sabato 26 novembre 2011

Michael Connelly - L'ombra del coyote


Autore: Michael Connelly
Editore: Piemme
Pagine: 416
Voto: 3/5
Pagina di Anobii

Trama del libro:

La vita di Harry Bosch è un disastro. La sua casa sulle colline di Los Angeles è condannata alla demolizione. La sua donna l'ha lasciato. Ed è stato sospeso dalla polizia. A Bosch non resta che dedicarsi a un'indagine personale che da tempo lo ossessiona. Non si tratta di un delitto qualsiasi: la giovane vittima era sua madre. Mentre la sua vita sembra andare a pezzi, Bosch capisce di dover fare i conti con il passato. Ma c'è qualcuno disposto a tutto, anche a uccidere, pur di impedirgli di scoprire la verità.


Commento personale e recensione:

Forse il migliore Bosch letto fino ad ora. L'antipaticissimo detective in questo racconto si salva un po'. Non so se per il fatto di essere fuori dalla polizia e cercare di svelare il mistero di un cold case personale, o per il fatto che Connelly abbia alleggerito un tantino l'arroganza del personaggio. La battaglia portata avanti da solo, contro tutti, questa volta è plausibile e vengono anche aperti alcuni cassetti della memoria che ci fanno capire meglio il carattere di questo poliziotto un po' farabutto. Se risponde male a qualcuno o dà in escandescenze e gli mette le mani addosso, può anche andar bene. Addirittura fuma anche un po' meno rispetto alle avventure precedenti. Al di là della mia Boschfobia, la trama è interessante e fluida. Troppo rimaneggiata nel finale: dobbiamo subirci un paio di colpi di scena di cui avrei fatto anche a meno. Sono infatti meno realistici rispetto alle piega presa, ma niente di sconveniente. Un buon thriller.

Nessun commento: