sabato 14 gennaio 2012

Tutti pazzi per il Kindle (me compreso)

E' doveroso iniziare questo articoletto facendo qualche premessa. Come molti (forse) sapranno sono un accanito lettore ed un amante dei libri. Quelli veri, quelli di carta. Da sempre sono stato un sostenitore della lettura e di tutto ciò che la riguarda, e questo ha comportato anche una mia posizione decisamente dubbiosa nei confronti degli ebook. Tanto per cominciare un libro è un libro, lo sfogli, lo annusi, lo soppesi, gli pieghi le pagine per tenere il segno, lo sottolinei, lo insudici.. E lo leggi. Insomma ci fai le solite cose che ci fai con un libro. C'è chi lo lancia o lo usa come ferma carte o al posto dei sonniferi, ma è sempre un libro. Per questo la sua controparte digitale mi ha sempre fatto storcere il naso. Fin dai tempi in cui Asimov descriveva i "videolibri" pensavo che fossero baggianate e mai avrebbero sostituito il sapore delle pagine ingiallite. A dir la verità lo penso anche ora: una libreria all'interno di una scheda di memoria non avrà mai il solito fascino della libreria in casa, con tutti tomi, per quanto siano ordinati, di altezze diverse, grandezze diverse, colori diversi. Un catalogo in stile Anobii non renderà mai la solita idea.
Poi mettiamoci anche il fatto che a me il Kindle di Amazon non ha fatto mai troppa gola. Vuoi che è un prodotto abbastanza "chiuso", vuoi che cerca di spingerti verso una direzione (la sua), vuoi che offre meno accorgimenti rispetto ad altri prodotti della concorrenza. Comunque bando alle ciance: l'accoppiata ebook + Kindle non avrei mai pensato si insinuasse così prepotentemente nei miei interessi.
Da qualche tempo, giocoforza mi son dato alla lettura di qualche ebook quindi sono un po' meno restio nei confronti del digitale. Considerate inoltre che vergognosamente utilizzo il formato in PDF e leggo allo schermo del pc. Immaginate che goduria e quindi anche il perchè della mia contrarietà su certi temi. Così ho cercato di informarmi da qualche mese su di un qualche reader utile per le mie esigenze. Ringrazio il melo, che si è fatto in quattro, scrivendomi in varie email le sue esperienze. Ero anche quasi convinto, solo che pochi giorni fa ho avuto modo di ammirare (già, non esagero: ammirare) un Kindle in azione. Ho capito che è un libro. Non mi serve quindi che sia roottabile il suo sistema operativo, non mi serve che ci legga i feed rss, non mi serve poterci ascoltare la musica, e non mi serve doverci navigare comodamente in internet. Ho già uno smartphone ed un portatile. Mi manca un ebook reader, perchè in realtà non ne ho bisogno. Ed anche perchè fin ad ora mi ero solo immaginato che cosa fosse, ma non sapevo realmente ciò che è. Stupefacente. Il formato Kindle è chiuso? Chi se ne frega, posso leggerlo comunque ovunque: pc, smartphone, tablet... Posso inoltre convertire (Calibre sia lodato) quelli che ho in formati molto più consoni alla lettura. Che gli manca? Nulla, e quando leggi, sembra di leggere un libro in maniera ancora più comoda. Dopo un minuto neanche ci fai più caso. Ed il prezzo non è esagerato (gli ebook a mio avviso sì, anche se per alcuni i prezzi sono abbordabili). I contenuti sono tanti, sia quelli del catalogo Amazon sia quelli reperibili altrove. Di conseguenza mi son prefissato che per aprile lo voglio avere. Senza disdegnare la carta stampata e la mia buona collezione di libri reali.

Nessun commento: