lunedì 21 novembre 2011

Damon Knight - Il mondo e Thorinn


Autore: Damon Knight
Editore: Urania
Pagine: 160
Voto: 1/5
Pagina di Anobii

Trama del libro:

Una delle più gradite sorprese riservateci negli ultimi anni è il ritorno alla fantascienza di Damon Knight, il cui talento di narratore non si è per nulla appannato col tempo: Il mondo e Thorinn è forse il romanzo più brillante che abbia scritto dopo Il lastrico dell'inferno. Giovanotto alle prime armi, Thorinn si getta a capofitto (é proprio il caso di dirlo) in un viaggio di ricerca che lo porta a scoprire l'autentica realtà del mondo in cui vive. Ed ecco, in un ideale sommario, le principali avventure di Thorinn alle prese con i misteri della sua terra: 1.Scopre di non essere il figlio di suo padre e precipita nel Mondo di Sotto; 2."Cade" in Paradiso e si accorge quanto sia più facile entarvi che uscirne; 3.E' ospite di un branco di demoni e li ripaga di egual moneta; 4.Viene fatto prigioniero su una macchina volante che lo porta sempre più giù nel Mondo di Sotto; 5.Infine, si vede offrire il mondo a un certo prezzo e scopre... il suo vero nome. Non perdete questo romanzo! 

Commento personale e recensione:
Si fa fatica a leggerlo. Un'enorme fatica. Soprattutto se ti aspetti un libro di fantascienza e scopri essere praticamente un fantasy. E di quelli noiosi, neanche scritti bene. Per fortuna è corto, altrimenti mi avrebbe infognato alla grande. Stucchevoli oltre modo alcune parti, molte, in cui sembra di assistere ad un gioco di ruolo per pc degli anni '80. Un'avventura grafica in cui meccanicamente si devono svolgere sempre le solite operazioni per passare l'ostacolo. La struttura può essere la medesima de Il lastrico dell'Inferno, ma con questo non ha niente a che spartire. La ricerca e la scoperta del mondo reale, arrivano in maniera categoricamente casuale e scontata. Le descrizioni sono confusionarie e si fatica a capire cosa realmente intenda l'autore. Spesso ci si rinuncia, tanto si sa dove vuol andare a parare. Ad esclusione di uno sterile elenco di avvenimenti e situazioni, non c'è altro.

Nessun commento: