domenica 25 ottobre 2015

MotoGP 2015: Sepang (Malesia)

Niente sport oggi, solo tifo. Della gara e del terzo posto conquistato sulla pista non parlo. Tanto il fatto sotto la lente di ingrandimento è solo uno: la caduta di Marquez. Da oggi so bene chi non tifare una volta che Rossi non sarà più impegnato nelle piste. Il bimbominkia si è rivelato per quello che Vale ha espresso giovedì in conferenza stampa. Palese. Basta riguardare i primi giri in Malesia per averne conferma. Volontarietà e dolo, una gara fatta esclusivamente per danneggiarlo. Mio punto di vista sul ginocchio. Quella curva è stata presa larga da Rossi, che ne ha tutto il diritto essendo davanti, Marquez si appoggia ben due volte, ed il ginocchio viene in fuori (volontariamente) mentre sempre Rossi è davanti e con contatto già eseguito due volte. Ora, sono tutti discorsi da bar, anche i miei, ma credo per correttezza non tutti possano parlare o scrivere. Perchè non tutti hanno seguito ogni gara del MotoGP e non ne conoscono le dinamiche. Non tutti hanno ascoltato le interviste, visto i movimenti durante le qualifiche, osservato nel complesso questa gara in Malesia. La cattiva fede di Marquez è netta, è certa: il suo obiettivo era non far vincere il mondiale a Vale, ed è palese. Lo dicono alla Suzuki come alla Ducati. Il fallo di reazione c'è stato, ma credo che in pista, a velocità normale, sia da considerarsi una legittima difesa. Forse eccessiva in condizioni normali, ma qui le condizioni normali non c'erano. Il comitato (Lorenzo è entrato piangendo come una fichetta) ha deciso di penalizzare Rossi facendolo partire ultimo nella griglia di partenza a Valencia. In pratica campionato finito. Puoi dire tutto quel che vuoi, scommetto che oggi la gara sarà nell'essere anti conformista per dire che Rossi ha sbagliato. Facile. E scorretto. Va visto tutto, nel complesso.

Aggiornamento:

Come previsto, sui social si è scatenato l'inferno. Un po' come quando danno gli europei di Basket e tutti diventano intenditori, senza neanche conoscere le regole. O come quando al palio si scazzottano e tutti vogliono dire la propria. Sacrosanto, ci mancherebbe. Basterebbe farlo, accettando il fatto che le opinioni nascono dall'esperienza su di un determinato argomento. E se l'argomento è il panem della giornata allora avanti a parlarne. Ad oggi comunque i tre protagonisti, nel bene e nel male hanno fatto i seguenti risultati:

Rossi: 4 volte primo, 3 volte secondo, 8 volte terzo (312 punti)
Lorenzo: 6 volte primo, 3 volte secondo, 3 volte terzo (305 punti)
Marquez: 5 volte primo, 3 volte secondo (222 punti)

Tutto molto combattuto, ed una partenza dall'ultimo posto nell'ultima gara è una cosa estremamente penalizzante. Corrono in venticinque...
Andrà come andrà, ma resta uno dei mondiali più combattutti degli ultimi dieci anni, peccato sia stato sciupato.

Nessun commento: