giovedì 12 giugno 2014

After Earth (2013)


Regia: M. Night Shyamalan
Anno: 2013
Titolo originale: After Earth
Voto: 4/10
Pagina di IMDB (5.0)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Avevo già letto critiche negative a riguardo, quindi nessuna sorpresa e non mi strappo certo i capelli. Tanto la fantascienza o viene fuori bene o viene fuori male, peccato solo per la scelta fatta da Will Smith per lanciare suo figlio Jaden. Ora, non voglio stare a puntare il dito contro il piccoletto, più che un demerito suo il problema credo sia nella scelta del personaggio, apatico (anche se all'interno del film sarà una qualità vincente questa), sconclusionato, non riesce a darti un'emozione che sia una. Tra l'altro lo abbiamo visto già in altre pellicole, ma proprio in questa doveva fare il protagonista? Francamente ho visto prove di gran lunga peggiori della sua, che però avrebbe potuto continuare a fare un'altra po' di gavetta senza questo immenso spot pubblicitario a se stesso, sponsorizzato dal padre: anche lui non brilla tra una faccia stanza ed una sofferente, facendoci credere di essere un militare tutto d'un pezzo. La gente però si ricorda che quegli orecchi a sventola, montavano sulla testa del Principe di Bel Air, quindi appunto è proprio come avevo iniziato a dire: la bassezza della recitazione, penso che si possa ritrovare nella pochezza della sceneggiatura, la quale inizia in maniera fin da subito troppo approssimativa, mostrandoci mille anni in una manciata di secondi. Poi è il degenero della noia e della mancanza di un qualcosa di importante. La Terra, i mostri che annusano la paura, le super tute (che però non bloccano i feromoni) ganzette ed un po' di bei paesaggi. Nulla più. Negli unici due punti in cui la trama potrebbe bloccarsi, ecco che entra in scena il fantastico, l'impossibile, l'assurdo. O comunque qualcosa che non c'entra assolutamente nulla. Sto parlando dell'aquila, che per ben due volte interagisce con Jaden, esattamente quando è in difficoltà. Ed anche le difficoltà sono create ad hoc: prima abbiamo una "imprevedibile" planata con la tuta di Patrick De Gayardon che lo vede scontrarsi con l'uccellone e venire magicamente portato nel proprio nido. Per fare che? Suvvia, state seri. La seconda volta vediamo nel giro di secondi che la foresta (sempreverde) si ghiaccia, e la solita aquila si prende cura del bimbo creandogli un riparo (antighiaccio). Ad ogni modo è più gentile il pennuto che il babbo, che tratta il figlio sempre senza alcun rispetto e con un rigoroso affetto militare. Alla fine il bimbo smette di avere paura, forse si è già cacato addosso, durante lo scontro finale con la bestiaccia aliena e la sconfigge. E' un film patetico, senza colpi di scena, con una fotografia accettabile, ma un'ambientazione che non aiuta gli odierni effetti speciali.
Il bluray è masterizzato con qualità a 4k, visto che oggi sempre più prodotti che ne permettono la riproduzione sono sul mercato. La qualità quindi (io però ho un "semplice" full hd) è veramente molto buona, anche se le scene eccelse si contano sulle dita di una mano. L'audio, anch'esso poco sfruttato, è un ottimo DTS HD Master Audio. Gli extra sembrano molti, ma sono poco corposi (tra parentesi la durata in minuti):
  • A father's legacy (9)
  • Alternate opening (2)
  • Building a world (12)
  • Pre-visualizing the future (6)
  • The animatics of After Earth (9)
  • 1000 years in 300 seconds (5)
  • The nature of the future
  • pubblicità

Nessun commento: