lunedì 6 settembre 2010

Un po' di successo per Twitter

Finalmente Twitter sta crescendo. In Italia non ha avuto molto successo, surclassato da Badoo prima e da Facebook poi. A me invece è sempre piaciuto come servizio, ed il mio account è stato creato diverso tempo prima rispetto a quello di facebook. Il fattore principale sta nel suo "anonimato" ovvero nell'utilizzo di nickname invece che nome e cognome propri. Fin dal mio primo utilizzo della rete mi son sempre sentito a mio agio nell'utilizzare pseudonimi e nell'interagire con altri avatar.
Poi Facebook ha fatto la sua prepotente entrata e da allora molte cose sono cambiate. Su twitter però riesco a seguire meglio i cinguettii di "amici" della rete o notizie che mi interessano. Può infatti essere usato sia per interagire sia come aggregatore di notizie. E' inoltre molto più immediato e con molti meno fronzoli, ma al tempo stesso offre numerosi servizi. Leggo da Punto Informatico che negli utlimi quattro mesi c'è stato un incremento di utenza del 40%. Numeri da capogiro. Una forte spinta è stata data dall'utilizzo degli smartphone. Infatti come dicevo l'immediatezza la fa da padrona e mentre passeggiamo, siamo al amre o al ristorante, aggiornare il proprio staus di twitter è cosa velocissima. Tanto più che molti servizi per smartphone permettono di aggiornare sia FB che Twitter. E' quindi automatico una volta persi due minuti per creare l'account, far parte della schiera di coloro che cinguettano. Per quanto mi riguarda è circa un annetto che avevo smesso di aggiornare il mio status direttamente dal sito. Utilizzavo solo degli aggiornamenti automatici per Blogspot e per Anobii mentre adesso ho ripreso il via ad utilizzarlo in modo pieno proprio grazie a Friend Stream su HTC Desire.

2 commenti:

Ale- ha detto...

è che in Italia Twitter ha stentato a interfacciarsi con il sistema degli SMS. in USA indipendentemente dall'avere o meno una connessione dati, via SMS si può tweetare e ricevere tweet, cosa che lo rende versatilissimo e utile anche dove la copertura dati stenta.
da noi nessun gestore telefonico s'è preso la briga di fornire il servizio, e tweetare dal pc resta una cosetta di poco significato.

al contrario, Wind fornisce accesso allo status di facebook gratuitamente e forwarda via sms, sempre gratuiti, gli update delle persone che vogliamo e le altre notifiche che scegliamo. Si può anche updatare lo status di FB via SMS, ma solo con Wind.
Io l'ho attivato, non costa nulla, è utile e piacevole.

Ecco spiegato il motivo del poco successo di Twitter in Italia.

Oggi che la connessione mobile ce l'hanno in tanti c'è il boom, ma si tratta di un utilizzo deforme di una tecnologia a cui invece basterebbe pochissimo... Basta pensare all'uso che ne è stato fatto in paesi con difficoltà di comunicazione, per censura, guerra o altro. Magari la connessione dati lì non ce la fai a farla, ma un SMS lo mandi comunque.
Se il gestore però ti impedisce di avere un'interfaccia, beh, blam. siamo del gatto :-)

Jack O. Lyroid ha detto...

Io ho ancora in rubrica il numero per aggiornare via sms il tweet. Lo ho usato massimo una decina di volte, visto che è un numero inglese, quindi tariffato differentemente e poco conveniente per questo assurdo motivo.