetria e gli ambienti asettici, che si contrappongono con quelli rurali e selvaggi del racconto, ambientati nel Texas occidentale. All’interno di Animali Notturni, il romanzo vediamo inoltre personaggi stereotipati come il detective (Michael Shannon) che figura come la vocina interiore che dà il coraggio per situazioni estreme, oppure il delinquente scapestrato (Aaron Taylor-Johnson) intento a scardinare la sicurezza e la tranquillità di una normale famiglia americana. Tutti questi ingredienti sono mescolati ad arte in un film che di certo non può passare inosservato. Qualità video ottima, audio italiano in DTS 5.1, ma solo un extra di 11 minuti attivabile direttamente dal menù.

mercoledì 22 marzo 2017

Blade (1998)

Regia: Stephen Norrington
Anno: 1998
Titolo originale: Blade
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Primo capitolo di una trilogia, basata sull’omonimo fumetto della Marvel. Carino, anzi qualcosa di più, nonostante il tema dei vampiri sia già stato affrontato in più salse ed in tutti i modi possibili. Azione, qualche scena cruente, sangue (ovviamente) e combattimenti. Una leggera vena horror, che in alcune scene scivola con prudenza nello splatter. Wesley Snipes è perfetto per la figura del Diurno: non che abbia mai letto o sfiorato il fumetto, ma come personaggio è coinvolgente grazie alle sue tecniche di combattimento corpo a corpo e la faccia da vero duro. Non sono male, anzi, gli effetti speciali che di tanto in tanto colpiscono la pellicola e  possiamo anche considerare la scena in cui il Diacono Frost (Stephen Dorff) schiva le pallottole, come precorritrice del “bullet time” di Matrix ad esempio. Nella trama i vampiri, pur essendo in alto nella scala alimentare, non sono così malvagi in quanto se ne stanno buoni, nascosti e cercano di controllare il mondo in sordina. Poi arriva questo Frost, un mezzo sangue che ha manie di protagonismo: manca un po’ l’effetto eleganza, ma non del tutto, e comunque il carattere romantico dei vampiri non è proprio di questa pellicola. A mio avviso resta un lavoro sopra le righe, migliore di tanti altri nel suo genere. Buona la resa video nel bluray sebbene il 1998 non sia così vicino nel tempo. Gli extra sono.
-          Commento audio
-          Trailer
-          La Magra (14 minuti)
-          Designing Blade (22 minuti)
-          A look at the dark comics (12 minuti)
-          The blood tide (20 minuti)


lunedì 20 marzo 2017

DegustaBox: Marzo 2017

Eccoci ad una nuova puntata con al nostra amata DegustaBox. Andremo direttamente ad elencare i prodotti presenti nella scatola, perchè ormai chi vuole saperne di più può semplicemente seguire il tag DegustaBox e farsi un'idea sia relativa a ciò che generalmente contiene sia al mio pensiero sulla convenienza di avere questa serie di oggetti culinari. Bando alle ciance ecco il contenuto con a fianco il prezzo indicativo, ricordando che con l'abbonamento di sei mesi ogni scatola arriva a casa, spedizione compresa, al costo di 14,99 euro.
  • 1 confezione di risotto alle zucchine e spinaci di Riso Gallo (1.85 euro)
  • 1 barattolo di condimento per insalata di Newman's Own a caso tra le varianti Caesar (quella nella mia box), Ranch e Italian (3.99 euro)
  • 1 barattolo di confettura di albicocche Naturrein Darbo (2.99 euro)
  • 1 confezione di fiocchi d'avena dolcificati con sciroppo di riso Krunchy Pur (3.49 euro)
  • 1 barattolo di melanzane alla napoletana D'Amico (1.99 euro)
  • 1 barattolo di integratori alimentari Benegum B Young (8.9 euro)
  • 1 minitopping per farcire waffle o pancake della Fabbri (3.39 euro)
  • 1 confezione di acqua di cocco Isla Bio (3.99 euro)
  • 1 confezione di cornetti salati Mulino Bianco (2.29 euro)
  • 1 confezione di preparato in polvere per meringa Nonna Anita (2.9 euro)
  • 2 confezioni di preparati Cannamela per patate alla contadina e scaloppina alla pizzaiola (1.79 euro * 2)
Di gran lunga la DegustaBox con il valore economico più alto:  39,36 euro.

domenica 19 marzo 2017

Sampdoria 0 - Juventus 1

Altro giro altra vittoria. Ma tra alti e bassi, perchè il primo tempo giochiamo con le nostre migliori caratteristiche e teniamo il pallino del gioco. Le azioni pericolose sono diverse e potremmo meritare qualcosa di più, se già non fossero evidenti alcuni limiti in fase realizzativa. La ripresa invece ci vede, distratti, lenti in alcune fasi del gioco e quindi soffriamo il palleggio avversario. E' la Samp quindi a meritare, almeno ai punti, un secondo tempo che difficilmente ci vede protagonisti. L'importante è però il risultato e poter imparare dai propri errori. Tre punti che non erano certi, visto il recente cammino dei blucerchiati ed il fatto di giocare fuori casa. Adesso i punti a disposizione per poterci recuperare sono meno anche se mancano ancora partite importanti e difficili. Avanti così, #finoallafine.