sabato 25 maggio 2019

Villa Bosniaski e l'Eremo della Spelonca - Concerto last minute

Dopo tanti mesi rieccomi ancora una volta assieme a Capaerrante. E' praticamente la prima GAE con cui volontariamente ho fatto un'escursione e che mi ha spalancato un cancello verso un mondo nuovo. I suoi eventi hanno sempre un che di particolare, grazie anche al fatto che i RadiCanti, di cui fa parte, spesso si esibiscono donandoci assaggi di tradizione popolare cantata. Un'esperienza che consiglio a tutti. Oggi siamo partiti da San Giuliano Terme in una semplice camminata che risale il Monte Castellare fino a giungere a Villa Bosniaski, la cosiddetta Villa del Polacco, per poi arrivare, passando dal crinale del monte fino all'eremo della Spelonca. Bella l'escursione, bello il concetto, bella la compagnia. Ed il clima estivo fa intendere cose belle per tutta la giornata.

Album fotografico Villa Bosniaski e l'Eremo della Spelonca

giovedì 23 maggio 2019

Dead Man Walking - Condannato A Morte (1995)



Regia: Tim Robbins
Anno: 1995
Titolo originale: Dead Man Walking
Voto e recensione: 7/10
Pagina di IMDB (7.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Ora di religione: propongono sto coso, a mio avviso smielato, buonista e perbenista contro la pena di morte, ancora prima di vederlo. Cambio già idea, e da giovani è ancora più difficile farlo, durante la visione. Oggi lo considero un grande film. Giustamente equilibrato, drammatico, toccante, ok spinge in una certa direzione, ma le parole che lo descrivono sono quelle di Helen Prejean, la protagonista del romanzo autobiografico da cui Tim Robbins prende spunto. E’ una suora ed ha vissuto in prima persona la vicenda. Tutto normale quindi, equilibrato appunto. Non è una di quelle storie a senso unico in cui il bene e le emozioni positive aleggiano candide per colpire lo spettatore. Il condannato a morte è un farabutto. Probabilmente merita la fine che farà con l'iniezione letale per alcuni, mentre per altri sarebbe più giusto ed equo condannarlo all'ergastolo. Non è solo questo il punto: l'idea della pena di morte è un'idea di punizione mentre tutto il cast e la sceneggiatura fanno leva sulla tangibilità emozionale di una storia vera, che colpisce nella sua drammaticità. Una drammaticità in cui religione, giustizia, morale e sentimenti svolgono ruoli fondamentali. E tutti riescono nel loro intento.

Edizione: bluray
Versione decisamente scarna con disco che prevede traccia audio italiana soltanto in stereo e come extra abbiamo:
  • commento audio
  • trailer

martedì 21 maggio 2019

Ride (2018)

Regia: Jacopo Rondinelli
Anno: 2018
Titolo originale: Ride
Voto e recensione: 4/10
Pagina di IMDB (5.4)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Sì, è italiano. Anche se sembra straniero. Non che l’una o l’altra nazionalità debbano sancire la riuscita o meno del film, ma generalmente è difficile vedere le produzioni nostrane orientarsi su questo tipo di prodotto. Rondinelli utulizza una sceneggiatura che non è proprio originale, anzi: prende un po’ qua e un po’ là da diverse altre pellicole. Alcune volte lo fa in maniera intelligente, altre scade un po’ nel soporifero. E’ un thriller d’azione con diverse scene di sport estremo, e purtroppo, e onestamente hanno rotto un po’ il cazzo, hanno girato in modo che possa essere un mockumentary. La maggior parte delle scene infatti le visualizziamo attraverso le GoPro (o presunte tali), le camere dei cellulari, le webcam e così via. La musica vorrebbe essere adrenalinica, ma ci riesce in parte, soprattutto nella parte iniziale, e quasi mai durante le corse in bicicletta. La trama beh, sì è accattivante in alcuni momenti, ma mentre mi aspettavo qualcosa in stile The Game, poi scade nel sensazionalistico film da setta segreta con pazzi ricconi che pagano per divertirsi vedendo morire i partecipanti. Ops, un mezzo spoiler. Non vi ho rovinato molto dai. Resta il fatto che la produzione non mi è dispiaciuta in modo totale e si passano cento minuti in maniera piacevole s non si hanno pretese

Edizione: bluray
Nientepopodimenoche Exclusive Edition. La fattura dell’amaray è bella solida, l’artwork usato per la cover non è il top per i miei gusti. Traccia audio originale italiana in DTS HD MA 5.1 , buonissima la resa video, sporcata soltanto dal modo in cui è girato. All'interno abbiamo anche  un booklet a colori di 10 pagine, 2 card ed 1 game card. Gli extra sono:
-          2 teaser
-          Trailer
-          Behind the ride (58 inuti)
-          Into the rideverse (14 minuti)
-          The sound of riders (12 minuti)
-          Rideviews (26 minuti)
-          Ride Level 0 (il fumetto)

domenica 19 maggio 2019

Juventus 1 - Atalanta 1

Festa scudetto. L'ottavo consecutivo, il numero 37 in assoluto. La partita ufficiale in cui c'è l'addio di Barzagli, un grande uomo a cui dobbiamo molti successi, un uomo fondamentale per una delle difese che in questi anni ci hanno fatto vincere qualcosa di probabilmente irripetibile. E' anche l'addio di Allegri, che ringraziamo per gli undici trofei vinti nei suoi cinque anni di panchina. Ma dobbiamo già pensare al futuro, alle nuove sfide ed alla possibilità di imporci ancora una volta, in Italia come all'estero. Questa partita è stata bella per le emozioni e gli addii, non tanto per il gioco o il risultato. Complimenti comunque all'Atalanta che sta per terminare un ottimo campionato che forse la vedrà addirittura qualificarsi per la Champions, e complimenti a tutti i giocatori juventini che nonostante la mancanza di motivazioni hanno cercato di ribaltare il risultato e ci hanno provato, nonostante un gioco non sempre brillante. Però vabbeh, campionato vinto un mese fa, e l'ottavo consecutivo per giunta. Il resto sono chiacchiere. Irraggiungibili!!!

Elba: trekking alla miniera del Vallone, con Verdura Trekking

Dopo la giornata di ieri mista tra solitaria ed in gruppo, oggi raggiungo i ragazzi di Verdura Trekking che già stanziavano sull'isola, ma a cui non mi ero ancora aggregato. Già però nel corso di questi mesi ho avuto modo di seguirli via social e segnarmi a questa escursione che come tema aveva le miniere di ferro dell'Isola d'Elba. Purtroppo, come ormai capita da un mese abbondante, le previsioni meteo del fine settimana sono alquanto negative, ma anche in questa occasione siamo stati baciati dalla fortuna. Partiamo dalla splendida spiaggia dell'Innamorata, ambitissima meta estiva, oggi deserta e da qui seguiamo il sentiero che ci porta lungo il promontorio fino a raggiungere l'ex miniera del Vallone. Come ho già avuto modo di ammirare in passato, le miniere elbane anche se ormai dismesse sprigionano un certo fascino. Sia storico che paesaggistico. Le aree abbandonate raggiungono la costa dove il ferro veniva caricato sulle imbarcazioni e molto di questa attività ancora oggi resta a disposizione dei curiosi e dei turisti che possono godersi un panorama senza eguali con Pianosa, Montecristo, il Giglio e l'Argentario in lontananza, ma la spiagge ferrose e la macchia mediterranea proprio ad un passo da noi. I sentieri scelti da Fabio sono semplici, ma caratteristici e riescono, con un percorso ad anello a farci ammirare grandi porzioni di territorio ed a passeggiare allegramente con un gruppo poco numeroso, ma ben preparato.

Album fotografico Elba: trekking alla miniera del Vallone

sabato 18 maggio 2019

Elba: non solo spiagge #8

Questo ritorno all'Elba è stato caratterizzato da un meteo negativo ed altalenante che però non mi ha scoraggiato. Passata la paura per il diluvio notturno, l'allerta meteo gialla in corso e le nubi minacciose parto via Volterraio nebbioso per la colazione a Portoferraio. Da qui la direzione è il percorso dell'Enfola: semplice, ma caratteristico ed affascinante fino alla costa passando per i bunker della Guerra e proseguendo nella tipica macchia mediterranea. Per il pomeriggio ho in programma invece un'escursione del Walking Festival 2019 che parte da San Piero. Visita al Museo Mineralogico e partenza per Grotta d'oggi in un percorso non proprio alla portata di tutti. Specie di chi crede di essere all'Ikea di Como o alla palestra fashion di Milano. Insomma statevene a casa sul divano. Vediamo inoltre un vecchio mulino, ormai diroccato, ma una bella esperienza per posti a me sconosciuti.

Album fotografico Elba: non solo spiagge #8

L'approdo dell'Elba, Rio Marina #2

Eccoci nuovamente qui. L’Approdo dell’Elba, a Rio Marina è stato il primo ristorante che ho provato con TheFork. Circa un anno fa e con risultati così buoni che oltre che convincermi ad utilizzare questa applicazione, mi hanno anche dato modo di riprovarlo questa sera. Invece del 25% di sconto come la prima volta, abbiamo un 20% che riesce comunque ad alleggerire il conto. Arrivo in orario, due piacevoli chiacchiere con il proprietario, la sala è praticamente vuota. Purtroppo la stagione tarda ad ingranare per colpa del meteo, ma l'ambiente è accogliente. Menù alla lavagna, diverso da quello dello scorso anno. Quindi crostone di tonnino, ben saporito e completo, ma onestamente non eccezionale. Come primo la calamarata, piatto forte del 2019. Ed è forte davvero. Buono, abbondante, ben cucinato. Da consigliare. Acqua, amaro, niente vino e niente caffè. Totale prezzo con sconto 24€.




Se utilizzi questo codice puoi avere già dalla prima prenotazione 1000 yums, pari a 20 euro


giovedì 16 maggio 2019

Il Grande Dittatore (1940)




Regia: Charlie Chaplin
Anno: 1940
Titolo originale: The Great Dictator
Voto e recensione: 8/10
Pagina di IMDB (8.5)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Questa volta ho davvero troppo poco da dire, e so che così è semplice, ma è la realtà: come faccio a recensire un'opera di tale valore senza rischiare di sminuirla? Oddio, sarebbe un po' da stupidi o ci vorrebbe diverso impegno, a pensarci bene. Questo capolavoro del 40, è una di quelle opere satiriche che possono definirsi coraggiose, oltraggiose, mature ed irriverenti. Giustamente peraltro. Significativamente profondo senza scadere nella banale lezione di moralità. Neanche con il commovente discorso finale. Discorso rivolto all'umanità che acquista un valore di assoluto rispetto considerando il periodo in cui è stato girato il film.

Edizione: bluray
Certi lavori è giusto che esistano in bluray e rimasterizzati con questa qualità. Il bianco e nero è privo di graffi e rumori di fondo, leggermente discontinuo in alcune scene, ma il lavoro è davvero ben fatto. Pulito insomma. La taccia audio italiana pure è rimasterizzata in DTS HD MA stereo, mentre quella originale è addirittura multicanale. I contenuti extra:

  • Chaplin Today (26 minuti)
  • Le riprese girate a colori (26 minuti)
  • Charlot barbiere (8 minuti)

martedì 14 maggio 2019

Repulsione (1965)




Regia: Roman Polanski
Anno: 1965
Titolo originale: Repulsion
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.8)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Primo lungometraggio straniero di Roman Polanski. Angosciante, claustrofobico, malato. Anche a distanza di tutti questi anni, Repulsione può riuscire ad essere intrigante grazie al tema della follia e del disturbo mentale. La protagonista, Catherine Deneuve, è vittima e carnefice: la paura che riesce ad insinuare nello spettatore deriva dalla sua lenta metamorfosi, dal suo progressivo isolamento, dal suo costante lasciarsi andare. E' soffocata dalla propria repulsione verso gli uomini, una repulsione non visivamente rumorosa, ma che Polanski riesce a dipingere attraverso gesti sempre più complessati o visioni allucinanti ed oniriche. Inquietante, girato in maniera matura pur essendo uno dei suoi primi lavori, colpisce ed affonda noi che guardiamo con attenzione e cerchiamo di capire anzitempo la trama.

Edizione: bluray
Semplice amaray con titolo in inglese sulla copertina, con qualità video accettabile per l'età del film, ma non completamente pulita ogni immagine. La traccia italiana è presente sia in stereo che in Dolby Digital multicanale, ma è presente un fruscio di sottofondo e forse presenta qualche problema di sincrono in alcune scene. Gli extra sono davvero scarsi:

  • Trailer originale
  • 2 schede

domenica 12 maggio 2019

Roma 2 - Juventus 0

Poco da dire anche su questa partita. La Juventus è più forte, ma non lo dimostra. La Roma deve vincere se vuole affacciarsi in zona Champions, e lo fa credendoci e non arrendendosi. Non conta nulla? Sì che conta: dopo due pareggi consecutivi si spera, anche a campionato finito, quantomeno in una determinata prestazione. La Juventus invece ci prova a sprazzi, rendendosi sì pericolosa, ma nei fatti inconcludente. E viene punita. Nelle ultime settimane l'attenzione resta catalizzata sul possibile cambio di allenatore, oppure sul far restare Allegri seduto in panchina. Di certo partite di questo genere, con tale risultato, sia sul campo che sul tabellino, spingono verso la sua uscita. Tra ringraziamenti per quanto dato, ma anche respiri di sollievo da parte di chi pretende aria di rinnovamento, sfide di altro tenore, ed una volontà di costruire gioco oltre che risultati.

Fioritura delle giunchiglie sul Monte Croce

Annullata questa, annullata quella... Ma non demordo e trovo Lupus in Trekking. Non è un gruppo con GAE e non si tratta di niente di professionale, ma semplici ragazzi con la passione del trekking (e dei giochi da tavolo). Universitari di Pisa, perlopiù, ma non solo. Organizzati benissimo tramite i social , conoscono e sfruttano le funzionalità dei gruppi whatsapp (finalmente direi). Pratici, competenti, vogliosi di fare. Mi hanno garantito che pioggia o non pioggia, qualcosa questa domenica avremmo fatto. Ed è infatti stato così. La giornata di ieri, sempre sulle Apuane, non faceva sperare in niente di buono dal punto di vista del meteo, ed un po' tutti i gruppi che seguivo, a ruota hanno annullato le escursioni che potevano interessarmi. Nuvole, vento, pioggia: impossibile riuscire ad essere certi della riuscita di un'escursione in queste zone. Ma i lupi ci hanno creduto, sono partiti per Palagnana ed hanno deciso di iniziare questa avventura. A tornare indietro eravamo sempre in tempo no? E così siamo riusciti a goderci la fioritura delle giunchiglie, che nonostante le avversità erano abbastanza copiose sul Monte Croce, la cui vetta arriva a 1314 metri. Altra bella sgambata quindi (e io credevo oggi di fare un semplice defaticamento) ancora una volta alla conquista della croce. Giusto in tempo per qualche foto ricordo, poi restare in balia del vento e delle nuvole cariche di pioggia, sarebbe stato da incoscienti. Scendiamo tranquilli per i prati fioriti, pranziamo al coperto dalle possibili intemperie e passa così un'altra splendida giornata nella natura in cui non ci facciamo mancare una partita a Taboo

Album fotografico Fioritura delle giunchiglie sul Monte Croce

Trattoria Il Capitano, Viareggio

E' già la seconda volta che utilizzo i miei yums, accumulati da quando mi sfrutto il servizio di TheFork. In questa occasione nessuno sconto applicato, ma un buono da 50 euro (2000 yums quindi) in uno dei pochi ristoranti, fuori dalle grandi città che permette questa forma di pagamento. Trovandomi in zona Viareggio ho prenotato alla Trattoria Il Capitano. Non è di quei posti vista mare o sulla strada principale, ma ben arredato e con personale molto disponibile ed accomodante. I prezzi sono leggermente più alti della media, ma siamo a Viareggio, ci può stare. Le porzioni, a dispetto di quanto letto in alcune recensioni, le ho trovate abbondanti. Sia le mie, che quelle che spiavo nei tavoli accanto. Acqua, calice di
Gewurtztraminer DOC, crudité di mare (e qui si capisce che è un buon ristorante), carbonara di mare del Capitano, tiramisù e caffè. Conto: 8€ grazie a thefork.




Se utilizzi questo codice puoi avere già dalla prima prenotazione 1000 yums, pari a 20 euro su TheFork

sabato 11 maggio 2019

Monte Matanna 1317 m - Alpi Apuane, con Maremma Trek

Un passo per volta, a piccoli step, come già avevo pensato durante la mia prima escursione sulle Apuane, sempre con Maremma Trek, quella volta del Forato. Alziamo quindi un po' il coefficiente di difficoltà, legato soprattutto all'ascesa totale così come all'altitudine ed al terreno. Ma con la Guida giusta ed il gruppo giusto, la fatica si fa sentire solo a tratti, e pensi soprattutto a quanto sia bello. A quanto sia divertente ed entusiasmante, non solo per la godibilità paesaggistica, ma anche per la prova svolta ed il premio di arrivare in vetta. Il mare da una parte, le montagne dall'altra ed in mezzo ci siamo noi. Con un meteo che in parte ci ha accontentato privandoci del sole durante le tratte più impegnative, ma rendendo il belvedere ugualmente affascinante. Solo nel pomeriggio la pioggia ci ha colpito, non trovandoci però impreparati e nel complesso risultando accettabile. Il gruppo è ancora una volta formato da gente capace e simpatica, alcuni volti nuovi ed altre vecchie conoscenze. È sempre un peccato salutarci sulla via del ritorno, ma sicuramente ci saranno altre occasioni ed altre esperienze.

Album fotografico Monte Matanna 1317 m - Alpi Apuane

venerdì 10 maggio 2019

E' arrivata anche Livia

Come membro della Società Pallavolistica "I Divini" un annuncio veramente importante: alle 00.06 è nata Livia. La ADS Claire Medlars ci ha comunicato questa notte del nuovo arrivo, atteso da nove mesi. Un augurio sentito, che parte da 25 anni fa ai campi scuola e va su su nel corso del tempo per una persona che ci è sempre stata, fino ai giorni della Cricca ed i pensieri di Bologna ed il trasferimento nella terra del Carciofo Pride. Non mancherò però l'incontro con Claire, il babbo Roberto ed appunto la nuovissima Livia, il prima possibile per poterle insegnare le basi delle schiacciate ad effetto e vederla arrampicare nei parchi avventura di tutto il mondo durante i compleanni storici ed avventurosi. Attendiamo il ritorno in Città, per festeggiare tutti insieme. Auguri Livia, per questo tuo primo giorno tra di noi!

giovedì 9 maggio 2019

Lo Spietato (2019)




Regia: Renato De Maria
Anno: 2019
Titolo originale: Lo Spietato
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.3)
Pagina di I Check Movies

E' in questi giorni al cinema, [Mi hanno fatto credere che fosse così, invece è un altra roba con lui protagonista] "ma" io lo ho appena visto su Netflix e ne ho approfittato. Inizia bene, un bel gangster movie ambientato negli anni ottanta e giù (o su) di lì nella Milano bene della malavita. Forse di una lunghezza eccessiva, non convince fino in fondo, ma discrete le ricostruzioni ad eccezione di uno Scamarcio che non invecchia e non ringiovanisce mai. Tolto questo, il personaggio è un potente, venuto dalla strada e fattosi avanti nel mondo spietato della criminalità organizzata. Una carrellata che lo vede impegnato in furti, rapine, sequestri, omicidi e spaccio di droga per un'ascesa al potere condita anche con una simpatica punta di ironia e qualche cliché. La parte iniziale è ampiamente migliore rispetto a quella centrale ed alla quasi noiosa finale, con un epilogo ormai scontato e senza verve. Però mi sono goduto e concentrato sulla sua evoluzione e sul fascino dell'azione in un mondo lontano ormai diversi lustri. Piacevole, senza brusche accelerate.

martedì 7 maggio 2019

L'Isola Dei Cani (2018)




Regia: Wes Anderson
Anno: 2018
Titolo originale: Isle Of Dogs
Voto e recensione: 6/10
Pagina di IMDB (7.9)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Bello, e con un filo di nostalgia volo sulle immagini di Fantastic Mr. Fox, perchè se unisci Wes Anderson all'animazione in stop motion ti viene in mente quel quasi capolavoro. Parlando esclusivamente di gusto personale, mi ha colpito meno però, pur riconoscendo che è stata un'esperienza nuova e piacevole. Come al solito, e parlo per la produzione di Wes Anderson, la sceneggiatura ed il soggetto sono componenti "strani" e qui vengono allargati gli orizzonti scegliendo un futuristico Giappone in cui ambientare al storia. Lo fa cogliendo a mani basse elementi tipici dei lavori orientali, pur dandogli un'impronta americana. Infatti i personaggi umani neanche vengono sempre tradotti e quando lo sono, questo avviene in parte: il pubblico è spettatore di questa ambientazione ed il punto di vista è incentrato maggiormente (ma non totalmente) su quello animale. Una prova assolutamente originale ed adatta ad un pubblico vasto. Non fatevi però incantare troppo: è sempre un lavoro di Wes Anderson, non indirizzato ai bambini piccoli, non è un Disney per fortuna.
Aggiungo una traccia della colonna sonora:



Edizione: bluray
Amaray con un solo disco bluray: video ineccepibile, traccia italiana purtroppo in semplice DTS 5.1 mentre gli extra sono:
  • Trailer
  • Galleria
  • Promotional featurettes (28 minuti)

domenica 5 maggio 2019

Cinque Terre e Porto Venere, con Kilometro Inverso #2

Notte tranquilla, leggermente disturbata dal vento che voleva farci capire le intenzioni della giornata odierna. Eppure ci alziamo ed il sole parrebbe prendersi gioco delle previsioni meteo. E' solo uno scherzetto di cattivo gusto che ci allieta però durante la colazione al rifugio. Il tempo di essere tutti pronti alla partenza ed inizia a piovere: ovviamente la discesa è un sentiero ripido con scale in pietra scivolosissima, che impegna le nostre doti di equilibristi. E' un po' come giocare a calcio saponato, per fortuna ogni tanto ci sono appigli come i massi dei muretti a secco o i tubi Dalmine, sempre al top. Nonostante la pioggia battente, questa volta non mi sono fatto trovare impreparato ed ho sfruttato il mio abbigliamento tecnico, senza che una sola goccia mi bagnasse la pelle o i calzini. Neanche quando arrivati a Portovenere ci siamo fatti sorprendere sugli scogli da un'onda, emulando i più divertenti video di Paperissima. Zuppi all'esterno poi, abbiamo concluso l'escursione di oggi trasformandola in culinaria e godendoci un tipico pranzo ligure.

Album fotografico Cinque Terre e Porto Venere #2

Cinque Terre e Porto Venere, con Kilometro Inverso #1

Mia prima esperienza in un'escursione "zaino in spalla". Torno alle Cinque Terre a distanza di sole due settimana dopo la tre giorni con Vagamondo (#1, #2, #3) questa volta con il gruppo, più ridotto, di Kilometro Inverso. Come dicevo, zaino in spalla... La parte più complicata diciamo che è stata quella di poterlo preparare e cercare di capire cosa portare di essenziale e di leggero. Chi mi ha visto nelle numerose escursioni fatte in questo anno sa che prediligo il minimo necessario: zaino che più piccolo non si può con dentro acqua, barrette per pranzo, cappello e K-way. Il resto è sempre stato superfluo e soprattutto non ho mai avuto bisogno di altro (giusto un telo mare nelle ultime uscite). Il gioco però si è fatto interessante: lo zaino che utilizzo adesso è abbastanza grande, quindi viene anche voglia di poterlo riempire, salvo poi dover fare i conti di muoversi per svariati Km con un peso eccessivo e presumibilmente sotto la pioggia battente. Detto questo, partenza in treno questa mattina e ritrovo a La Spezia. Da qui nuovo treno per Riomaggiore da cui siamo partiti per il trekking a piedi lungo il sentiero dell'infinito, magico e suggestivo, fino al rifugio presso Portovenere. Il meteo per oggi è stato solidale, con una giornata splendida e primaverile.

Album fotografico Cinque Terre e Portovenere #1

venerdì 3 maggio 2019

Juventus 1 - Torino 1

Le ultime partite di campionato non le ho viste, un po' perchè si trovavano su DAZN che schifo alquanto e non sono più abbonato terminati i mesi gratuiti e le promozioni, un po' perchè ero sempre fuori casa impossibilitato a poterle guardare. Quindi non per il fatto che lo Scudetto era ormai acquisito da tempo immemore. Questa sera torno con il derby, continuando a ringraziare la società, lo staff ed i giocatori per tutte le gioie che ci hanno regalato. Nonostante gli stimoli differenti, mi aspettavo, ma ormai è lecito rinunciarci, un atteggiamento maggiormente propositivo da parte della Juventus, che spinge, ma non affonda mai seriamente. Alla prima disattenzione, una vaccata immane, ci puniscono e passano in vantaggio. Timidi gli arrembaggi bianconeri che comunque paiono superiori a quelli granata che nonostante la buona volontà quasi mai impensieriscono la nostra difesa. Va detto che giocano però una buona partita, mentre gli errori in fase di preparazione della Juve fanno sì che i molti cross sbagliati non creino loro chissà quali timori. Alla fine ci pensa sempre lui, CR7 che segna la rete del pareggio.

Aggiornamento Oxygen OS 9.0.5


A distanza di circa due mesi mi arriva OTA l'aggiornamento alla versione 9.05.5 per OxygenOS. Il peso è soltanto di 280 MB, ma ci sono numerose correzioni di bug e soprattutto la patch di sicurezza Android aggiornata ad Aprile 2019. Questo proprio oggi che leggevo da qualche parte che il mio amato OnePlus 5 riceverà, quando sarà ora, l'upgrade per la versione Q di Android. Quindi aggiornamenti costanti e duraturi nel tempo, e sempre al passo con i marchi più blasonati e conosciuti.

Cimitero Vivente (1989)

Regia: Mary Lambert
Anno: 1989
Titolo originale: Pet Sematary
Voto e recensione: 5/10
Pagina di IMDB (6.6)
Pagina di I Check Movies
Acquista su Amazon

Film:
Mai visto, o comunque non ricordo, questo film tratto dal romanzo di Stephen King. Ed anche la lettura del libro mi manca, nonostante nel corso degli anni mi sia dato davvero da fare. Secondo me deve essere stato uno spasso leggerselo e dall'impostazione del girato sembra infatti che siano stati fatti alcuni tagli, ma in mancanza di elementi non posso pronunciarmi. La sceneggiatura è comunque in mano allo stesso Re dell'horror, quindi è presumibile che il risultato finale non sia malaccio. Il film è vecchiotto, del 1989, ma non paleolitico, eppure alcuni effetti derivanti dal trucco sembrano essere ancora più datati come ad esempio gli occhi maligni del gatto. o appunto l'animale stesso che probabilmente in alcune scene è un pupazzo. L'atmosfera è comunque buona, soprattutto nel finale con il bambino che diventa il pericolo ed il male: senza troppo esaltare determinate scene, ciò che viene mostrato può essere considerato abbastanza inquietante. Per gli amanti del genere è da guardare soprattutto in vista del nuovo remake che mi incuriosisce.

Edizione: bluray
L'artcover di questa normale amaray riporta il titolo originale, mentre quello italiano appare, ma come secondo titolo, a caratteri molto più piccoli. Giusto per generare confusione secondo me con il remake. La qualità del video è molto buona, con colori così belli che sembra addirittura u  film moderno (certo, ci sono alcuni limiti) ambientato negli settanta o ottanta. Purtroppo invece la traccia audio non è per niente all'altezza della rimasterizzazione in alta definizione: abbiamo per l'italiano un semplice stereo- Gli extra sono:
  • Commento audio con sottotitoli
  • Cimitero vivente: paura e ricordo (7 minuti)
  • Cimitero vivente: (10 minuti)
  • 4 gallerie
  • Contenuti speciali originali (37 minuti)

mercoledì 1 maggio 2019

Gavorrano - Cala Violina: Grande Traversata, con Maremma Trek

Le escursioni con Maremma Trek non sono mai dozzinali e noiose. David si è inventato un tragitto per niente semplice che parte da Gavorrano, attraversa le Colline Metallifere, salendo sul Monte Calvo per poi allungarsi sulle Bandite di Scarlino e giungere a Cala Violina. Una Grande Traversata che oggi è terminata con 29,8 Km ed un'ascesa positiva di 930 metri. Circa 9 ore di cammino al netto delle soste, scappando dalle nubi che a loro volta hanno fatto fuggire i bagnanti timorosi: la spiaggia bagnata dal sole proprio al nostro arrivo era tutta per noi. Senza il caos del giorno di festa, per farci rilassare, mettere i i piedi al fresco e goderci un meritato riposo dopo le fatiche di questi giorni,

Album fotografico Gavorrano - Cala Violina: Grande Traversata

lunedì 29 aprile 2019

Escursione Pomeridiana con Morellino al Tramonto, con Maremma Tek

La lunga settimana di escursioni, camminate, emozioni ed esperienze è terminata nel modo migliore possibile. Ancora una volta accompagnato da Maremma Trek, con cui inizia ad esserci un bel legame. Questa volta ci spostiamo nel più tranquillo grossetano, per quella che veramente è una semplice passeggiata nella natura, adatta a tutti. Sia a chi vuole avvicinarsi all'escursionismo in quanto ha modo di ammirare le magnifiche zone collinari ed i vigneti, sia per chi intende comunque avere una giornata di relax non rinunciando alle proprie passioni. Lungo il tragitto inoltre non mancano avvistamenti interessanti come le impronte di un lupo, un cavallo che si mette in posa per essere fotografato, le pecore che placide ci belano svogliatamente; anche un torrente da guadare senza bagnarsi con l'ausilio di una tavola, ma dulcis in fundo il premio che tutti noi aspettavamo. Giunti al termine dell'escursione infatti ci dirigiamo al Podere Casina: un'Azienda vinicola familiare che ci delizia con una merenda / aperitivo al tramonto, comprensiva di degustazione dei loro vini. Un'altra giornata perfetta.

Album fotografico Escursione Pomeridiana con Morellino al Tramonto

sabato 27 aprile 2019

Via Francigena #32: San Gimignano - Monteriggioni, con Maremma Trek

E dopo aver cominciato le Alpi Apuane, un altro piccolo inizio: un tatto della via Francigena. Per esattezza la Tappa #32 che va da San Gimignano fino a Monteriggioni. Ufficialmente 31,3 Km con quegli ultimi "sei o sette" che non finivano mai e sembravano raddoppiare ad ogni passo. A detta di molti è una delle più belle tappe toscane ed il piccolo gruppo (+ 2 desaparecidos) di Maremma Trek è riuscito nell'impresa. Leggermente stravolto all'arrivo, ma felice ed orgoglioso. Nonostante la lunghezza e la fatica accumulata dalle varie escursioni di questi giorni, per quanto mi riguarda, è stato un tassello fondamentale della mia crescita, che non potevo farmi mancare. Stupenda la partenza dalle torri di San Gimignano, così come l'arrivo, simile ad un'oasi pellegrina con le mura di Monteriggioni con un percorso vario nella forma e nel colore (semi cit.) che ci vede passare tra le verdi colline toscane, boschi, vigneti e piccole pievi che sanno riempirti lo sguardo e lo spirito. Tempo per le chiacchiere, per confrontarci, tempo per il silenzio, per apprezzare ciò abbiamo di fronte e ciò che ci lasciamo alle spalle. Spero già di poterne fare altre di così belle ed interessanti.

Album fotografico Via Francigena #32: San Gimignano - Monteriggioni

giovedì 25 aprile 2019

Monte Forato 1230 m - Alpi Apuane, con Maremma Trek

Finalmente le Alpi Apuane a me. Un po' come la storia di Maometto. Avevo programmato da diversi mesi questa escursione, ed altre che verranno con l'asticella che continua ad alzarsi. I vari camminatori incontrati durante le mie uscite mi hanno sempre raccontato con titubante ammirazione e rispetto le Alpi Apuane. Così, essendo realmente alle prime armi, sono partito con i piedi di piombo, chiedendo consigli e tenendomi sempre allenato. Questa mattina è giunta la fatica ora della partenza, dopo i bagordi di Buti ed un girovagare di quasi una settimana, ma ero prontissimo. Il percorso si è rivelato impegnativo, essenzialmente per lo strappo finale che ci ha portato fino in vetta a quota 1230 metri. Però devo dire che è stato piacevole e soprattutto fattibile. E' infatti la meta consigliata per iniziare con le Apuane, il dislivello non è una cosa eccessiva e soprattutto non ci sono tratti esposti durante la camminata. Il gruppo di Maremma Trek è composto da trekker decisamente esperti e con la voglia di andare avanti, senza rinunciare a niente. Essendo inoltre il numero dei partecipanti ridotto ci muoviamo velocemente, ridiamo e scherziamo tra tutti, ma senza prenderla come una scampagnata domenicale. I paesaggi che ci hanno circondato sono stati bellissimi, ora sporcati dalle nuvole minacciose, ora bagnati dalla luce del sole. Questa è esperienza è sicuramente da ripetere.

Album fotografico Monte Forato 1230 m - Alpi Apuane

mercoledì 24 aprile 2019

Il Dek - italian bistrot, Prato

Non so se capiterete mai a Prato. Nel caso oltre al Centro per l'arte Contemporanea Pecci, potete fare visita a Il Dek - Italian bistrot. Trovato su TheFork, come al solito, in posizione centrale con vista sul castello, è uno dei rari locali che accetta gli yums. Ho pranzato all'esterno per sfruttare la bella giornata, ma durante la passeggiata per andare in bagno, ho controllato anche l'interno. Carino ed accogliente. Ma il bello ha da venire. Il menù, vasto ma senza perderci la testa, è un insieme di rivisitazioni culinarie che dalla descrizione fanno subito intendere l'interesse che i proprietari hanno per il cibo. Ho scelto una tartare di avocado, superba e appetitosa, e come primo la "carbonara non carbonara", altrettanto deliziosa e per niente pesante. Ad accompagnare le pietanze acqua, un calice di Vernaccia di San Gimignano ed un caffè. Il prezzo alla carta (40€) non è certo da locale economico, ma non penso sia quella l'intenzione. A mio avviso li valeva tutti. Usufruendo di 1000 yums ed uno sconto del 20% il mio conto è stato di 12€. Un colpo di assoluta fortuna





Mattacena, Firenze

Tutto perfetto. Probabilmente il migliore finora utilizzato, ed a Firenze c'era una vasta scelta. Mattacena è posto in zona centrale, l'ambiente è al tempo stesso vasto, ma i tavoli non sono ammassati e danno il giusto respiro e senso di essere appartati. Arriviamo con quasi 20 minuti di anticipo, ma con gentilezza ci accolgono. L'arredamento è interessante e fa già una bella impressione  così come il menù. Curato ed originale, per niente scontato. Bella anche l'idea di poter scegliere mezze porzioni per avere la possibilità di fare più assaggi. Per questo quindi non sarà possibile fare un riassunto del prezzo a persona, ma inserirò il totale per due persone. Gli antipasti sono bei taglieri anche sistemati in maniera che l'occhio voglia la sua parte. Ne prendiamo due mezzi ed uno intero. Non solo: la pizze proposta (mi pare sei, ma tutte con ingredienti di qualità  e beben fatte) sono pinse e hanno la parvenza di un piatto completo ed elegante. Per niente dozzinale. Dividiamo anche un dolce e completiamo con acqua e due calici di rosso. Totale (con sconto applicato del 30%) 50,2€. Da tornare sicuramente anche senza la promozione. È uno di quei locali con una marcia in più..







Interludio tra più trekking

Terminata l'avventura di tre giorni alle Cinque Terre ed avendo in programma altre escursioni per il 25 aprile, c'è stato bisogno di fare un piccolo ponte che collegasse le varie esperienze. Per questo motivo la base scelta è stata Lido di Camaiore: da qui, nonostante il meteo avverso, la pioggia ed il vento la direzione scelta è stata l'Oasi del lago di Massaciuccoli. Tragitto semplice sul percorso con palafitte e nel bosco umido. Nonostante le succittate condizioni atmosferiche avverse, siamo riusciti ad apprezzare non sia la flora che la fauna di questo particolare habitat. Per fuggire dalle intemperie l'idea vincente è stata quella, infine, di prendere direzione per Pisa. Dal punto di vista artistico ha sempre qualcosa da offrire con varie mostre. Al Palazzo Blu, ormai una certezza, abbiamo "Explore. Sulla Luna e oltre" curata da National Geographic e con la collaborazione speciale dell’Agenzia Spaziale Italiana. Poco più distante, al Muse della Grafica invece ci attendono circa 70  scatti fotografici dagli archivi della Universal per la mostra dedicata ad Alfred Hitchcock. Instancabili, sulla strada di ritorno verso Firenze, piccola sosta a Pontedera per visitare gratuitamente il Museo Piaggio.

Album fotografico Oasi di Massaciuccoli 

Album fotografico Hitchcock,  Luna e Piaggio

Il Sipario, Pisa

In questa mini vacanza improvvisata, a giro per la Toscana usare TheFork è diventato di fondamentale importanza. Pioveva forte, non sapevo le tempistiche per ciò che avrei fatto durante la giornata. Così dai un'occhiata ai ristoranti, ai prezzi, alla posizione ed agli sconti. Ecco quindi che cala il Sipario (bella questa), in zona centrale a Pisa. Sia ristorante che pizzeria, personale gentile, menù un po' anonimo e corto, ma il cibo era buono. Antipasto misto toscano, gnocchetti alle noci, acqua e caffè. Da 26€ si passa a 20,8€ grazie allo sconto del 20%.  Rispetto a tanti altri posti turistici  può essere una sicurezza.

martedì 23 aprile 2019

Liberi pizzeria, Lido di Camaiore

Forse la serata piovosa e lugubre non ci è stata d'aiuto per avere una bene impressione complessiva. Il locale Liberi Pizzeria si trova in una buona posizione ad angolo della parallela al lungomare. Sembra che abbia esclusivamente tavoli all'esterno, coperti da anonime tende bianche. Non ci pioveva dentro, ma abbiamo dovuto tenere il giacchetto. Il personale è gentile  ma il tutto è stato troppo sbrigativo. Il tempo di ordinare e le pizze erano praticamente già pronte. Buone e ben farcite, ma il prezzo è alto. Una specialità, non assaggiata perché avevamo voglia di pizza, sono le patate farcite. Come dolce una lingua di pasta, da bere birra artigianale e una sambuca. Il prezzo a testa era di circa 24€ scontato al 20% è arrivato a 19,6€. A mio avviso troppo alto per dolce  birra e pizza.






Se utilizzi questo codice puoi avere già dalla prima prenotazione 1000 yums, pari a 20 euro 

lunedì 22 aprile 2019

Cinque Terre, con Vagamondo #3

Oggi la giornata più bella. La conclusiva e quella dei saluti in cui si tirano le somme e viene fuori un'esperienza con persone molto belle. L'interazione è stata la ciliegina sulla torta di una tre giorni dedicata al trekking. Oliviero (con l'aiuto di Nicoletta ) ha saputo tirar fuori più di un percorso. Per tutti i gusti e tutte le esigenze. C'è stato il tempo per camminare, per osservare i paesaggi (oggi da Levanto siamo partiti prima per Vernazza e poi per Monterosso ), per ascoltare, per bere e mangiare i prodotti tipici (anche quelli cucinati e portati dal gruppo), per ridere e scherzare. Quella di oggi inoltre secondo me anche paesaggisticamente è stata la chiusura più idonea e completa, così come parte degli strappi in salita con le ormai onnipresenti scale, sono stati i più esaltanti. Esperienza senza dubbio da ripetere.

Album fotografico Cinque Terre #3

Cinque Terre, con Vagamondo #2

Secondo giorno, secondo avventura da Vagamondo. La notte passa indolore all'ostello anche grazie ai tappini per le orecchie. Sveglia presto, piccola colazione leggera e treno fino a Corniglia. Oggi siamo nel cuore delle Cinque Terre e da qui partiamo per la scalata. Già, scale. Naturali, artificiali, in salita o in discesa, ma anche di traverso, oblique, gialle e al lampone. Insomma il percorso, come vuole la conformazione del luogo è sempre un continuo sali sali sali e scendi scendi scendi. E passando da Manarola fino a Rio Maggiore  vediamo i numerosi terrazzamenti che dipingono lo sfondo collinare, cornice di una costa bellissima.

Album fotografico Cinque Terre #2


sabato 20 aprile 2019

Cinque Terre, con Vagamondo #1

Prima esperienza di più giorni, alle Cinque Terre con il già collaudato gruppo di Vagamondo. In realtà oggi, nonostante la base sia Levanto  ci siamo spostati verso nord ovest fino a Framura, attraversando quello che fu l'ex Parco dei Promontori. Si parte leggeri (a detta di Oliviero) ma i postumi di ieri sera, la sveglia pre alba, le ore di strada e il saliscendi si fanno sentire a fine serata. Compagnia top, gruppo già affiatato e abbiamo tempo per assaggi di vino e bagno (o tentativo) nel mar ligure. Si passa per Bonassola attraverso il percorso della vecchia ferrovia e tra salite e discese ecco che ci si presentano i tipici panorami mozzafiato della costa. Ostello, aperitivo ed infine cena con le giuste sintonie e sinergie. E domani si riparte per le Cinque Terre, quelle vere.

Album fotografico Cinque Terre #1