venerdì 10 ottobre 2014

Prometheus (2012)


Regia: Ridley Scott
Anno: 2012
Titolo originale: Prometheus
Voto: 8/10
Pagina di IMDB (7.1)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Prometheus è una sorta di spin off di Alien che funge da prequel della saga , iniziata nel 1979 dallo stesso Ridley Scott. Che dire: non può eguagliare i primi due capitoli visti, ma si avvicina molto, almeno per i miei gusti personali, a ciò che un ottimo film di fantascienza dovrebbe avere. Una struttura imponente, effetti speciali sensazionali, una trama intrigante e curiosa. Forse è proprio questo ultimo fattore ad essere il più debole, ma riconosco la grandiosità delle aspettative create e l'intento che non è solo quello (facile da pensare) di versare milioni di dollari su di un progetto per incassarne altrettante vagonate. Prometheus è un coraggioso ritorno al passato che fa sì leva sugli afecioandos incalliti, ma che inserisce numerosi spunti di riflessione (ok, non tutti sono sviluppati alla perfezione, ma è comunque un film di due ore, non di dieci) che catturano inevitabilmente l'interesse. La sostanza è quella che ci aspettiamo da un prodotto del genere, e la forma è decisamente da applausi, soprattutto nella ricostruzione della missione, dell'equipaggio e dell'evolversi di una scoperta che può definirsi LA scoperta. Inoltre, ed apro una piccola parentesi, l'approccio alla razza aliena in questione mi ricorda leggermente alcuni libri di Richard K. Morgan e Dan Simmons , che ho divorato in questi anni. Anche per questi motivi, quindi non posso esimermi dal lodare il lavoro certosino eseguito da Scott e sopratutto al sua voglia di (ri)creare un'ambientazione con forti richiami ad un tipo di fantascienza pericolosa da seguire perchè anche troppo utilizzata. Lui evidentemente può, ci riesce e lo fa in grande stile. Non abbiamo, e mi sa che non avremo mai più una Sigourney Weaver eroina d'altri tempi, ma Noomi Rapace si difende bene. Forse pecca proprio in alcune scene che prevedono un diretto confronto con la protagonista di xx anni fa. A parte questo è un film da vedere, per gli appassionati sicuramente, per gli altri altrettanto importante per poter apprezzare le decine di scene d'azione che si alternano a quelle più puramente di stampo filosofico morale, in cui vengono fuori interrogativi non di poco conto, sulla nostra esistenza, sulle religioni, sugli esseri superiori che comunemente prendono il nome di "dei". La versione bluray è quella in disco singolo che presenta un'ottima fattura video ed un comparto audio strepitoso, sebbene per la lingua italiana sia previsto "solo" un DTS 5.1 che è davvero da brivido. Gli extra non sono molto corposi purtroppo:
  • 2 tipi di commenti
  • Scene estese o tagliate (37 minuti con la possibilità di avere il commento di Pietro Scalia, il montatore)
  • The Peter Weyland files (19 minuti)
  • Prometheus Weyland Corp. App (qui la versione per Android) che dà la possibilità di utilizzare lo smartphone o il tablet come un monitor alternativo durante la visione del film. Per funzionare (ed installare l'applicazione) dovete avere il device collegato alla medesima rete a cui è collegato il lettore BD
  • Contenuti online (non disponibili per il nostro Paese)

Nessun commento: