martedì 1 aprile 2014

Halloween 5 - La Vendetta Di Michael Myers (1989)


Regia: Dominique Othenin-Girard
Anno: 1989
Titolo originale: Halloween 5: The Revenge Of Michael Myers
Voto: 4/10
Pagina di IMDB (5.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon
 
Solita storia, ormai abusata e stuprata nei temi fondamentali per raccontare le paurose (sic.) gesta di Michael Myers, nato nelle Highlands e facente parte del clan MacLeod. Ah no, scusate ho fatto confusione. Già. Comunque il cattivo di turno qui col cavolo che fa paura, ormai è diventato quasi una mascotte, un po’ come appunto il Freddy Krueger della serie Nightmare.  Se il finale del 4 poteva anche starci, con la bimba cattiva, qui hanno cercato troppo di crearle una scusante per farla tornare buona, simpatica e vittima. Una redenzione che non ha senso a mio avviso. Inoltre ha solo ferito la matrigna… ma dai. Ma torniamo a Myers. Crivellato di pallottole, non si sa come sopravvive, rotola nel fiume scampando ad una bomba (questo capitolo inizia dalla fine del precedente) e si rifugia nella capanna di un vecchio pescatore. Qui verrà curato, presumibilmente in coma, ed esattamente un anno dopo, cioè ad Halloween si sveglia e fa fuori chi lo ha salvato, così va a caccia di sua nipote. Fa una serie di stragi nonostante credo sia l’assassino più impacciato ed impedito della storia. Ma che importa? Tanto anche se gli spari non muore. Ad arricchire la trama c’è il legame pseudo telepatico che lega il cattivone alla dolcissima e buona (ora) Jamie. Invece Loomis, sempre più malridotto ormai l’ha presa sul personale, e non ci sta. Povero vecchio, le prova di tutte, e fortunatamente anche le altre comparse (i poliziotti) lo stanno ad ascoltare, un po’ come fosse Trapattoni. Pieno rispetto per lui, ma Myers è più furbo. O più forte. O più fortunato. Insomma riesce sempre a fare una carneficina (anche Rachel viene tagliuzzata). Anche qui il finale lascia spazio e tempo per poter continuare la serie visto che il suo Robin lo libera. Grande, nel prossimo forse ci saranno gli gnomi o i folletti. Di buono c’è qualcosa: fila tutto veloce, finalmente non ha la maschera per un breve periodo e ci sono abbastanza morti. Da guardare per continuare la collezione. 

Nessun commento: