giovedì 22 giugno 2017

La Storia Infinita (1984)




Regia: Wolfgang Petersen
Anno: 1984
Titolo originale: Die Unendliche Geschichte
Voto: 8/10
Pagina di IMDB (7.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
A bocca aperta. Da piccolo, come da adulto. E sì, scadiamo pure nel nostalgico romanticismo da anni ottanta, ma La Storia Infinita è proprio l’emblema della mia infanzia. Io che non amo per niente, anzi il più delle volte dribblo ed evito, il fantasy sono sempre rimasto affascinato da questo film. E penso sia anche una cosa naturale, insita in noi quasi quarantenni (no, ultra trentenni vai), aver apprezzato le vicende di Bastian e Atreyu. Guardarlo oggi, con gli occhi dell’adulto non cresciuto, non dico dia le stesse emozioni di una volta, ma sicuramente le riaccende. E la storia di Michael Ende riesce a toccare le giuste corde: c’è il bambino che ama leggere i libri e si ritrova ad essere protagonista di un fantastico romanzo di cui subito si innamora. Il suo alter ego fantasy non è spocchioso o arrogante, ma altrettanto semplice ed imperfetto in maniera tale che possiamo noi spettatori seguire il gioco di Bastian ed immedesimarci a nostra volta in Atreyu. Anche la ricostruzione di tutta Fantàsia forse oggi può far sorridere, così come alcuni costumi e trucchi utilizzati: vi assicuro però che non stonano, non sanno di ridicolo, riescono a risultare piacevoli anche a distanza di decenni. Magari per qualcuno la trama risulterà essere troppo semplice o breve: ma questo è un fattore positivo, perchè si riesce a seguirla con interesse, senza attimi di pausa e si balza da una scena all’altra in un batter d’occhio. Merita inoltre almeno un accenno la colonna sonora, che giusto ieri sera, come in tante altre occasioni, veniva suonata durante la festa estiva nel centro della mia città. Giusto per far capire l’immortalità della canzone, ma anche del legame con il film (ho deciso appunto di guardarmelo, dopo averla sentita a giro). Belli i tempi in cui se pensavo al fantasy non mi venivano i brividi di noia, ma mi divertivo ed emozionavo da matti.

Edizione: DVD
Questo DVD è la versione (Eagle Pictures) più terra terra del film, e mi rammarico un po'. Non discuto della qualità video, e neanche di quella audio tutto sommato, accettabile e presente sia in stereo che in multicanale per le tracce in italiano. Il vero colpo gobbo è che non abbiamo neanche un extra che sia uno.

mercoledì 21 giugno 2017

The Founder (2016)




Regia: John Lee Hancock
Anno: 2016
Titolo originale: The Founder
Voto: 6/10
Pagina di IMDB (7.2)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:

Ero curioso di vedere le famose mucche create in laboratorio, senza testa e senza gambe. Probabilmente quelle però sono arrivate negli anni successivi, mentre qui si narra proprio la fondazione di McDonald’s, quella dei fratelli Dick e Mac, che hanno dato il nome alla miliardaria impresa, e quella di Ray Kroc, vera anima del successo commerciale e globale. Un’anima però non esattamente giusta e corretta, anzi avida e senza scrupoli: un uomo che si impegna oltre misura per ottenere il successo, ed inseguire un sogno, ma lo fa sul sangue degli altri. Oddio, non è che si tratta proprio di sangue, alla fin fine forse lui suda e si fa il culo più di ogni altro, e soprattutto spende una cifra molto consistente che i fratelli McDonald’s accettano, in qualche modo, cedendo la loro creatura. Al di là della questione morale o della sfrontatezza è un interessante pellicola, dai toni quasi per niente critici, su uno dei marchi più conosciuti e presenti nel mondo. Bene o male tutti conoscono gli hamburger del fast food per antonomasia: c’è chi ci si ingrassa, chi ci porta i figli alle feste di compleanno, chi lo disprezza come in quanto simbolo della globalizzazione e del consumismo, chi non ci mangerebbe neanche un’insalata solo per punto preso, chi adora farcisi uno spuntino ogni tanto e così via. Si potrebbe continuare all’infinito ed è per questo che non ci si stupisce se c’è chi ha pensato di girare una pellicola sulla nascita di tale colosso. Ma a rendere una storia banale e forse noiosa, un qualcosa di ben fatto, a mio avviso non è tanto la struttura della trama o il timbro del regista, quanto l’impeccabile e maestosa prova di Michael Keaton. Davvero questo attore, anche nella a diversi anni dai suoi primi successi, mi sta veramente gasando, più di un buon Crispy McBacon.  Senza di lui sarebbe stato decisamente scialbo.

Edizione: bluray
Amaray invece del classico colore blu, questa volto rosso. All'interno un disco la cui qualità video, come in molti prodotti di oggi, è buona, sebbene ci sia un rumore di fondo nelle scene del ristorante di lusso, in cui le luci sporcano leggermente la parte inferiore dello schermo. Audio in DTS HD MA anche per l'italiano oltre che per la lingua originale. Il menù ricorda proprio un menù, ma senza poi troppi fronzoli. Gli extra sono i seguenti:

  • Le regole del successo (1 minuto)
  • Intervista a Michael Keaton (5 minuti)
  • Photogallery
  • Trailer
 

martedì 20 giugno 2017

DegustaBox: giugno 2017

Ci siamo: questa volta è propria l’ultima, non avendo rinnovato l’abbonamento come accennato con la scatola di maggio. Il corriere Nexive è stato puntuale come praticamente in ogni altra occasione passata, e ringrazio anche gli addetti ai lavori, che preparano il materiale, imballano le scatole, rispondono al telefono o alle email. La mia esperienza con DegustaBox è stata sostanzialmente positiva. Come spiegato già in altre occasioni, per trovare dei veri e propri benefici si deve valutare il proprio carrello della spesa standard, ma l’idea alla base è molto buona, così come i prodotti selezionate, escludendo poche eccezioni che sembravano messe lì per fare ciccia. Sul risparmio invece non c’è dubbio: i 14,99 euro di ogni scatola, vengono ampiamente ripagati dal valore dei prodotti che troviamo all’interno. Tutto sta nel capire quali e quanti ci sarebbero veramente serviti. Ma c’è anche l’effetto pubblicità: scoprire nuovi prodotti e poi acquistarne magari in seguito nei negozi. Ad ogni modo la DegustaBox del mese di giugno contiene:
·         1 confezione di pasta Pezzullo (1.15 euro)
·         1 confezione di spaghetti Pezzullo (1.15 euro)
·         1 confezione di Paneangeli per pane e focaccia (2.49 euro)
·         1 bottiglietta di Chinotto Lurisia (1.05 euro)
·         1 bottiglietta di acqua tonica Lurisia (1.05 euro)
·         1 confezione da 2 di granita siciliana Granigel al gusto di limone (1.49 euro)
·         1 scatoletta di tonno grigliato Rizzoli (3.59 euro)
·         1 tubo di Pringles Tortilla (2.49 euro)
·         1 confezione di Knorr Asia Thailandia (1.79 euro)
·         1 confezione di Knorr Asia Indonesia (1.79 euro)
·         1 barattolo di senape di Digione con miele di Maille (3.49 euro) + un buono sconto da 0.75 euro
·         1 bottiglietta di salsa di soia Kikkoman (3.99 euro) + un buono sconto da 0.75 euro
·         2 confezioni di Mentos White Always al gusto peppermint e sweetmint (1.5 euro l’una)

Il totale del valore indicato è di 28,52 euro e 1.5 euro in buoni da riscattare.

lunedì 19 giugno 2017

Free State Of Jones (2016)




Regia: Gary Ross
Anno: 2016
Titolo originale: Free State Of Jones
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (6.9)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Basato su di una storia vera in questo film c'è quasi di tutto: dalla storia all'attualità. Gary Ross inizia con al Guerra Civile, adoperando una fotografia che si avvicina molto al documentario, e prosegue spostandosi mano a mano sempre di più dai soliti canoni eroici che vedono soldati o generali districarsi in battaglie ormai famose, non solo per il cinema. Disertori e fuggiaschi, difficilmente entrano nelle grazie del pubblico, eppure qualcuno di loro ha compiuto gesta memorabili al pari di chi viveva la propria guerra, o quella degli altri, con onore e risolutezza. Newton Knight (Matthew McConaughey) è diverso e porta la trama, fuggendo dalle pallottole, in una sorta di moderna favola (che poi favola non lo è per niente) di Robin Hood americano. Da qui si prosegue toccando temi importanti, come il razzismo e la vita nel Sud in pieno ottocento, ma anche con alcuni flashforward nel secolo passato. Ottima la prova storica, che condanna una triste parte della politica americana, ma senza scadere nel film di denuncia a tutti i costi. C'è azione, ci sono immagini molto belle, c'è un insieme indiscutibilmente genuino e realistico delle vicende narrate. Non sono un amante dei film di guerra, dei film politici o dell'ambientazione da Guerra Civile, ma questo va oltre. E' ben fatto.

Edizione: bluray
Amaray contenuto in una slipcover cartonata verticale: il disco bluray è di ottima qualità sia video che audio, con traccia originale e traccia italiana in DTS HD MA. Purtroppo gli extra non si distinguono per essere corposi e neanche numerosi:

  • Trailer
  • Backstage (18 minuti)

domenica 18 giugno 2017

Paulo Coelho - Manuale Del Guerriero Della Luce




Autore: Paulo Coelho
Anno: 1997
Titolo originale: Manual Do Guerreiro Da Luz
Voto: 1/5
Pagina di Anobii
Pagine: 156
Acquista su Amazon

Trama del libro e quarta di copertina:

Per la prima volta Paulo Coelho mette a disposizione un vero e proprio manuale, ricco di preziosi consigli e indicazioni per superare ogni difficoltà, percorrere il cammino spirituale e compiere così la propria "leggenda personale". In questo libro l'autore abbandona lo strumento della parabola spirituale, della favola magica, per rivolgersi direttamente al lettore e condurlo attraverso un appassionante cammino di liberazione e di ricerca interiore. 

Commento personale e recensione:

Boia, strapalloso ed inutile. Me lo sono portato in spiaggia prevedendo che il libro che stavo leggendo lo avrei finito. Questo era piccolo e leggero quindi lo ho scelto a colpo sicuro, memore anche di miliardi di recensioni positive a suo riguardo. Noia mortale, per concetti scritti in caratteri cubitali su ogni pagina. ma non faccio nessuna guerra e non mi va di essere un guerriero della luce. Soporifero, pseudo religioso, pseudo filosofico, non capisco chi si sbava sopra.