domenica 23 settembre 2018

Frosinone 0 - Juventus 2

Un po' lenti ed un po' inconcludenti, è un dato di fatto che va oltre al risultato. Del resto il Frosinone, un solo punto raccolto da inizio campionato, non è certo una squadra che possa definirsi solida ed inattaccabile. Però se alzano la muraglia in difesa, la Juventus soffre inevitabilmente, forse perchè non riesce a giocare in velocità. Le occasioni non mancano, ma i veri e propri tiri nello specchio della porta sono sporadici e perlopiù sporcati dalla selva di gambe avversarie. Ronaldo non brilla, ma segna la rete d'apertura. Dybala lo imita in negativo, ma il raddoppio arriva da Bernardeschi che sembra, sebbene subentrato a ripresa iniziata, il più in forma di tutti. Non una partita di sofferenza, ma il risultato raggiunto è stato un po' faticato: ciò non toglie che siano tre punti molto preziosi per ribadire il primo posto in classifica ottenuto con la quinta vittoria consecutiva. La sesta considerando l'impresa di Valencia. Possiamo continuare così #finoallafine.

Marina Abramovic. The Cleaner

Firenze ha sempre molto da offrire, al di là delle cose classiche. Ciò non mi preclude la possibilità di vistare Santa Maria Novella e le Cappelle Medicee, ma il motivo principale per la visita odierna era la mostra a Palazzo Strozzi: Marina Abramovic. The Cleaner, Aperta il 21 settembre (e salita anche nelle cronache per essere stata assalita in queste ore) durerà fino al 20 gennaio 2019,. La mostra contiene numerose opere ed installazioni, ma durante la visita è possibile anche poter partecipare e vedere dal vivo alcune performance da lei ideate come "Imponderabilia", realizzata per la prima volta a Bologna nel 1977. Nella giornata di oggi, domenica, erano messe in opera anche "luminosity" e "cleaning the mirror".

Ecco le foto della giornata: Un giorno a Firenze (23/09/2018)

Piazza 24, Empoli

Se capiate ad Empoli, potete provare il ristorante e pizzeria Piazza 24, io lo ho trovato con TheFork, ma mi era comunque stato già consigliato da gente della zona. Prenoto per le 20:30, ma quando mi accorgo che è possibile che faccia un po' di ritardo, avviso via telefono. Per loro non c'è nessun problema, ma comunque arriviamo con neanche dieci minuti in più rispetto all'orario stabilito (l'applicazione consiglia di non sforare i 15 minuti). L'interno del locale è molto ben curato, la temperatura ieri era particolarmente calda ed afosa anche la sera, ma l'aria all'interno era piacevolmente fresca senza esagerare. Il personale è gentile e preparato, sebbene non si dilunghi sulla spiegazione delle pietanze. Avevamo lo sconto del 20% sul menù tranne che sulle specialità del giorno che erano a base di tartufo (ci hanno avvisato prima di procedere con l'ordinazione). Il costo delle pietanze da ristorante è sul caro, ma senza esagerare, il cibo è buono e ben preparato con porzioni che però possono risultare piccole se confrontate con la parte relativa alla pizzeria. Nel complesso una buona uscita per i piatti di pesce che risultano buoni e ben curati (un antipasto cruditè, due primi, una pizza, due dolci, acqua e tre calici per un totale di 65 euro comprensivo di sconto applicato da TheFork + uno sconto personale che gentilmente ci hanno concesso). E' stato inoltre il primo locale con cui ho pagato utilizzando Google Pay.

Se utilizzi questo codice puoi avere già dalla prima prenotazione 1000 yums, pari a 20 euro




sabato 22 settembre 2018

In vigna, Vincanto. Con Capaerrante

Dopo la riuscitissima impresa dell’aperitrekking  di fine luglio, mi sono affezionato alle iniziative di Capaerrante e ho seguito le sue proposte online. Eccoci quindi appena tornati da un’altra originale e suggestiva escursione tra natura, prodotti tipici e canti popolari. La passeggiata di oggi è immersa essenzialmente tra vigneti, ulivi macchia e lecci ed ha come punto di arrivo  dopo un tragitto ad anello  l’Azienda Agricola Caffarelli, grazie alla quale abbiamo potuto gustare una merenda a base di prodotti a Km 0.  La nostra preparata guida GAE (Camilla) nel frattempo ci raccontava aneddoti e storie dell’antica pratica della vendemmia nello specifico o della vita di campagna in generale. Ed attraverso i canti popolari intonati dal trio Vincanto venivano ampliate le nostre conoscenze sulla tradizione della campagna in relazione al vino ed all’olio di queste terre.

Altre date per partecipare a In Vigna, Vincanto:  7 ottobre 2018 e 13 ottobre 2018

Album fotografico In Vigna, Vincanto

venerdì 21 settembre 2018

Death Note - Il Quaderno Della Morte (2017)




Regia: Adam Wingard
Anno: 2017
Titolo originale: Death Note
Voto e recensione: 3/10
Pagina di IMDB (4.6)
Pagina di I Check Movies

Acquista su Amazon (cofanetto bluray)
Acquista su Amazon (cofanetto fumetti)
Guarda Netflix GRATIS
 
Decisamente indegno live action di Death Note. La produzione occidentale mette a segno un immenso autogol con questo lavoro. Infatti fin da subito è chiaro che non si tratta di un semplice film di quelli che possono definirsi "basati su", ma ricalca alcuni aspetti dalla serie originale. Quindi è logicamente rivolto a coloro che sono fan o comunque affezionati al manga o all'anime e che giustamente ne conoscono la storia. Guardarlo senza avere le basi necessarie non avrebbe molto senso. Ed il fatto che a guardarlo possano essere coloro a cui è piaciuta la serie TV o il fumetto, fa sì che questi ne restino delusi. La trama, il nocciolo del film, è completamente stravolta, e non si può fare finta di niente. Light non è per niente logico e deduttivo. Mentre L si avvicina un po' di più al personaggio della serie, ma dobbiamo sforzarci anche troppo. Che sia ambientato a Seattle invece che in Giappone conta poco: ci poteva anche stare una certa vena di occidentalizzazione. Ma diventa un prodottino per bimbiminkia che snatura in tutto e per tutto l'originale Death Note. Risultato penoso e fuorviante.

Google Pay attivo in Italia

Già da qualche tempo era possibile scaricare Google Pay, ma ufficialmente da un paio di giorni è utilizzabile come servizio di pagamenti online. E’ arrivato un po’ in ritardo rispetto alla concorrenza, ma può fare affidamento su di un numero molto elevato di dispositivi Android per quanto riguarda gli utilizzatori e su un numero altrettanto elevato di partner commerciali. Per poterlo utilizzare è necessario possedere una carta di credito (vanno bene anche le prepagate) che sia compatibile con il servizio. Nel mio caso la Visa rilasciata da Nexi tramite Banca Mediolanum è operativa. Ovviamente un altro requisito è quello di avere un account Google ed accedervi da smartphone (con Android 5.0 o superiore). Per usarlo, una volta completata la registrazione della carta, basterà sfruttare il dispositivo avvicinandolo ad un POS (di quelli contactless) con attivo il modulo NFC senza la necessità di aprire l’applicazione, ma soltanto attivando lo schermo. Per le spese superiori ai 25 euro sarà necessario inserire un PIN, o dare il consenso tramite impronta digitale (ancora più comodo). Impostando come metodo di pagamento predefinito, si può usare Google Pay anche per gli acquisti online sfruttando il web o le varie applicazioni dei partner (ad esempio Ryanair, Vueling, Booking). Chissà se con il passare del tempo, oltre ad utilizzare sempre meno i contanti, useremo meno anche le carte fisiche.