venerdì 7 ottobre 2022

Elba: non solo spiagge #16

Ecco mi di ritorno all'Elba, che nella pratica e nella sostanza è come una seconda casa (quindi per il Segugio: non conta come gita). Oggi ho voluto provare un'impresa eccezionale, ovvero cercare di fare un lungo anello partendo da Rio Elba che toccasse anche Rio Marina ed il suo affascinante Parco Minerario. Ecco come è andata ed i sentieri che ho scelto via, perché qui è l'unico posto in tutto il mondo dove la gente recita sentieri segnati o addirittura strade. Comunque polemiche a parte (che tanto scavalco e se mi faccio male vi denuncio), sono partito dal cimitero di Rio Elba e sono sceso fino a quello di Rio Marina. Da qui per non passare dai campi e dagli orti ho preso una parte di asfalto della strada della Chiusa che mi porta in paese. Risalgo su sterro per prendere i sentieri CAI in prossimità del Parco Minerario ed inizio così il lungo anello sopra le miniere. Inizialmente avevo deciso di farlo più breve tagliando subito verso la costa, ma la parte panoramica mi piaceva ed anche entrare nella macchia per arrivare al Laghetto Rosso delle Conche. Ancora strada sterrata fino a sbucare sopra Cala Seregola ed un paio di curvoni in asfalto. Una volta giunto in prossimità della spiaggia dei Topinetti però mi ributto nella macchia seguendo un sentiero per mbk e rientro nel Parco Minerario. Esco infine direttamente a Rio Marina ed invece di percorrere tutta la Via dell'Amore fino alla spiaggia di Ortano, ne seguo solo l'inizio e poi prendo direttamente per Montefico. Questa parte sui due Rio mi è nuova così in alto. Aggiro il colle (e le barriere architettoniche) e riuscendo verso la parte finale di Ortano per poi ricollegarmi a Rio nell'Elba tramite la Valle dei Mulini. Si è trattato di un bel percorso di circa 25km con +800 metri, molto equilibrato. Alla fine l'asfalto sarà stato solo un 20% compreso quello inevitabile all'interno dei paesi. Un giro vario che consiglio a tutti coloro che vogliono vedere diversi scorci poco conosciuti di questa parte dell'isola. 
 

Nessun commento:

Posta un commento