domenica 23 giugno 2013

Su e giù (est e ovest) a Berlino

Sarò breve perché sono stanco morto ed assonnato. Poche ore di sonno e lunghe camminate sono gli ingredienti principali di questi quattro giorni berlinesi. La vacanza continua ad essere piacevole e non c'è uno step che sia uguale all'altro. Certo, la parte più interessante al momento riguarda la vita sociale nell'est. Se per arrivare qui però siamo passati da un moralmente devastante percorso sul Terzo Reich poco importa. Già perché la topografia del terrore è qualcosa di unico, una cornucopia di documenti e fotografie che ti aiutano a pensare,  a ricordare ma soprattutto a farti tante domande. Tra le altre cose da ricordare abbiamo Curry 36, il Viktoriapak introvabile salvo poi scoprire che c ero già stato, i turchi dall'aspetto truce, la birra che torna a costare poco, gli ariani che non esistono più, il gulash cenato da Spatze and knodel, gli italiani che ti parlano quando meno te lo aspetti.

Nessun commento: