giovedì 9 gennaio 2014

L'Uomo Con I Pugni Di Ferro (2012)


Regia: RZA
Anno: 2012
Titolo originale: The Man With The Iron Fists
Voto: 5/10
Pagina di IMDB (5.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Davvero pregevole per poter anche essere un esagerato mix di arti marziali, azione e fantastico. RZA alla regia è una novità, ma la sceneggiatura scritta a quattro mani con Eli Roth risulta avvincente nonostante sappia di compitino copiato. Tarantino è dietro l’angolo che li osserva, ed il prodotto finale risulta anche più piacevole di ciò per cui potrebbe lottare. D’altro canto abbiamo un cast che non è tirato ai minimi termini visto che annovera tra i presenti nomi come Russel Crowe, Lucy Liu e lo stesso RZA (che sarebbe un rapper, di sicuro lo avete già visto anche se non seguite il genere). La trama se vogliamo è anche troppo elaborata e spezzettata, ci si mette un po’ ad arrivare a questo uomo con i pugni di ferro. In neanche novanta minuti succedono molte cose e pare di essere sul set di un video gioco o di Ken il Guerriero piuttosto che in un film. Le scene finali, con molto sangue che schizza qua e là e una serie quasi infinita di mosse e combattimenti è impreziosita una fotografia ed un montaggio stilosi, in più riquadri e con l’ausilio della slow motion e di effetti speciali creati al computer. Non c’è niente che stona nella Cina di oltre un secolo fa, neanche quando il corpo Batista (noto, gigantesco e bestialotto wrestler) diviene magicamente di metallo. Anche la colonna sonora veste elegantemente la pellicola fondendo suoni e generi molto lontani con la possibile storia narrata. Insomma, simpatico sicuramente, va preso per ciò che è: il primo lavoro di un regista che finora era musicista, molto sponsorizzato da amicizie altolocate (Tarantino e Roth), ma che non mi pare voglia strafare. Un omaggio piuttosto ad un certo tipo di cinema e ad un genere che resterà prerogativa di pochi. A copiare, anche con il permesso, non sempre si riesce ad ottenere i migliori risultati. Secondo me a RZA bastava il cinque e lo ha ampiamente conquistato. Per forza, la mancanza dei dialoghi di un certo spessore si sente. Insomma se un fan di Tarantino si dà al cinema, non crea per forza una boiata.

Nessun commento: