domenica 22 giugno 2014

Stephen King - Colorado Kid


Autore: Stephen King
Anno: 2005
Titolo originale: The Colorado Kid
Pagine: 192
Voto: 2/5
Pagina di Anobii
Acquista su Amazon (ebook o libro)

Trama del libro e quarta di copertina:

Fresca fresca di scuola di giornalismo, la ventenne Stephanie McCann sta facendo uno stage presso il minuscolo quotidiano di un'impervia isoletta del Maine, dove si occupa di picnic parrocchiali, sparizione di gatti e altre amenità. Ma sente che l'esame più importante deve ancora arrivare... E infatti un solitario pomeriggio i due anziani proprietari - nonchè unica forza lavoro - della testata, con il pretesto di raccontarle un vecchio caso di cronaca l'avviluppano nelle spire di una vicenda inspiegabile e intrigante. Una storia del passato che parla di una coppia di tenaci reporter e di un cadavere chiamato Colorado Kid, di una morte che forse era un omicidio, ma senza movente, senza alibi, con tempi impossibili e indizi assurdi. La loro storia. Il loro mistero. Accaduto proprio lì. In venticinque anni, ogni piccola, faticosa scoperta anzichè chiarire i fatti li ha ammantati di oscurità, ogni risposta anzichè esaurire le domande le ha moltiplicate. Perchè? Perchè? Riuscirà Steffi a risolvere l'enigma? E soprattutto, saprà coglierne il vero significato? In un romanzo in cui la potenza narrativa di King fa crescere la tensione a ogni pagina solo sussurrando, il Re scherza con il nero alla maniera di Agatha Christie, Mickey Spillane, Edgar Allan Poe. Ma, soprattutto, alla sua. Da Colorado Kid è stata tratta una serie tv di grande successo, Haven, in corso di programmazione anche in Italia.

Commento personale e recensione:

Bah, non utilizzo il voto più basso in assoluto perchè riconosco che King ci abbia saputo fare come al solito, rendendo una NON STORIA intrigante. Grazie ai dialoghi, maturi e realistici, abbiamo un thriller decisamente particolare, assai statico, che però risulta essere esclusivamente una minestra molto allungata. Quindi ok, bene l'idea di pigliarci per il culo senza arrivare a concludere nulla (ops ho spoilerato), ma mi aspettavo qualcosa di più nonostante già arrivato a metà ho iniziato a preparare la vasellina sapendo che non ci sarebbe stata una conclusione che possa definirsi tale. Il lavoro, nel suo complesso, è comunque mediocre, sembra tirato via e non all'altezza di ciò che lo ha reso famoso. Non che tutta la sua produzione mia sia piaciuta, ma qui siamo lontani da ciò che potrebbe stuzzicarmi. Per fortuna dura poco e si legge in fretta.

Nessun commento: