domenica 11 ottobre 2015

Fuori porta ligure

Notoriamente sono un uomo dedito all'arte ed all'intellettualità ed è così che questo fine settimana, ho deciso di passarlo a discutere di tauromachia ed autocombustione tra gentiluomini, come mi si compete. Al Palazzo Ducale di Genova c'è la mostra Dagli Impressionisti A Picasso, che detta in breve ci permette di godere delle opere del Detroit Institute of Arts. Molto ben curata (grazie anche alle audio guide) e completa, riusciamo a vedere con calma ed ammirazione tutti i dipinti esposti, riuscendo a coglierne il significato così da essere apprezzati fino in fondo. Non si tratta di opere o artisti minori, ma di veri e propri gioielli artistici, che potrete (un giorno che sarà pronto) vedere meglio sul blog di Semplicemente Riccardz. Intanto un assaggio di alcune delle opere presenti. Basta un salto su Wikipedia per sfregarsi le mani:

Camille Pissarro - il sentiero 1889

Claude Monet - gladioli 1876

Pierre Auguste Renoir - donna in poltrona 1874, bagnante seduta 1903-1906, il pierrot bianco 1901-1902

Carolus Duran - allegra compagnia 1870

Henry Gervex - scena di caffè a Parigi 1877

Edgar Degas - donna bendata 1872, ballerine nella stanza verde 1879,  violinista e giovane donna 1871, mademoiselle Malot 1877, cavalcata al mattino 1866

Paul Cezanne -  tre teschi 1900,  la montagna Sainte-Victire 1904, Madame Cezanne 1886

Gustave Courbert - bagnante addormentata vicino a un ruscello 1845,  bagnanti 1880

Felix Vallotton - nuda con la vestaglia sul ginocchio 1904

Maurice Denis - la Depeche de Toulouse 1892

Odilon Redon - evocazione di farfalle 1910

Pierre Bonnard - donna con cane 1924

Vincent Van Gogh - autoritratto 1887,  la sponda dell Oise a Auverse 1890

Henri Matisse - il caffè 1916, la finestra 1916, papaveri 1919

Amedeo Modigliani - giovane uomo col cappello 1919, ritratto d'uomo 1916,  ritratto femminile 1917

Max Pechstein - sotto gli alberi 1911

Wassily Kandinsky -  studio per dipinto con forma bianca 1913

Otto Dix - autoritratto 1912

Emil Nolde - girasoli 1932

Ernst Ludwig Kirchner - paesaggio di montagna al chiaro di luna 1919

Oskar Kokoschka - l elba a dresda 1921

Pablo Picasso - la bottiglia di Anis del mono 1915, donna in poltrona 1923, ritratto di Manuel Pallares  1909, testa di Arlecchino 1905, ragazza che legge 1938

Come dicevo, una bella lista, di quelle che sicuramente non passano inosservate. Comunque la parte CULturale lascia lo spazio a quella CULinaria. Da Maria in vico Testadoro si mangia alla grande. o meglio, la cucina è quella casereccia e l'ambiente pure, con tovaglie rosse che fanno tanto italiano e piastrelle verdi ai muri, menù scritto a mano. Primo, secondo e dolce costa dodici euro a testa. Promossa a pieni voti. A questo punto non ci resta che digerire fino al porto dove entriamo nell'abbastanza mastodontico Galata Museo del Mare, su più livelli e con la visita anche al Nazario Sauro. Al ritorno il treno non ferma a Cà di Boschetti (da leggere velocemente). Peccato. Il giorno seguente, ovvero oggi, veloce visita a Sarzana con fermata al Borgo 21, ristorante altamente consigliato. Ma perchè scrivere ancora? Ci sono delle foto bellissime, artistiche e d'autore che potete visionare con tutta calma

Nessun commento: