venerdì 20 gennaio 2012

Carica batterie portatile Duracell

Uno dei maggiori problemi degli smartphone risiede nella durata della batteria: è un vero e proprio dente che duole, possiamo farci poco o niente. Fortunatamente è possibile caricarli quasi ovunque ci sia un computer via USB, ma non sempre basta. Per questo ci sono a disposizione anche vari adattatori per le prese di corrente e per gli accendisigari. Ma quando siamo impossibilitati ad alimentarlo e la nostra carica sta per esaurirsi che possiamo fare? Ho valutato l'acquisto di una batteria di riserva, ma non l'ho trovata una soluzione comoda per il fatto di doverlo spengere, togliere la scocca e sostituire quella carica a quella esaurita, riaccenderlo e così via. Quindi ho preso una backup battery della Duracell (disponibile su Amazon tra gli altri). Si tratta di un adattatore di corrente che permette di caricare fino a due dispositivi alla volta (se connesso alla rete elettrica) e di avere con sè una carica di 1800 mAh di riserva. Esteticamente si rivela una scatoletta abbastanza compatta ed elegante dalla costituzione solida. Nella parte superiore è presente l'attacco per la spina, che è removibile. Avrei preferito una presa a scomparsa, anche se sarebbe stato difficile per garantire le dimensioni ridotte. La spina può essere tolta ed utilizzare il Duracell per alimentare lo smartphone e dargli un'altra po' di autonomia. 1800 mAh non sono pochi, ma tutto sommato neanche un'esagerazione, considerando che il mio HTC Desire dal 3% è passato al 94% con una carica intera. Comodi comunque i due ingressi femmina USB per la carica multipla di due device ed il cavo in dotazione USB / micro USB con adattatore anche per il mini USB. In questo modo è possibile caricare numerosi modelli di telefoni e non (ad esempio il Kindle o il Tom Tom). Provato anche con l'iPhone 4S, ed ovviamente funziona. Utile l'indicatore relativo alla carica disponibile, sebbene sia un po' troppo generico. Purtroppo non lo trovo un oggetto pienamente convincente dal punto di vista della portabilità visto che è piccolo sì, ma non ditemi che è comodo ed elegante usare lo smartphone attaccato ad un cavo ed al Duracell. Sempre meglio di niente... Ma esistono prodotti (ok magari costosi il doppio) decisamente più accattivanti almeno dal punto di vista estetico. Per ovviare a questo e quindi aumentarne anche l'usabilità ho provveduto con un connettore USB maschio / micro USB maschio, così da avere una sorta di  "depandance" collegata in maniera diretta. Sembrerà di usare i primi prototipi di telefoni satellitari, ma non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. Se invece qualcuno è interessato al suo acquisto solo come adattatore per la carica, lo sconsiglio visto che al solito prezzo avevo preso la dock station e ad un costo decisamente minore i normali adattatori. Di sicuro una carica del genere è un piccolo e piacevole aiuto, ma non crediate che non comporti alcuni sacrifici.

2 commenti:

Nasreen ha detto...

Ficcarsi il caricabatterie in borsa non è un opzione? io faccio così XD

Jack O. Lyroid ha detto...

Sì ok, anche io, o al massimo un semplice cavo usb. Ma devi trovare un posto dove collegarti. Se sei in vacanza, al mare, in montagna, nel deserto o chissà dove non è detto tu abbia a disposizione una presa elettrica o un pc a cui collegarti.