domenica 5 ottobre 2014

Fast & Furious 5 (2011)


Regia: Justin Lin
Anno: 2011
Titolo originale: Fast Five
Voto: 6/10
Pagina di IMDB (7.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Sebbene sia l'ennesimo della stirpe dei Fast And Furious, e per la precisione il quinti, è il mio preferito. Tanto per cominciare assistiamo ad una reunion mastodontica del cast: accanto a Toretto (Vin Diesel) ed O'Conner (Paul Walker) abbiamo Mia (Jordana Brewster), Roman (Tyrese Gibson), Tej Parker (Ludacris), Han (Sung Kang), Vince (Matt Schulze) e l'agente Hobbs (Dwayne Johnson). Insomma, una sacco di nomi, un sacco di protagonisti, e tutti ben miscelati per il giusto commando e giusta dose di divertimento. Già perchè le corse con le auto non sono accantonate nel peggiore dei modi, ma si amalgamano alla perfezione in un thriller dalla trama sì esagerata e pirotecnica, ma anche adrenalinica ed impressionante. Il pezzo forte resta Vin Diesel, ma questa volta ben coadiuvato da Walker e da The Rock. C'è il giusto spazio per tutti e tre, da dividere poi anche con i comprimari che si ritrovano a gestire molto bene ogni situazione. Tutto quanto è garanzia: si cerca un certo tipo di azione in cui donne e motori non portano solo gioie e dolori? Ecco che l'ennesima bravata di Vin Diesel ci fa rilassare sul divano a goderci le sue rocambolesche fughe in auto, i suoi piani azzardati e sempre più esagerati, le sue scazzottate che lo vedono primeggiare anche con un maestro del wrestling. Questa volta inoltre il salto in un'altra città non americana (vedi la terribile prova in Giappone) è azzeccata: Rio riesce a stuzzicare l'interesse, e come location per la malavita e le corse non è davvero niente male. L'intrattenimento viaggia sulle gomme incandescenti delle auto guidate da tutti i nostri eroi, ma si dipinge anche di un interessante elemento "rapina" che lo rende molto accattivante. Effetti speciali sbalorditivi ed un'improbabile, ma indubbiamente magnifica, fuga per le strade brasiliane con una caveau d'acciaio trainato dalle auto è senza dubbio da applausi. Gli sceneggiatori non hanno certo paura di osare troppo. Da vedere, per gli amanti della serie o dell'azione pura.

Nessun commento: