sabato 31 ottobre 2015

Juventus 2 - Torino 1

La volta scorsa abbiamo perso, ed erano passati venti anni dall'ultima sconfitta. Questa volta siamo andati vicino all'ennesima figura di merda di quest'anno. Ma, al di là del risultato (di cui godo come un matto) diciamo pure che non ci siamo meritati questa boccata di ossigeno. Tre punti d'oro che valgono la sopravvivenza in una stagione al momento disastrosa, venuti fuori all'ultimo secondo. Sotto gli occhi di tutti le difficoltà della squadra (ormai le scuse sono terminate) nel creare gioco, nell'andare avanti in verticale, nel velocizzare il gioco. Imbarazzante, da film dell'orrore, l'incapacità oggettiva di essere mai pericolosi su di un calcio d'angolo, in contrapposizione invece ai pericoli che subiamo quando sono gli altri alla bandierina. La traversa colpita nel finale non sarebbe bastata come alibi legato alla sfortuna. E neanche l'infortunio di Khedira nei primi minuti di gioco: qui c'è qualcosa di oggettivo che non va. Confusione e mancanza totale di idee. A parte questo buoni sia Pogba che Hernanes, mentre il resto è quasi buio completo. Insisto sugli aspetti negativi, visto l'improvviso ed insperato cambio di risultato, ma intanto una l'abbiamo agguantata. In termini di classifica era vitale una vittoria, sebbene le posizioni guadagnate siano praticamente inesistenti, ed il lavoro maggiore in futuro dovrà essere fatto sul gioco, sulla scelta di undici giocatori che vadano avanti e facciano la partita. E' che la fiducia adesso è difficile darla a qualcuno, anche dei senatori. Torino bianconera. Dolcetto per noi, scherzetto per voi.

Nessun commento: