sabato 5 giugno 2010

Jeffery Deaver - I corpi lasciati indietro

Autore: Jeffery Deaver
Pagine: 461
Editore: Rizzoli
Voto: 3/5
Pagina di Anboii

Trama:

Lago Mondac, Wisconsin. È una notte silenziosa e le eleganti villette sulla riva del lago sono immerse in un sonno tranquillo. Tutte tranne una: la villa dei Feldman, la più lontana e isolata. Da qui è partita una strana telefonata al locale distretto di polizia, troncata nel giro di pochi secondi dopo una sola, concitata parola. Uno scherzo o una vera emergenza? La poliziotta Brynn McKenzie - irlandese, un figlio adolescente, un matrimonio fallito alle spalle - viene inviata a controllare. E si ritrova davanti una scena agghiacciante: Emma e Steven Feldman senza vita sul pavimento, assassinati a colpi di arma da fuoco. Ma in casa c'è ancora qualcuno; due uomini, forse gli assassini, accerchiano Brynn e la minacciano armi in pugno. Alla poliziotta non resta che fuggire, e in un attimo è nel fitto della foresta, a tentare di seminare i suoi implacabili inseguitori. Ma nell'oscurità dei boschi intorno al lago Mondac sta scappando anche qualcun altro: la misteriosa Michelle, amica dei Feldman, unica testimone di quanto è accaduto alla villa. In fuga dai due banditi, come Brynn, o forse da una minaccia diversa. E mentre le due donne, spaventate e diffidenti come animali selvatici, cercano insieme una via di scampo, la corsa dentro la notte si trasforma per Brynn in una sottile indagine nel passato di Michelle e nei suoi segreti.

Commento personale:

Che non sia il miglior Deaver non ci piove, ma che scorra piacevolmente è altrettanto vero. Peccato per il colpo di scena, a cui ci ha sempre abituati bene, che è in parte prevedibile e forse anticipato un po' troppo. Per il resto la parte centrale è decisamente intrigante e ti coinvolge fino all'ultimo respiro. In parte qualcosa di già riletto (sempre nello stesso Deaver) ma comunque adrenalina non scontata. Finalmente personaggi buoni e cattivi che non sono niente di particolare, non sono super uomini, anzi commettono molti errori, certe volte scambiati per trucchi sopraffini o tattiche imprevedibili. Manca finalmente il killer disposto a tutto, imprendibile, puntiglioso in ogni suo aspetto. Un bel libro da leggere.

Nessun commento: