sabato 5 aprile 2014

Takedown (2000)


Regia: Joe Chappelle
Anno: 2000
Titolo originale: Track Down
Voto: 5/10
Pagina di IMDB (6.3)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Takedown (o Hackers 2 o Track Down) è un film storico, biografico, abbastanza realista, basato sul libro di Shimomura e Markoff che racconta in parte alcune vicende dell'hacker più famoso del mondo: Kevin Mitnick. Ovviamente il tutto è un po' romanzato, ed il punto di vista del racconto è quello di chi ha permesso la sua cattura da parte dell'FBI, ma non per questo la sua leggenda viene in qualche modo deturpata di una qualche luce. Il personaggio resta mitico, soprattutto per chi già ne conosce le gesta o sa anche a grandi linee chi fosse e cosa avesse fatto. Un po' meno per tutti gli altri, visto che la pellicola stenta a decollare, nonostante la trama sia avvincente e piena di tensione. Alcuni passaggi sono male spiegati (nel libro o altrove su internet è possibile apprezzare meglio gli avvenimenti) e portati avanti in maniera frettolosa. Questo è però inevitabile se vogliamo avvicinarci alla realtà e farlo con realismo. Spesso il cinema dipinge il mondo informatico, degli hacker e dei software in maniera abbastanza ridicola e superficiale per accentuarne una spettacolarità che magari non esiste: sistemi operativi inesistenti che controllano altre macchine magari neanche connesse alla rete, virus (che ti avvisano con il logo della morte) che fanno esplodere i monitor, ragazzetti che in trenta secondi con un MacBook Pro entrano nel "sito" della CIA e scaricano terabyte di informazioni sul telefonino in un batter d'occhio, file top secrete dell' NSA decriptati tirando a caso una password. o computer distrutti lanciando monitor e tastiera fuori da una finestra. Insomma spesso, non sempre ok, ma spesso ci prendono per il culo e noi fingiamo che vada tutto ok. Qui la situazione è differente, ma manca una profondità d'azione che sarebbe certo stata gradita. Poi certo, ragioni cinematografiche per riadattare qualcosa dal libro va bene. Ho la versione DVD e non ricordo se era il corredo di qualche rivista di informatica. La resa video è buona e possiamo godere di un audio Dolby Digital 5.1. Graficamente il menù non è male con una sorta di cartelle in stile Windows 3.1 mentre i contenuti extra presenti sono soltanto didascalie scritte come la trama, la biografia del regista ed altre cose più o meno inutili.

Nessun commento: